Va­len­ti­ni e il th­ril­ler sen­ti­men­ta­le tra la Li­sbo­na del fa­do e la Pu­glia

Il Messaggero - - Cultura - LETTORE PAS­SIO­NE An­drea Ve­lar­di RA­GIO­NA­MEN­TO Fran­ce­sco Mu­so­li­no

er­ché mai una don­na co­me Li­sbe­th ha un dra­go ta­tua­to sul­la schie­na? Ci do­ve­va es­se­re una ra­gio­ne e io vo­le­vo sco­prir­la. Non ci dor­mi­vo la not­te. Fin­ché ho vi­si­ta­to la cat­te­dra­le di Stoc­col­ma in cui si tro­va una gran­de sta­tua di San Gior­gio che sta per tra­fig­ge­re il dra­go con la spa­da e so­no ri­par­ti­to da qui». Il gior­na­li­sta e scrit­to­re sve­de­se Da­vid La­ger­cran­tz, ha rac­col­to il te­sti­mo­ne di Mil­len­nium , la sa­ga th­ril­ler di suc­ces­so crea­ta dal com­pian­to Stieg Lars­son che ha ven­du­to nel mon­do più di 80 mi­lio­ni di co­pie e il quin­to li­bro, L'uo­mo che in­se­gui­va la sua om­bra (pre­sen­ta­to ie­ri a Por­de­no­neLeg­ge in an­te­pri­ma ita­lia­na) si apre pro­prio con l'im­ma­gi­ne di que­sto mae­sto­so dra­go, in­chio­stro su car­ne. Il lettore si ri­tro­va abil­men­te ca­ta­pul­ta­to sul­le trac­ce del pas­sa­to do­lo­ro­so e an­co­ra oscu­ro di Li­sbe­th che è rin­chiu­sa in un car­ce­re di mas­si­ma si­cu­rez­za, an­co­ra pre­da dei suoi in­cu­bi. Li­sbe­th è spes­so in­de­ci­fra­bi­le – per­si­no per Mi­kael “Kal­le” Blo­m­k­wi­st, il ce­le­bre re­por­ter che la af­fian­ca sin dal pri­mo li­bro – ma cer­ta­men­te non tol­le­ra le in­giu­sti­zie. E in cel­la tro­ve­rà il mo­do non so­lo di far­si ri­spet­ta­re ma pren­de­rà a cuo­re le sor­ti di una bel­lis­si­ma pri­gio­nie­ra mu­sul­ma­na, ter­ro­riz­za­ta da una ga­leot­ta af­fa­sci­na­ta dal fa­sci­smo, Be­ni­to An­ders­son. Ma non so­lo. Co­glien­do un fu­ga­ce ri­cor­do del suo pri­mo tu­to­re, Li­sbe­th met­te­rà a frut­to le sue ce­le­bre do­ti di hac­ker per rac­co­glie­re in­for­ma­zio­ni sul­la pro­pria in­fan­zia, met­ten­do in mo­vi­men­to an­che Blo­m­k­vi­st che si tro­ve­rà ra­pi­da­men­te in­vi­schia­to in una po­ten­te tra­ma che af­fon­da le ra­di­ci nel pas­sa­to del­la Sve­zia, fra men­zo­gne, se­gre­ti odio­si, ge­mel­li omo­zi­go­ti se­pa­ra­ti al­la na­sci­ta, xe­no­fo­bia ed eu­ge­ne­ti­ca. Giun­gen­do si­no a sco­pri­re sco­mo­de ve­ri­tà, ria­pren­do do­lo­re fe­ri­te mai so­pi­te. Dia­lo­gan­do con Il Mes­sag­ge­ro in oc­ca­sio­ne del suo tour ita­lia­no, La­ger­cran­tz sol­le­va an­che al­tre im­por­tan­ti ri­lie­vi che spo­sta­no l'at­ten­zio­ne sull'at­tua­li­tà: «Mai co­me og- l Por­to­gal­lo do­ve­va es­se­re l'El­do­ra­do tem­po­ra­neo e tran­quil­lo per i pro­ta­go­ni­sti di que­sto th­ril­ler sen­ti­men­ta­le tra la me­ra­vi­glia del­la Li­sbo­na “sfa­vil­lan­te” di Pes­soa, gli stra­piom­bi sull'ocea­no, gli an­ti­chi mo­na­ste­ri, le pro­ie­zio­ni del­la sto­ria son­tuo­sa di un Im­pe­ro va­stis­si­mo ri­dot­to ad una pic­co­la area geo­gra­fi­ca e al sor­ti­le­gio in­con­so­la­bi­le del­la sau­da­de e del fa­do. Ep­pu­re Ul­ti­ma not­te a Li­sbo­na di Gio­van­ni Va­len­ti­ni fa pe­ne­tra­re nel pae­se del­la so­spen­sio­ne me­lan­co­ni­ca i fre­mi­ti dell'eros fu­ga­ce e com­pul­si­vo, del­la su­spen­se in­ve­sti­ga­ti­va, di un ama­ro scon­tro tra spe­ran­za di ri­na­sci­ta e in­com­ben­za del pas­sa­to che con­flui­sco­no tut­ti nel mi­ste­ro del­la mor­te di Ca­rol, ca­du­ta dal Pon­te 25 de Abril, so­spe­so per due chi­lo­me­tri sull'estua­rio del Ta­go, con la po­ten­za del suo ac­cia­io co­lo­ra­to di ros­so rug­gi­ne. La ra­gaz­za del­la Penn­syl­va­nia, im­pul­si­va, eu­fo­ri­ca, in­ca­pa­ce di con­te­ne­re emo­zio­ni e pul­sio­ni ses­sua­li, ave­va stu­dia­to all'Uni­ver­si­tà di Lec­ce, at­trat­ta dal ma­re e dal­le me­ra­vi­glie del ba­roc­co. Ine­di­to le­ga­me tra Por­to­gal­lo e Pu­glia che Va­len­ti­ni co­strui­sce an­che at­tra­ver­so Al­fon­so Del­ga­do, gior­na­li­sta pu-

Iglie­se che si ri­ti­ra con la mo­glie Ma­rian­na, do­po an­ni di la­vo­ro nel­la cro­na­ca giu­di­zia­ria e cer­ca i luo­ghi di Pe­rei­ra, l'eroe so­li­ta­rio del ro­man­zo di An­to­nio Ta­buc­chi, re­spon­sa­bi­le del­la pa­gi­na cul­tu­ra­le del Li­sboa sot­to il re­gi­me di Sa­la­zar. Ca­rol ir­rom­pe nel­la sua vi­ta con­di­vi­den­do la gio­ia del­la pro­po­sta di matrimonio di John, ra­gaz­zo­ne atle­ti­co, aman­te del golf. Men­tre Ma­rian­na ozia a let­to e John si de­di­ca al­la sua pas­sio­ne, tra Al­fon­so e Ca­rol emer­ge un le­ga­me di for­te fi­si­ci­tà, ma so­prat­tut­to an­ce­stra­le, tra «l'esu­be­ran­za gio­va­ni­le di lei e l'af­fa­sci­nan­te ma­tu­ri­tà di lui», in cui Ca­rol pro­iet­ta una pa­ter­ni­tà dol­ce e sen­si­bi­le con­tro­al­ta­re di quel­la in­va­si­va e vio­len­ta del suo pa­dre na­tu­ra­le. In una gi­ta a Ca­bo Espi­chel ver­so Se­sim­bra Ca­rol ri­ma­ne im­pie­tri­ta al sa­lu­to di un gio­va­ne in ca­not­tie­ra e ber­mu­da. Con il dram­ma dell'in­fan­zia rie­mer­ge il de­si­de­rio spro­por­zio­na­to di pu­li­re le col­pe. A Fa­ti­ma ri­ve­la il tra­di­men­to a Ma­rian­na. Poi la mor­te, l'ipo­te­si del sui­ci­dio dal pon­te sul Ta­go, l'aprir­si di con­nes­sio­ni più am­pie e sor­pren­den­ti. Co­sa è ve­nu­to a fa­re in Por­to­gal­lo Sal­va­to­re Gre­co, il boss del­la dro­ga del Sa­len­to, al­la cui ri­cer­ca si met­te Al­fon­so, ri­chia­ma­to al suo me­stie­re da una let­te­ra se­gre­ta di Ca­rol e dal­la re­da­zio­ne del suo gior­na­le che segue già una pi­sta in­ter­na­zio­na­le in­tri­ca­ta? Per­ché mi­nac­cia­va Ca­rol con dei vi­deo sca­bro­si che so­no fi­ni­ti nel­le ma­ni di John? Per­ché l'av­vo­ca­to Ni­ca­stro, no­to pe­na­li­sta pu­glie­se, ri­spon­de eva­si­vo sul Bar Sme­ral­do al cui nu­me­ro con­du­co­no le ul­ti­me chia­ma­te di Ca­rol? Al­fon­so Del­ga­do giun­ge ad una ve­ri­tà più in­ti­ma e più co­cen­te gra­zie al­le in­tui­zio­ni di una Ma­rian­na sor­pren­den­te­men­te com­pli­ce e al­la te­na­cia del cri­mi­na­le che vuo­le far­si sca­gio­na­re dall'ac­cu­sa di omi­ci­dio. E con­vin­ce per­fi­no l'ispet­to­re Car­va­lho ad usci­re dal­la fa­ci­le in­dif­fe­ren­za del­la ipo­te­si del sui­ci­dio per tra­sfor­ma­re la ras­se­gna­zio­ne del­la sau­da­de in bri­vi­do per i mi­ste­ri in­son­da­bi­li del­la men­te uma­na. quan­to pos­sia­mo fi­dar­ci. Ma gli esi­ti del suo ra­gio­na­men­to non so­no cer­to con­for­tan­ti: «il mer­ca­to azio­na­rio e la re­li­gio­ne si ba­sa­no en­tram­bi sul­la fe­de. En­tram­bi ci in­du­co­no a spe­ra­re in un fu­tu­ro più gran­de e più lu­mi­no­so ma, nel mo­men­to in cui per­dia­mo fi­du­cia nei lo­ro con­fron­ti o in cui pro­via­mo a ra­zio­na­liz­za­re, so­no de­sti­na­ti a col­las­sa­re. E noi con lo­ro». E co­sì il pas­so suc­ces­si­vo del suo ra­gio­na­men­to è lu­ci­da­men­te scon­for­tan­te: «For­se le guer­re del fu­tu­ro co­min­ce­ran­no pro­prio con per­di­ta di fi­du­cia nel ca­pi­ta­li­smo. So­no in an­sia per il no­stro fu­tu­ro, il di­va­rio eco­no­mi­co e so­cia­le cre­sce a di­smi­su­ra e le for­ze po­pu­li­ste stan­no gua­da­gnan­do po­te­re, se­mi­nan­do rabbia e ran­co­re». E di­fat­ti un gran­de te­ma di que­sto quin­to vo­lu­me è quel­lo del­la so­cie­tà mul­ti­raz­zia­le sve­de­se («pre­da di una de­stra po­pu­li­sta e sem­pre più ag­gres­si­va che sta frat­tu­ran­do la so­cie­tà ci­vi­le»), con La­ger­cran­tz che co­glie se­gna­li pre­oc­cu­pan­ti re­la­ti­va­men­te al ri­sve­glio po­pu­li­sta che se­mi­na rabbia e scon­ten­to: «Og­gi le fa­ke news so­no la peg­gio­re mi­nac­cia per la de­mo­cra­zia e la com­pren­sio­ne del no­stro mon­do. Le for­ze an­ti­de­mo­cra­ti­che so­no sem­pre più for­ti, le men­zo­gne e la di­sin­for­ma­zio­ne stan­no gua­da­gnan­do una cre­scen­te in­fluen­za nel­la sfe­ra pub­bli­ca e co­me se non ba­stas­se, la li­ber­tà d'espres­sio­ne è sot­to attacco». Sì, il ve­ro pro­ta­go­ni­sta di que­sto quin­to, riu­sci­to, vo­lu­me del­la sa­ga Mil­len­nium è pro­prio il caos, il ri­chia­mo dell'abis­so che dan­za al no­stro fian­co, in bi­li­co fra gli istin­ti pri­mi­ti­vi e i ta­bù cul­tu­ra­li. Vol­gen­do lo sguar­do sia all'at­tua­li­tà sia al pas­sa­to, Da­vid La­ger­cran­tz non per­de, in­fi­ne, l'oc­ca­sio­ne di met­te­re il lettore di­nan­zi ad una del­le teo­rie più af­fa­sci­nan­ti cir­ca il no­stro de­sti­no. In fin dei con­ti sia­mo il frut­to del­la ge­ne­ti­ca o dell'am­bien­te in cui cre­scia­mo? Chi sia­mo noi e che pe­so ha il no­stro li­be­ro ar­bi­trio sul de­sti­no cui an­dia­mo in­con­tro? «Co­me ha det­to Sar­tre, an­che den­tro una cel­la in car­ce­re noi pos­sia­mo sce­glie­re co­me rea­gi­re e com­por­tar­ci da­van­ti al­la real­tà del­le co­se. E pro­prio que­sta li­ber­tà d'azio­ne è il più gran­de pri­vi­le­gio del mon­do li­be­ro». E non dob­bia­mo di­men­ti­car­lo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.