«La mia paz­za gio­ia di aver­ce­la fat­ta»

L'at­tri­ce ro­ma­na si rac­con­ta a tut­to cam­po. Il nuo­vo film “Una fa­mi­glia”, gli esor­di dif­fi­ci­li, il pri­mo in­co­rag­gia­men­to di Ver­do­ne E il suc­ces­so gra­zie a una coc­ciu­ta de­ter­mi­na­zio­ne: «Que­sto me­stie­re l'ho so­gna­to, cer­ca­to, in­se­gui­to, da quan­do ave­vo 5 an

Il Messaggero - - Spettacoli - Mi­cae­la Ra­maz­zot­ti Glo­ria Sat­ta

La chio­ma pla­ti­na­ta, «da bion­da sval­vo­la­ta», è un ri­cor­do del pas­sa­to. «Ho ta­glia­to e scu­ri­to i ca­pel­li per­ché me l'ha chie­sto Ame­lio sul set di La te­ne­rez­za . Poi ho te­nu­to il ca­schet­to ca­sta­no: mi fa sen­ti­re me stes­sa, rap­pre­sen­ta il ma­schiac­cio che è in me». Mi­cae­la Ra­maz­zot­ti, 38 an­ni, due fi­gli e una car­rie­ra sor­pren­den­te che la ve­de in pi­sta da un ven­ti­cin­quen­nio, è un mix di in­no­cen­za e de­ter­mi­na­zio­ne, ele­gan­za e sex ap­peal sel­vag­gio, istin­to e gran ta­len­to spen­di­bi­le sia nel­le com­me­die sia nei dram­mi. Ro­ma­na del­la pe­ri­fe­ria, ha con­qui­sta­to lo sta­tus di pri­ma at­tri­ce ita­lia­na pas­so do­po pas­so, dai fo­to­ro­man­zi in­ter­pre­ta­ti da ado­le­scen­te ai film d'au­to­re, dal­le soap al­le com­me­die bloc­k­bu­ster: Que­stio­ne di cuo­re, Tut­ta la vi­ta da­van­ti, Il cuo­re gran­de del­le ra­gaz­ze, Po­sti in pie­di in pa­ra­di­so, An­ni fe­li­ci, La paz­za gio­ia. All'in­zio di que­sto per­cor­so c'è Zo­ra la vam­pi­ra , cult dei Ma­net­ti Bros (2000). Al­la fi­ne, pri­ma che nei pros­si­mi gior­ni l'at­tri­ce rag­giun­ga il set di Una sto­ria sen­za no­me di An­dò, c'è il dram­ma di Se­ba­stia­no Ri­so Una fa­mi­glia , pas­sa­to in con­cor­so a Ve­ne­zia e at­te­so in sa­la il 28 set­tem­bre con Bim. Mi­cae­la, sog­gio­ga­ta dal tur­pe ma­ri­to Pa­trick Bruel, in­ter­pre­ta il più stra­zian­te dei ruo­li: Ma­ria, che fa fi­gli per ven­der­li a chi non può aver­ne o adot­ta­re.

Co­sa le ha la­scia­to un per­so­nag­gio estre­mo co­me que­sto?

«La gio­ia di aver­lo in­ter­pre­ta­to. Mi ave­va af­fa­sci­na­to l'idea di rac­con­ta­re un le­ga­me di cop­pia pa­to­lo­gi­co, mor­bo­so. Del­la ma­ter­ni­tà, Ma­ria conosce so­lo la gra­vi­dan­za ma non l'al­lat­ta­men­to, la te­ne­rez­za, la sim­bio­si con il suo bam­bi­no. Di­ven­te­rà ma­dre dav­ve­ro so­lo li­be­ran­do­si del com­pa­gno-aguz­zi­no».

Lei è una di quel­le at­tri­ci che si iden­ti­fi­ca­no to­tal­men­te nei ruo­li, al pun­to di por­tar­se­li a ca­sa?

«Ma no, do­po 40 film ho ca­pi­to che è scioc­co ri­ma­ne­re in­col­la­ti ai per­so­nag­gi. Van­no la­scia­ti sul set. Men­tre gi­ra­vo Una fa­mi­glia , do­po aver as­sor­bi­to il do­lo­re strug­gen­te di Ma­ria la se­ra tor­na­vo a ca­sa can­tan­do a squa­cia­go­la. Fe­li­ce, li­be­ra­ta».

Se riav­vol­ge il nastro del­la sua vi­ta, da Zo­ra la vam­pi­ra ai suc­ces­si di og­gi, co­sa ve­de?

«La coc­ciu­ta de­ter­mi­na­zio­ne di una ra­gaz­za che ha vo­lu­to fa­re l'at­tri­ce con tut­ta l'ani­ma. Que­sto me­stie­re l'ho so­gna­to, cer­ca­to, in­se­gui­to fin da quan­do ave­vo 5 an­ni e sac­cheg­gia­vo l'ar­ma­dio di mia ma­dre per tra­ve­stir­mi. E ce l'ho fat­ta, ho avu­to la for­tu­na di in­con­tra­re dei mae­stri. Ma an­che le de­lu­sio­ni mi han­no aiu­ta­ta a cre­sce­re».

Ha ri­ce­vu­to mol­te por­te in fac

cia?

«Non c'è ma­le. Ri­cor­do i pro­vi­ni an­da­ti a vuo­to, i re­gi­sti che non ac­cet­ta­va­no la mia vo­ce ro­ca, le pro­mes­se non man­te­nu­te. “La ri­chia­me­re­mo”, e chi li sen­ti­va più. Ma non mi so­no ar­re­sa, non ho mol­la­to».

Ha mai pen­sa­to che la sua ro­ma­ni­tà po­tes­se rap­pre­sen­ta­re un han­di­cap?

«All'ini­zio, for­se. Ma so­no or­go­glio­sa del­la mia iden­ti­tà. E so­no gra­ta a Ver­do­ne che, da pro­dut­to­re di Zo­ra, mi spin­se a col­ti­var­la. Mi dis­se “vai e spac­ca”: la pri­ma inie­zio­ne di au­to­sti­ma. So­no fe­li­ce di co­me sia­no an­da­te le co­se. Non ho con­ti in so­spe­so con il ci­ne­ma o il de­sti­no».

Com'è sta­ta la sua in­fan­zia?

«So­no cre­sciu­ta all'Axa, un quar­tie­re di cui mi ver­go­gna­vo un po' per­ché non era al­la mo­da co­me Tra­ste­ve­re e mi co­strin­ge­va a lun­ghe tra­sfer­te sui mez­zi pub­bli­ci per af­fron­ta­re i pro­vi­ni al cen­tro. Quan­do fi­nal­men­te ar­ri­va­vo a de­sti­na­zio­ne, mi sen­ti­vo una stra­nie­ra».

A scuo­la co­me an­da­va?

«Co­sì co­sì, mai sta­ta la pri­ma del­la clas­se. Ave­vo il chio­do fis­so del ci­ne­ma e, do­po aver pre­so il diploma al Liceo Ar­ti­sti­co, mi so­no iscrit­ta all'Ac­ca­de­mia di Bel­le Ar­ti, ma ho la­scia­to per­ché ho in­zia­to a la­vo­ra­re so­do».

Gio­va­nis­si­ma, bel­la, de­ci­sa a sfon­da­re: ha in­con­tra­to mol­ti mar­pio­ni pron­ti ad ap­pro­fit­ta­re del­la si­tua­zio­ne?

«Ho im­pa­ra­to pre­stis­si­mo a guar­dar­mi in­tor­no co­me un gat- to per fiu­ta­re il pe­ri­co­lo. Ap­pe­na av­ver­ti­vo un'aria brut­ta, sbar­ra­vo la por­ta. E non mi è suc­ces­so nul­la di ma­le». Che po­ster ave­va nel­la sua ca­me­ret­ta? «Quel­lo di Leo­nar­do DiCa­prio. Non so quan­te vol­te ho vi­sto Ti­ta­nic . Ma il mio mo­del­lo di at­tri­ce era Ju­lia Ro­berts». L'in­con­tro con suo ma­ri­to Pao­lo Vir­zì, sul set di Tut­ta la vi­ta da­van­ti, ha rap­pre­sen­ta­to una svol­ta? «Mi so­no in­na­mo­ra­ta a pri­ma vi­sta di Pao­lo e l'ho vo­lu­to con tut­ta me stes­sa. Ado­ro la sua cu­rio­si­tà, la sua ener­gia crea­ti­va. Lui ha ca­pi­to la mia pas­sio­ne per il ci­ne­ma e do­po 11 an­ni con­ti­nuia­mo ad ave­re uno scam­bio al­la pa­ri». Ha mai fre­quen­ta­to una scuo­la di re­ci­ta­zio­ne? «Non ne ho avu­to il tem­po. Ho im­pa­ra­to tut­to sul cam­po». Co­me la met­te con la com­pe­ti­zio­ne esa­spe­ra­ta che c'è nel vo­stro am­bien­te? «E chi lo fre­quen­ta, il ci­ne­ma. Quan­do non so­no sul set, ri­man­go a ca­sa con i bambini, li por­to a scuo­la e al­le fe­ste, pre­pa­ro da man­gia­re. Il mio mon­do è all'in­ter­no del­le pa­re­ti do­me­sti­che. So­no una mam­ma che la­vo­ra». Ma di fron­te a un col­po bas­so o a una scor­ret­tez­za per­do­na o si ven­di­ca? «Vol­to pa­gi­na, va­do avan­ti». La spa­ven­ta l'idea di non la­vo­ra­re? «Mi spa­ven­ta mol­to di più il mon­do in cui vi­vo­no i miei fi­gli. Vio­len­za, guer­re, e quel raz­zi­smo mon­tan­te che fa ma­le al cuo­re. Spe­ro in un fu­tu­ro mi­glio­re. In­tan­to, so­no fe­li­ce del­le con­qui­ste di ci­vil­tà co­me l'ado­zio­ne este­sa al­le don­ne sin­gle e al­le le­sbi­che: l'han­no i ntro­dot­ta i n Fran­cia, spe­ro ar­ri­vi an­che da noi». Ha un so­gno? «Vi­vo al­la gior­na­ta. E so­no fe­li­cis­si­ma di quel­lo che ho».

SUL SET Mi­cae­la Ra­maz­zot­ti in “Una fa­mi­glia” e a si­ni­stra a Ve­ne­zia

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.