Rag­gi: «Più la­vo­ro in Atac sin­da­ca­ti già d'ac­cor­do» La re­pli­ca: «Sia­mo lon­ta­ni»

Il sin­da­co ri­spon­de all'in­ter­vi­sta al Mes­sag­ge­ro di Lem­met­ti: «Ri­lan­cia­mo l'azien­da gra­zie a una mag­gio­re pro­dut­ti­vi­tà»

Il Messaggero - - Cronaca Di Roma - LA RE­PLI­CA Fran­ce­sco G. Giof­fre­di Fa­bio Ros­si

ri­mar­che­rà più vol­te la ri­cer­ca del fi­lo di­ret­to col mon­do del la­vo­ro. Cer­to, è una striz­za­ta d'oc­chio a or­ga­niz­za­to­ri e pla­tea. Ma for­se c'è an­che dell'al­tro: «L'Atac è un'azien­da con 12 mi­la di­pen­den­ti, e al­lo­ra pro­prio per que­sto può fun­zio­na­re dav­ve­ro be­ne e po­treb­be of­fri­re un ser­vi­zio ec­cel­len­te - so­stie­ne Rag­gi - Il tra­spor­to pub­bli­co è un ser­vi­zio es­sen­zia­le, va for­ni­to dall'en­te lo­ca­le, e de­ve fun­zio­na­re in ma­nie­ra uni­ver­sa­le per tut­ta la cit­tà. In que­sto è fon­da­men­ta­le tro­va­re la col­la­bo­ra­zio­ne di quei sog­get­ti che vo­glio­no fa­re una scom­mes­sa. Noi la col­la­bo­ra­zio­ne l'ab­bia­mo tro­va­ta». E dov'è fi­ni­ta al­lo­ra la di­sin­ter­me­dia­zio­ne tan­to sban­die­ra­ta agli al­bo­ri dai cin­que stel­le? «Il con­cet­to non è di­sin­ter­me­dia­re o no, ma la­vo­ra­re con­cre­ta­men­te su pro­get­ti e obiet­ti­vi» con un «dia­lo­go real­men­te co­strut­ti­vo», di­stin­guen­do la «trat­ta­ti­va che si fa al ta­vo­lo» e il «dia­lo­go con i la­vo­ra­to­ri, che con­ti­nuia­mo ad ave­re». A Ro­ma «su rin­no­vo del con­trat­to de­cen­tra­to e sa­la­rio ac­ces­so­rio con i sin­da­ca­ti ab­bia­mo par­la­to la stes­sa lin­gua per­ché ave­va­mo lo stes­so obiet­ti­vo», ora «an­che per Atac» il per­cor­so sa­rà lo stes­so. Dai sin­da­ca­ti, pe­rò, non ar­ri­va­no de­le­ghe in bian­co sul pia­no del Cam­pi­do­glio per l'Atac. «Se il pro­ble­ma è la­vo­ra­re di più per­ché si or­ga­niz­za me­glio il ser­vi­zio per noi non c'è pro­ble- ma, per­ché le cat­ti­ve con­di­zio­ni di la­vo­ro so­no quel­le che de­ter­mi­na­no un pes­si­mo ser­vi­zio ai cit­ta­di­ni: a par­ti­re dal fat­to che og­gi si fa fin­ta di far usci­re tan­ti au­to­bus dal­le ri­mes­se per poi far­li rien­tra­re un'ora do­po per­ché so­no rot­ti - sot­to­li­nea Mi­che­le Az­zo­la, se­gre­ta­rio ge­ne­ra­le del­la Cgil di Ro­ma e del La­zio - Se la­vo­ra­re di più si­gni­fi­cas­se la­scia­re tut­to co­me è fa­re il dop­pio del­le ore sa­reb­be un'idio­zia, ma cre­do che nes­su­no pen­si que­sto».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.