Ama, crol­lo dif­fe­ren­zia­ta «Cre­sciu­ta so­lo del­lo 0,1%»

Nel­la re­la­zio­ne di bi­lan­cio con­so­li­da­to 2016 la giun­ta am­met­te: obiet­ti­vi non ri­spet­ta­ti Pro­ble­mi an­che nell'in­cas­so del­la Ta­ri: il Co­mu­ne pen­sa di ri­scuo­ter­li in pro­prio

Il Messaggero - - Cronaca Di Roma - IL BI­LAN­CIO LA TA­RIF­FA LA RI­SCOS­SIO­NE Fa­bio Ros­si Fa.Ro.

Al­lar­me, la dif­fe­ren­zia­ta a Ro­ma non de­col­la. An­zi, no­no­stan­te nell'ul­ti­mo an­no so­la­re si sia ri­dot­to il to­ta­le dei ri­fiu­ti rac­col­ti - nel 2016 com­ples­si­va­men­te 1.664.115,5 ton­nel­la­te, con un ca­lo del 3,2 per cen­to ri­spet­to all'an­no pre­ce­den­te - nei cas­so­net­ti de­di­ca­ti è fi­ni­to ap­pe­na il 41,3 per cen­to dell'im­mon­di­zia pro­dot­ta dai ro­ma­ni, con un da­to con­sun­ti­vo ap­pe­na un po' più al­to (42,88 per cen­to) e un in­cre­men­to ri­spet­to al 2015 di ap­pe­na lo 0,1 per cen­to. Una si­tua­zio­ne mol­to in­fe­rio­re all'obiet­ti­vo fis­sa­to dall'Unio­ne eu­ro­pea, che per lo scor­so an­no era del 65 per cen­to. Ma net­ta­men­te in­fe­rio­re an­che al 55 per cen­to sti­ma­to dall'Agen­zia per il con­trol­lo e la qua­li­tà dei ser­vi­zi pub­bli­co lo­ca­li di Ro­ma Ca­pi­ta­le, che ave­va evi­den­te­men­te so­vra­sti­ma­to i pas­si avan­ti com­piu­ti nel­la Cit­tà eter­na in que­sto sen­so. I da­ti che boc­cia­no so­no­ra­men­te la dif­fe­ren­zia­ta so­no con­te­nu­ti nel bi­lan­cio con­so­li­da­to del Cam­pi­do­glio per l'eser­ci­zio 2016, re­cen­te­men­te ap­pro­va­to dal­la giun­ta e in at­te­sa di pas­sa­re per il con­si­glio co­mu­na­le, che do­vreb­be da­re il via li­be­ra de­fi­ni­ti­vo en­tro il 30 set­tem- bre. Dall'in­da­gi­ne sta­ti­sti­ca del­la Ra­gio­ne­ria ge­ne­ra­le di Pa­laz­zo Se­na­to­rio, pub­bli­ca­ta ad ago­sto, emer­ge un qua­dro mol­to po­co ot­ti­mi­sti­co sul­lo svi­lup­po del­la rac­col­ta di car­ta, ve­tro e mul­ti­ma­te­ria­le, sban­die­ra­ta dall'am­mi­ni­stra­zio­ne ca­pi­to­li­na co­me so­lu­zio­ne de­fi­ni­ti­va per evi­ta­re la rea­liz­za­zio­ne di nuo­ve di­sca­ri­che, an­che tem­po­ra­nee, e ar­ri­va­re all'obiet­ti­vo fi­na­le dei “ri­fiu­ti ze­ro”. In­ve­ce, se­con­do i da­ti al­le­ga­ti ai do­cu­men­ti fi­nan­zia­ri con­sun­ti­vi del Co­mu­ne, la mag­gior par­te del­le 4.504 ton­nel­la­te di ri­fiu­ti rac­col­te gior­nal­men­te con­ti­nua­no a fi­ni­re nel muc­chio dell'in­dif­fe­ren­zia­ta, da in­via­re ver­so l'Ita­lia set­ten­trio­na­le o l'este­ro su quei tre­ni che tan­to in­ci­do­no sul­le bol­let­te del­la Ta­ri pa­ga­te ogni an­no dai ro­ma­ni. Pro­prio dal­la ri­scos­sio­ne del­la ta­rif­fa ri­fiu­ti, pe­ral­tro, ar­ri­va­no al­tri pro­ble­mi nel rap­por­to tra Cam­pi­do­glio e Ama, con l'azien­da che ri­scuo­te di­ret­ta­men­te gli in­cas­si dei bol­let­ti­ni. Va ri­cor­da­to che la Ta­ri, se­con­do quan­to pre­vi­sto dal­la leg­ge, «co­pre in­te­gral­men­te i co­sti dei prin­ci­pa­li ser­vi­zi ero­ga­ti: lo L'Ama è di fre­quen­te chia­ma­ta a ri­me­dia­re an­che al­lo scar­so sen­so ci­vi­co dei ro­ma­ni Tra Co­mu­ne e mu­ni­ci­pa­liz­za­ta c'è an­che un pro­ble­ma di ri­scos­sio­ne del­la Ta­ri quell'an­no, per poi su­pe­ra­re il 40 per cen­to nel 2013, il 60 per cen­to un an­no do­po e il 65 nel 2016. Poi è ar­ri­va­ta Vir­gi­nia Rag­gi a spo­sta­re l'asti­cel­la an­co­ra più in al­to: al 70 per cen­to en­tro la fi­ne del­la con­si­lia­tu­ra, os­sia il 2021.

La real­tà, in­ve­ce, par­la di un 42 per cen­to stri­min­zi­to - sa­reb- spaz­za­men­to e il la­vag­gio del­le stra­de, la rac­col­ta, il tra­spor­to, il trat­ta­men­to e lo smal­ti­men­to dei ri­fiu­ti non ri­ci­cla­bi­li, la rac­col­ta, il tra­spor­to e la se­le­zio­ne del­le fra­zio­ni dif­fe­ren­zia­te, le at­ti­vi­tà di co­mu­ni­ca­zio­ne e sen­si­bi­liz­za­zio­ne al­la tu­te­la dell'am­bien­te ri­vol­te all'uten­za». Tut­to ciò me­dian­te il con­trat­to di ser­vi­zio, il cui am­mon­ta­re «vie­ne de­fi­ni­to a se­gui­to dell'ap­pro­va­zio­ne del pia­no fi­nan­zia­rio pre­sen­ta­to dal sog­get­to ge­sto­re e sot­to­po­sto all'ap­pro­va­zio­ne dell'as­sem­blea ca­pi­to­li­na, co­me at­to pro­pe­deu­ti­co» al bi­lan­cio di pre­vi­sio­ne. Eb­be­ne, co­me si leg­ge nel bi­lan­cio con­so­li­da­to, «la cri­ti­ci­tà, tutt'og­gi esi­sten­te, ri­guar­da il man­ca­to ri­ver­sa­men­to de­gli in­cas­si Ta­ri» da par­te dell'Ama. Que­sto per­ché, se­con­do la Ra­gio­ne­ria ca­pi­to­li­na, «in se­gui­to all'av­vio del­le ope­ra­zio­ni di ri­con­ci­lia­zio­ne tra de­bi­ti e cre­di­ti, si è ri­le­va­ta la sus­si­sten­za di un di­sal­li­nea­men­to tra le fat­tu­re “chiu­se” nel­la con­ta­bi­li­tà Ama e quel­le di Ro­ma Ca­pi­ta­le». In­som­ma, nei bi­lan­ci del Cam­pi­do­glio ci so­no cre­di­ti nei con­fron­ti dell'azien­da, che a via Cal­de­ron de la Bar­ca ri­sul­ta­no già sal­da­ti, e vi­ce­ver­sa: si crea co­sì un caos con­ta­bi­le di dif­fi­ci­le so­lu­zio­ne. L'am­mi­ni­stra­zio­ne co­mu­na­le è in­ten­zio­na­ta in fu­tu­ro a ri­scuo­te­re di­ret­ta­men­te la ta­rif­fa ri­fiu­ti, ma­ga­ri at­tra­ver­so la so­cie­tà Ae­qua Ro­ma, per ave­re un con­trol­lo di­ret­to sull'eva­sio­ne del­la ta­rif­fa e i man­ca­ti in­cas­si che, dal 2010 in poi, de­vo­no es­se­re com­pen­sa­ti di­ret­ta­men­te da Pa­laz­zo Se­na­to­rio. be an­da­to be­ne tre an­ni fa, su­bi­to do­po l'asce­sa di Igna­zio Ma­ri­no sul col­le ca­pi­to­li­no - e, so­prat­tut­to, di una cre­sci­ta pra­ti­ca­men­te nul­la: più 0,1 per cen­to nell'ul­ti­mo an­no so­la­re. Il sin­da­co-chi­rur­go, dal can­to suo, può in­te­star­si quan­to­me­no la chiu­su­ra de­fi­ni­ti­va del­la di­sca­ri­ca di Ma­la­grot­ta nel 2013, fi­ni­ta an­che l'ul­ti­ma pro­ro­ga con­ces­sa dall'Unio­ne eu­ro­pea. Ma il suo obiet­ti­vo di­chia­ra­to dell 50 per cen­to (sta­bi­le dai tem­pi dell'am­mi­ni­stra­zio­ne Ale­man­no) è ri­ma­sto un so­gno nel cas­set­to, tra di­sfun­zio­ni del si­ste­ma e (va det­to) cat­ti­va vo­lon­tà di tan­ti ro­ma­ni. Lo stes­so sco­glio, in­som­ma, su cui van­no a in­fran­ger­si tut­ti i pro­get­ti per mo­der­niz­za­re il ci­clo dei ri­fiu­ti del­la Ca­pi­ta­le, a par­ti­re da quel lon­ta­no 4,5 per cen­to di se­di­ci an­ni fa.

A ral­len­ta­re la cre­sci­ta del­la dif­fe­ren­zia­ta so­no an­che i con­te­ni­to­ri trop­po spes­so pie­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.