Di Ma­io e la de­ri­va an­ti-ga­ran­ti­sta M5S: «La pre­scri­zio­ne dev'es­se­re eli­mi­na­ta»

Il Messaggero - - PRIMO PIANO - FATTORE CASALEGGIO Ste­fa­nia Pi­ras Mi­che­la Al­le­gri

prio gra­zie al­la pre­scri­zio­ne». Por­te chiu­se dun­que a quel ti­mi­dis­si­mo bar­lu­me di ga­ran­ti­smo che pu­re sta­va emer­gen­do, ma­ga­ri ap­pli­ca­to ai tan­ti ca­si giu­di­zia­ri che fioc­ca­no in ca­sa M5S. Ed è ef­fet­ti­va­men­te un ri­tor­no al­le ori­gi­ni ra­di­ci. Per­ché a pro­por­re l'abo­li­zio­ne del­la pre­scri­zio­ne era sta­to Gian­ro­ber­to Casaleggio, il fon­da­to­re del M5S scom­par­so un an­no e mez­zo fa.

A Imo­la, nel 2015, du­ran­te l'ul­ti­ma fe­sta Ita­lia 5Stel­le a cui pre­se par­te, Casaleggio se­nior dis­se: vo­ler pre­sen­ta­re le di­mis­sio­ni: «Vai que­sti gior­ni in fa­mi­glia e la­scia le co­se co­me stan­no sen­za far­ti ve­de­re in uf­fi­cio e sen­za scri­ve­re mes­sag­gi­ni. Non age­vo­lar­le il com­pi­to con la let­te­ra, co­no­scen­do­la non avrà il co­rag­gio di fa­re il prov­ve­di­men­to su di te, si ma­ce­re­rà poi non lo fa­rà... Tie­ni du­ro, le bat­ta­glie si vin­co­no an­che con l'at­te­sa». Po­che ore do­po l'ex fi­nan­zie­re si sfo­ga: «O fa ciò che di­ce Gril­lo... o vie­ne tol­to il sim­bo­lo al co­mu­ne di Roma. Un ri­cat­to!... lei de­ve riap­pro­priar­si del­la sua vi­ta! Lei è sta­ta elet­ta, la fac­cia è la sua. Il Sin­da- «La pri­ma co­sa è eli­mi­na­re la cor­ru­zio­ne; poi bi­so­gna met­te­re ma­no al­la giu­sti­zia ed eli­mi­na­re la pre­scri­zio­ne». Casaleggio il ga­ran­ti­smo non sa­pe­va nem­me­no co­sa fos­se: non am­met­te­va in­ciam­pi giu­di­zia­ri, per gli al­tri e tan­to­me­no per i suoi. Sem­pre a Imo­la sul palco nel suo ul­ti­mo di­scor­so pub­bli­co dis­se: «Noi quel­lo che di­cia­mo fac­cia­mo, per noi l'one­stà è una stel­la po­la­re. Nes­su­no può es­se­re can­di­da­bi­le se ha la fe­di­na pe­na­le spor­ca e se per ca­so se la spor­ca du­ran­te il man­da­to vie­ne man­da­to a ca­sa». Ci fu un lun­go ap­plau­so do­po que­ste pa­ro­le e il con­sue­to co­ro «One­stà, one­stà». E Casaleggio che ri­spon­de­va ai co­ri: «L'one­stà pa­ga». Poi ar­ri­vò il ca­so Raggi. Nuo­va pi­roet­ta fin­to-ga­ran­ti­sta. Ed ec­co, Di Ma­io, sem­pre più vi­ci­no a Ro­ber­to Fi­co, ri­met­te l'el­met­to fi­lo-pm e ri­po­si­zio­na il mo­vi­men­to. co è lei!». Sam­mar­co ri­spon­de: «Que­sto è quel­lo che an­dreb­be fat­to e che noi vor­rem­mo fa­ces­se, ma non cre­do che lo fa­rà».

«Dob­bia­mo an­ti­ci­pa­re i tem­pi», scri­ve Mar­ra il 2 set­tem­bre, com­men­tan­do un ar­ti­co­lo in cui si par­la di un'im­mi­nen­te vi­si­ta a Roma di Gril­lo. «Que­sto mes­sag­gio ho man­da­to ora - ri­spon­de l'av­vo­ca­to - Ver­ran­no a dir­ti che de­vi al­li­near­ti e che do­vrai to­glie­re Mar­ra... Ti vor­ran­no met­te­re un'al­tra per­so­na tra sog­get­ti pre­se­le­zio­na­ti da lo­ro».

(fo­to LAPRESSE)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.