«I co­mu­na­li la­vo­ri­no di più Tra­spor­ti e rifiuti sul mer­ca­to»

Il sa­lu­to dell'as­ses­so­re al­le Par­te­ci­pa­te: «Stop as­sen­tei­smo, ser­ve pro­dut­ti­vi­tà» «Nien­te mi­ra­co­li con mez­zi Atac-Ama vec­chi La con­cor­ren­za aiu­ta a mi­glio­ra­re i ser­vi­zi»

Il Messaggero - - CRONACA DI ROMA -

as­si­mo è ve­nu­to a Roma pen­san­do di ri­sol­ve­re tutti i pro­ble­mi, ma non si ren­de­va con­to di co­sa an­da­va in­con­tro, ci vo­glio­no vent'an­ni per ri­sol­ve­re tutti i pro­ble­mi di Roma», rac­con­ta­va l'al­tro gior­no un si­gno­re di Co­ne­glia­no Ve­ne­to, men­tre sven­to­la­va la ban­die­ra del­la Re­pub­bli­ca Ve­ne­ta a Bar­cel­lo­na, da­van­ti al­la se­de del­la Ge­ne­ra­li­tat del­la Ca­ta­lo­gna all'in­do­ma­ni del re­fe­ren­dum. Mas­si­mo Co­lom­ban, dal­la pro­vin­cia di Tre­vi­so, do­ve è tor­na­to do­po un an­no da as­ses­so­re al­le Par­te­ci­pa­te di Roma Ca­pi­ta­le (al suo po­sto in giun­ta en­tra Ales­san­dro Gen­na­ro), trac­cia un bi­lan­cio e in fon­do con­fer­ma: il per­cor­so per sal­va­re Roma è an­co­ra lun­go, de­vo­no cambiare i ro­ma­ni che trop­po spes­so non pa­ga­no le mul­te o il bi­gliet­to dell'au­to­bus, de­vo­no cambiare i 24mi­la di­pen­den­ti, che de­vo­no pro­dur­re il 30 per cen­to in più e as­sen­tar­si di me­no, ma de­ve an­che cambiare il rap­por­to con lo Sta­to che de­ve ri­co­no­sce­re mol­te più ri­sor­se a Roma Ca­pi­ta­le. Co­me è an­da­ta la sua espe­rien­za con la giun­ta 5 Stel­le? «Non vo­glio fa­re cri­ti­che sul dif­fi­ci­le la­vo­ro (full ti­me) che la sin­da­ca con mol­ti de­gli as­ses­so­ri e con­si­glie­ri stan­no fa­cen­do: si stan­no im­pe­gnan­do mol­to con ab­ne­ga­zio­ne e sa­cri­fi­cio. Su me­to­do ed or­ga­niz­za­zio­ne ognu­no ha le pro­prie espe­rien­ze e la pro­pria pro­fes­sio­na­li­tà; mi li­mi­te­rò quin­di a da­re il mio per­so­na­le pun­to di vi­sta al ter­mi­ne di que­sta espe­rien­za...». Cioè? «Guar­di, la si­tua­zio­ne tro­va­ta in Roma Ca­pi­ta­le e nel­le sue par­te­ci­pa­te era, e pur­trop­po in al­cu­ne aree an­co­ra per­ma­ne, mol­to dif­fi­ci­le e com­pro­mes­sa: non si può ave­re la qua­li­tà dei ser­vi­zi di Mi­la­no, tan­to per fa­re una com­pa­ra­zio­ne quan­do le ri­sor­se pro ca­pi­te so­no la me­tà ed il ter­ri­to­rio da ser­vi­re 7 vol­te più este­so; la den­si­tà 3,5 vol­te in­fe­rio­re e quin­di i ser­vi­zi più di­sper­si­vi; la lun­ghez­za del­le stra­de è 4-5 vol­te più este­sa; i rifiuti in Kg/per­so­na e le pu­li­zie da prov­ve­de­re so­no il 30% in più poi­ché in Roma ven­go­no ser­vi­te gior­nal­men­te cir­ca 4 mi­lio­ni di per­so­ne a fron­te di 2,8 mi­lio­ni di cit­ta­di­ni pa­gan­ti. Se non pre­met­tia­mo que­sto, qual­sia­si cri­ti­ca sa­reb­be fuor­vian­te». Un ve­ne­to che vuo­le da­re più sol­di a Roma. È si­cu­ro? «Fi­no a quan­do Roma non avrà al­me­no 1 mi­liar­do (ma per es­se­re al­la pa­ri con Mi­la­no ne ne­ces­si­te­reb­be­ro 2) di mag­gio­ri ri­sor­se per le in­fra­strut­tu­re e ser­vi­zi non riu­sci­rà a fa­re mi­ra­co­li. Fin­ché i mez­zi di Ama ed Atac in buo­na par­te ob­so­le­ti e da rot­ta­ma­re non ver­ran­no so­sti­tui­ti (e per so­sti­tuir­li ser­vo­no ri­sor­se per cen­ti­na­ia e cen­ti­na­ia di mi­lio­ni di eu­ro) Roma non può ar­ri­va­re ad uno stan­dard di ser­vi­zi di net­tez­za ur­ba­na e dei tra­spor­ti al­la pa­ri del­le gran­di cit­tà del Nord. Pe­rò, an­che i ro­ma­ni...». Co­sa han­no com­bi­na­to? «È in­di­scus­so e pro­va­to che an­che i cit­ta­di­ni ro­ma­ni han­no del­le col­pe e del­le brut­te abi­tu­di­ni e de­vo­no cambiare: mol­ti non pa­ga­no il bi­gliet­to sul bus, so­lo in par­te pa­ga­no le mul­te e/o le tas­se. Co­sì co­me i 24mi­la di­pen­den­ti di Roma Ca­pi­ta­le de­vo­no pro­dur­re al­me­no il 20-30% in più e que­sto si po­trà ot­te­ne­re con leg­gi sul la­vo­ro che pre­mi­no la me­ri­to­cra­zia, di­sin­cen­ti­vi­no le as­sen­ze, e su que­sto isti­tu­zio­ni e sin­da­ca­ti han­no del­le re­spon­sa­bi­li­tà e inol­tre de­vo­no in­no­var­si. Ser­ve co­mun­que un rial­li­nea­men­to fra ri­sor­se e spe­se: i 15 mi­liar­di di eu­ro di di­sa­van­zo sul bi­lan­cio co­mu­na­le non so­no il 100% con­se­guen­za di ma­la-ge­stio o ru­be­rie».

Co­sa sug­ge­ri­sce al M5S che spe­ra di di­ven­ta­re for­za di go­ver­no a li­vel­lo na­zio­na­le?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.