Ora la spin­ta dell'ot­ti­mi­smo smuo­va Roma

Il Messaggero - - DA PRIMA PAGINA - Osval­do De Pao­li­ni

Ie­ri Roma ha vis­su­to una gior­na­ta par­ti­co­la­re. Due even­ti, per coin­ci­den­za for­tui­ta l'uno a po­chi pas­si dall'al­tro, han­no su­sci­ta­to in quan­ti tran­si­ta­va­no nel trian­go­lo che com­pren­de Via del Tri­to­ne, Piaz­za di Spa­gna e Via Con­dot­ti, la sen­sa­zio­ne che la cit­tà c'è, è vi­va e ha vo­glia di cor­re­re. Il pri­mo è l'aper­tu­ra dei bat­ten­ti del nuo­vo me­ga­sto­re del­la Ri­na­scen­te, un com­ples­so di qua­si 15 mi­la me­tri di ec­cel­len­te de­si­gn per un in­ve­sti­men­to di 200 mi­lio­ni.

Un com­ples­so che, no­no­stan­te ol­tre 11 an­ni di pe­ri­pe­zie e sla­lom tra So­prin­ten­den­za e as­ses­so­ra­ti va­ri, ora da­rà la­vo­ro a non me­no di 650 ad­det­ti por­tan­do al­la cit­tà nuo­va ric­chez­za: un mo­do de­gno per fe­steg­gia­re i cent'an­ni dal­la fon­da­zio­ne. Il se­con­do even­to è il de­but­to nel­la Ca­pi­ta­le de «La Ven­dem­mia», una ma­ni­fe­sta­zio­ne che si sno­de­rà per un'in­te­ra set­ti­ma­na nel quar­tie­re del lu­xu­ry per pro­muo­ve­re le ec­cel­len­ze del ma­de in Ita­ly, dal­la mo­da ai gio­iel­li, dal de­si­gn al­la ri­sto­ra­zio­ne stel­la­ta fi­no ai mi­glio­ri vi­ni, in quell'at­mo­sfe­ra di li­fe­sty­le ita­lia­no che og­gi ci vie­ne in­vi­dia­ta ovun­que.

In­som­ma, due mo­men­ti che men­tre da una par­te so­no il se­gno che a Roma gli ani­mal spi­rit so­no an­co­ra vi­ta­li e ca­pa­ci di “bu­ca­re” la cro­sta del de­cli­no, dall'al­tra ren­do­no an­cor me­no tol­le­ra­bi­le l'iner­zia de­gli am­mi­ni­stra­to­ri pub­bli­ci nel re­sti­tui­re al­la cit­tà l'im­ma­gi­ne di gran­de ca­pi­ta­le che pu­re me­ri­ta. E d'al­tro can­to è im­pen­sa­bi­le che i suoi pro­ble­mi pos­sa­no ve­ni­re ri­sol­ti da qual­che pur lo­de­vo­le ini­zia­ti­va pri­va­ta. Nel pre­sen­ta­re “La Ven­dem­mia”, ie­ri è sta­to os­ser­va­to che tra le mol­te ca­ren­ze di cui sof­fre Roma spic­ca il nu­me­ro mo­de­sto di even­ti per con­su­ma­to­ri al­to spen­den­ti, e che l'aver ino­pi­na­ta­men­te can­cel­la­to l'an­nua­le sfi­la­ta sul­la sca­li­na­ta di Tri­ni­tà dei Mon­ti, mo­men­to to­pi­co per il fa­shion ma­de in Ita­ly, è sta­to un grave er­ro­re. Giu­sta os­ser­va­zio­ne, tal­men­te con­di­vi­si­bi­le che il mi­ni­ste­ro del­lo Svi­lup­po vi de­di­ca più di una pa­gi­na nell'im­pie­to­sa fo­to­gra­fia sul de­cli­no di Roma pro­dot­ta due set­ti­ma­ne fa. Il li­vel­lo e la quan­ti­tà de­gli even­ti so­no in­fat­ti una sor­ta di bi­gliet­to da vi­si­ta che spes­so por­ta con sé effetti per­ma­nen­ti nell'im­ma­gi­na­rio del tu­ri­sta, so­prat­tut­to quan­do in­te­gra­no te­so­ri cul­tu­ra­li co­me so­lo Roma è in gra­do di of­fri­re. E l'ap­pren­de­re che Pa­ri­gi, no­no­stan­te i pro­ble­mi crea­ti dai gra­vi epi­so­di di ter­ro­ri­smo, nel 2016 è sta­ta in gra­do di organizzare ben 196 even­ti nel set­to­re del tu­ri­smo con­gres­sua­le a fron­te dei 96 svol­ti­si a Roma (al ven­te­si­mo po­sto in Eu­ro­pa), la di­ce lun­ga sul gran la­vo­ro di re­cu­pe­ro che si pro­spet­ta e sul­le straor­di­na­rie op­por­tu­ni­tà che si po­treb­be­ro co­glie­re con un'am­mi­ni­stra­zio­ne cit­ta­di­na ef­fi­cien­te.

Si re­sta pe­ral­tro me­ra­vi­glia­ti dal vi­sto­so di­stac­co che se­pa­ra la pro­du­zio­ne eco­no­mi­ca del­la Ca­pi­ta­le da quel­la del­la re­gio­ne, che sem­bra aver ca­po­vol­to la re­go­la che ve­de la pri­ma pro­muo­ve­re un be­nes­se­re dif­fu­so sul qua­le poi s'in­ne­sta la cre­sci­ta in­du­stria­le del ter­ri­to­rio. As­si­stia­mo in­ve­ce a un ap­pa­ra­to di ec­cel­len­ze pro­dut­ti­ve - co­me il di­stret­to far­ma­ceu­ti­co o quel­lo del­le ce­ra­mi­che di Ci­vi­ta Ca­stel­la­na o quel­lo del­la mec­ca­ni­ca di Cas­si­no - che nel 2016 ha vi­sto l'ex­port del ma­de in La­zio cre­sce­re del 15% (il dop­pio del­la me­dia na­zio­na­le) a fron­te dell'en­ne­si­ma va­ria­zio­ne ne­ga­ti­va sul fron­te dei ser­vi­zi e dell'in­du­stria re­gi­stra­ta dal­la pro­vin­cia di Roma. In­som­ma, ab­bia­mo una Ca­pi­ta­le che in­ve­ce di fun­ge­re da trai­no con­ti­nua a chiu­der­si su se stes­sa se­gna­lan­do­si più per la ve­lo­ci­tà del de­cli­no che per i ten­ta­ti­vi di ri­sol­le­va­re la te­sta. Ma ac­can­to all'ama­ra con­sta­ta­zio­ne dell'iner­zia che da trop­po tem­po im­pri­gio­na la cit­tà e le sue ener­gie mi­glio­ri, va re­gi­stra­ta an­che l'aspet­ta­ti­va dei ro­ma­ni - e i due pic­co­li se­gna­li di ie­ri ne so­no la pro­va - per una scos­sa che sca­te­ni i ser­ba­toi dell'ot­ti­mi­smo cui po­chi fi­no ad og­gi han­no di­mo­stra­to di vo­ler at­tin­ge­re.

Ec­co per­ché non bi­so­gna sot­to­va­lu­ta­re l'im­por­tan­za del ta­vo­lo che il mi­ni­stro Car­lo Ca­len­da ha for­te­men­te vo­lu­to chie­den­do la con­di­vi­sio­ne di im­pre­se, sin­da­ca­ti, am­mi­ni­stra­zio­ne re­gio­na­le e so­prat­tut­to cit­ta­di­na. Quel­la del ri­lan­cio di Roma è pe­rò una sfi­da che va af­fron­ta­ta con spi­ri­to di squa­dra, tutti sin­ce­ra­men­te di­spo­ni­bi­li a per­se­gui­re il be­ne au­ten­ti­co del­la Ca­pi­ta­le, in una pro­po­sta che de­ve di­ven­ta­re pro­get­to. Guai a ca­val­ca­re tri­ti gio­chi a rim­piat­ti­no di sa­po­re elet­to­ra­le, per­ché «al­la lun­ga - ha os­ser­va­to Ca­len­da - po­trem­mo dav­ve­ro ve­der pas­sa­re il ca­da­ve­re di Roma».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.