Dai cap­pot­ti al­le scar­pe è il trion­fo dei ri­ca­mi

Dal­le griffe più ri­no­ma­te ai mar­chi low co­st tut­te le col­le­zio­ni di sta­gio­ne han­no di­se­gni e ara­be­schi co­me fi­lo con­dut­to­re E se Re­dVa­len­ti­no esal­ta in un coat il la­vo­ro de­gli ar­ti­gia­ni, Fen­di fa fio­ri­re la bor­sa Pe­ka­boo e Lui­sa Spa­gno­li i giub­bot­ti jeans

Il Messaggero - - MACRO - Va­le­ria Ar­nal­di

Ila­vo­ri in fi­lo d'oro dell'an­ti­co Egit­to. Un ca­va­lie­re rap­pre­sen­ta­to su la­na nel IV se­co­lo a.C. in Gre­cia. Le pic­co­le fo­glie e geo­me­trie ese­gui­te in li­no, nel­lo stes­so se­co­lo, per il drap­po di un guer­rie­ro dau­no, il più an­ti­co di ta­le fat­tu­ra rin­ve­nu­to in Ita­lia. Dal pun­to ca­te­nel­la, si­mi­le a una trec­cia, al fil­za, che pas­sa sot­to e so­pra il tes­su­to in in­ter­val­li re­go­la­ri, e co­sì via pro­ce­den­do con pun­ti più com­ples­si, il ri­ca­mo il­lu­stra la sto­ria dell'ele­gan­za dall'an­ti­chi­tà ad og­gi, trat­teg­gian­do vi­sio­ni di bel­lez­za, crea­ti­vi­tà, po­te­re. Lus­so. Di­se­gno per de­fi­ni­zio­ne, è sem­pre sta­to “se­gno” del­le per­so­na­li­tà di ri­lie­vo del­la co­mu­ni­tà. E an­co­ra og­gi pia­ce per­ché ren­de un ca­po ori­gi­na­le, dun­que di­stin­ti­vo. O qua­si. Nel­la per­ce­zio­ne co­mu­ne, in­fat­ti, pa­ra­dos­sal­men­te, ta­le ga­ran­zia di uni­ci­tà vie­ne at­tri­bui­ta sia all'al­ta mo­da, con ri­ca­mi ese­gui­ti a ma­no, sia a col­le­zio­ni low co­st, con la­vo­ri ri­pe­tu­ti e mol­ti­pli­ca­ti.

VA­LO­RE

Un er­ro­re di va­lu­ta­zio­ne che fa be­ne al mer­ca­to, non sem­pre all'ar­te, dif­fon­den­do la pas­sio­ne per i ca­pi ri­ca­ma­ti ma sol­le­ci­tan­do po­co l'in­te­res­se per la lo­ro rea­liz­za­zio­ne. Per com­pren­de­re il va­lo­re di un'ot­ti­ma ese­cu­zio­ne ba­sta guar­da­re. Re­dVa­len­ti­no, per l'au­tun­no-in­ver­no, fir­ma una pel­lic­cia in kal­gan co­lor nu­be con ri­ca­mi di uc­cel­li in vo­lo. Cuo­re del­la col­le­zio­ne, i mo­ti­vi Frak­tur, idea­ti da­gli olan­de­si che nel ‘700 emi­gra­ro­no in Penn­syl­va­nia. In più co­lo­ri e con pail­let­tes e per­li­ne, im­pre­zio­si­sco­no il ve­sti­to in Point D'esprit. Gucci con­qui­sta con l'abi­to da se­ra in velluto e geor­get­te. A ren­de­re uni­co il cor­pet­to so­no ri­ca­mi con per­li­ne co­lo­ra­te, pail­let­te e cri­stal­li. Ri­ca­mi so­no an­che su ma­ni­che, pol­si­ni e col­let­to. Sen­za tra­scu­ra­re sti­va­li e bor­se. Akhal Te­kè crea slip­per e flat mu­le in velluto, ra­so e ca­mo- scio con la­vo­ri hand­ma­de in fi­li me­tal­li­ci, per­li­ne e pie­tre.

Di Fen­di, la bor­sa Pee­ka­boo, nei mo­del­li mi­ni, con per­li­ne, e mi­cro, con fio­ri su pel­le. Di Mo­schi­no la bag con My Lit­tle Po­ny. Gior­gio Ar­ma­ni usa il ri­ca­mo per por­ta­re le ini­zia­li sui mocassini. Non man­ca la mo­da spo­sa, che di ta­le ar­te, usa­ta per tra­di­zio­ne, pro­po­ne nuo­ve vi­sio­ni, for­me e per­fi­no co­lo­ri. «Il ri­ca­mo con­fe­ri­sce al ca­po una sor­ta di per­so­na­liz­za­zio­ne e nell'odier­na mas­si­fi­ca­zio­ne del­le pro­du­zio­ni, la ri­cer­ca di ori­gi­na­li­tà è sem­pre più al­ta - di­ce Mas­si­mo Mo­les, con­ti­to­la­re del­la griffe Jil­lian, che ha pre­sen­ta­to le sue no­vi­tà a Ro­maS­po­sa – Ov­via­men­te, nel­la gran­de pro­du­zio­ne, do­ve si usa­no mac­chi­ne, ciò è un mi­rag­gio. Per gli abi­ti da spo­sa ese­guia­mo ri­ca­mi al te­la­io in ore di la­vo­ro, ep­pu­re al gior­no d'og­gi è dif­fi­ci­le far ca­pi­re la quan­ti­tà di im­pe­gno che c'è die­tro un sin­go­lo mo­ti­vo». Tra le proposte, ap­pun­to, an­che crea­zio­ni che re­ga­la­no co­lo­re al clas­si­co bian­co.

AR­TE

«Quel­la del ri­ca­mo or­mai è un'ar­te a ri­schio, co­me la gran par­te dei me­stie­ri ar­ti­gia­na­li. Per­met­te di espri­me­re la pro­pria crea­ti­vi­tà e può da­re mol­ta sod­di­sfa­zio­ne ma i gio­va­ni sem­bra­no po­co in­te­res­sa­ti. Chi vuo­le im­pa­ra­re de­ve ave­re gran­de pas­sio­ne e co­no­sce­re qual­che ri­ca­ma­tri­ce per ini­zia­re con pic­co­li la­vo­ri. In un'era tec­no­lo­gi­ca co­me la no­stra, al­le nuo­ve ge­ne­ra­zio­ni ri­ca­ma­re sem­bra qual­co­sa di an­ti­co». Qual­co­sa di an­ti­co che pe­rò pia­ce sem­pre più, a giu­di­ca­re dall'of­fer­ta. Sil­vian Hea­ch fa “fio­ri­re” il cap­pot­to, Fal­co­ne­ri più out­fit. Max Ma­ra, le cal­ze. Lui­sa Spa­gno­li, i giub­bot­ti jeans.

E sul de­nim por­ta mo­ti­vi flo­rea­li De­si­gual, che mol­ti­pli­ca i suoi la­vo­ri su gon­ne, top, abi­ti, in più tes­su­ti, i n par­ti­co­la­re usan­do fan­ta­sie mul­ti­co­lor per ri­sve­glia­re il ne­ro, per gior­no e se­ra. Za­ra ca­val­ca il trend con abi­ti, top, zai­ni e tron­chet­ti. Pri­ma­don­na pro­po­ne ri­ca­mi flo­rea­li, an­che con per­li­ne o cri­stal­li, su sti­va­li, tac­chi, mocassini, snea­ker. H&M privilegia le ma­glie e pen­sa pu­re all'uo­mo. «A fa­re la dif­fe­ren­za, ol­tre all'ese­cu­zio­ne - con­clu­de Mo­les - è co­me si usa il ri­ca­mo. Si può ca­de­re nel­la vol­ga­ri­tà con la­vo­ri vi­sto­si. Ben do­sa­to, pe­rò, per­met­te di met­ter­si in evi­den­za con sti­le».

AR­MA­NI SIGLA I SUOI MOCASSINI DI VELLUTO H&M PRIVILEGIA LE MA­GLIE AN­CHE PER L'UO­MO

SIL­VIAN HEA­CH Due tral­ci di fio­ri sul clas­si­co cap­pot­to ne­ro: per­fet­to per il gior­no e per la se­ra ZA­RA Nel­la fo­to so­pra, blu­sa tra­spa­ren­te bor­go­gna e fio­ri bi­co­lo­re

RE­DVA­LEN­TI­NO Qui ac­can­to, ve­sti­to ri­ca­ma­to in sti­le Frak­tur idea­to nel Set­te­cen­to olan­de­se

H&M An­che una fel­pa per lui as­su­me tut­to un al­tro sti­le con un ri­ca­mo

GIOR­GIO AR­MA­NI I mocassini di velluto (so­pra) con il mo­no­gram­ma del­lo sti­li­sta

GUCCI Qui ac­can­to, sti­va­li da ve­ra re­gi­na d'Orien­te

FEN­DI Co­rol­le co­lo­ra­te sul­la Pe­ka­boo nei mo­del­li mi­ni, mi­cro e con per­li­ne

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.