Ber­lu­sco­ni: «Mo­del­lo Si­ci­lia per vin­ce­re Spe­ro Stra­sbur­go de­ci­da pri­ma del vo­to»

«Sa­reb­be cla­mo­ro­so se non mi ren­des­se giu­sti­zia en­tro le po­li­ti­che» «FI nel La­zio può espri­me­re can­di­da­ti au­to­re­vo­li. Pi­roz­zi? Non lo co­no­sco»

Il Messaggero - - DA PRIMA PAGINA - Mar­co Con­ti

«Io amo l’Ita­lia, amo la no­stra im­ma­gi­ne, amo il cal­cio. L’al­tra se­ra, come mi­lio­ni di al­tri ita­lia­ni mi so­no sen­ti­to dav­ve­ro ma­le. Mol­to ma­le». Ba­si­to, Sil­vio Ber­lu­sco­ni, per l’Ita­lia fuo­ri dai Mon­dia­li. Sul­le Po­li­ti­che in­ve­ce è chia­ro: «Io can­di­da­to? Stra­sbur­go de­ci­da pri­ma del­le ele­zio­ni».

«Io amo l'Ita­lia, amo la no­stra im­ma­gi­ne, amo il cal­cio. L'al­tra se­ra, come mi­lio­ni di al­tri ita­lia­ni mi so­no sen­ti­to dav­ve­ro ma­le. Mol­to ma­le». Ba­si­to, e an­co­ra un bel po' sot­to shock Sil­vio Ber­lu­sco­ni non ha mol­ta vo­glia di par­la­re del­la man­ca­ta qua­li­fi­ca­zio­ne del­la Na­zio­na­le di cal­cio ai Mon­dia­li. A suo tem­po qual­che suo sug­ge­ri­men­to ad al­le­na­to­ri e pre­si­den­ti creò più di una po­le­mi­ca, ma sta­vol­ta l'uni­co sen­ti­men­to è quel­lo del­la «de­lu­sio­ne» condiviso con mi­lio­ni di ita­lia­ni. Pre­si­den­te, par­lia­mo al­lo­ra del­la vit­to­ria in Si­ci­lia ot­te­nu­ta an­che gra­zie al ri­sul­ta­to di FI. Que­sto cam­bia qual­co­sa nei rap­por­ti interni al­la coa­li­zio­ne? «La que­stio­ne non va af­fron­ta­ta in que­sto mo­do, a mio pa­re­re. Quel­lo che con­ta so­no i rap­por­ti di for­za fra le coa­li­zio­ni, non all'in­ter­no del­la coa­li­zio­ne. A dif­fe­ren­za del­la si­ni­stra, noi con le al­tre for­ze del cen­tro-de­stra sia­mo al­lea­ti, non con­cor­ren­ti. Ab­bia­mo l'ob­biet­ti­vo co­mu­ne di vin­ce­re, per far ri­par­ti­re l'Ita­lia, sia­mo con­cen­tra­ti su que­sto, il re­sto è del tut­to se­con­da­rio. Cer­ta­men­te, il cen­tro-de­stra che ha vin­to in Si­ci­lia ha di­mo­stra­to che un buon can­di­da­to vin­ce quan­do è so­ste­nu­to la una coa­li­zio­ne lar­ga e plu­ra­le, nel­la qua­le ha un ruo­lo trai­nan­te, sul pia­no dei numeri e del­le idee, la cul­tu­ra po­li­ti­ca del Par­ti­to Po­po­la­re eu­ro­peo, che noi or­go­glio­sa­men­te rap­pre­sen­tia­mo in Ita­lia, quin­di i cat­to­li­ci, i li­be­ra­li, i mo­de­ra­ti». Gli ul­ti­mi epi­so­di di vio­len­za ad Ostia pos­so­no cam­bia­re l'esi­to del bal­lot­tag­gio di do­me­ni­ca? «Par­lia­mo di un epi­so­dio inac­cet­ta­bi­le, gra­ve e de­plo­re­vo­le. Fran­ca­men­te è pe­rò non so­lo ec­ces­si­vo, ma chia­ra­men­te stru­men­ta­le, di­pin­ge­re Ostia come una ter­ra di ma­fie e di ma­la­vi­ta. La stra­gran­de mag­gio­ran­za dei re­si­den­ti ad Ostia so­no per­so­ne per­be­ne, che do­me­ni­ca vo­te­ran­no se­re­na­men­te con­fron­tan­do le idee e i pro­gram­mi di due can­di­da­ti. Io spe­ro che gli elet­to­ri dia­no un giu­di­zio se­ve­ro sull'ope­ra­to dei Cin­que Stel­le e sul di­sa­stro­so go­ver­no di Ro­ma, pre­mian­do la con­cre­tez­za e il rea­li­smo del­le idee e del pro­gram­ma di Mo­ni­ca Pic­ca». E' ve­ro che nel La­zio spet­ta a FI in­di­ca­re il can­di­da­to da con­di­vi­de­re poi con gli al­lea­ti? «Non cre­do che la que­stio­ne va­da po­sta in que­sti ter­mi­ni. Il La­zio ha bi­so­gno di un go­ver­na­to­re di al­to pro­fi­lo, ca­pa­ce di vin­ce­re ma so­prat­tut­to di ben go­ver­na­re per cin­que an­ni una re­gio­ne fra le più im­por­tan­ti d'Ita­lia. Gui­da­re il La­zio è un com­pi­to mol­to dif­fi­ci­le, do­po i cin­que an­ni di im­mo­bi­li­smo del­la Giun­ta Zin­ga­ret­ti. Oc­cor­ro­no espe­rien­za, au­to­re­vo­lez­za, ca­pa­ci­tà ma­na­ge­ria­li e di re­la­zio­ne. For­za Ita­lia in La­zio è la pri­ma for­za po­li­ti­ca del cen­tro-de­stra ed è quin­di in gra­do di espri­me­re mol­te fi­gu­re con que­ste ca­rat­te­ri­sti­che. Come av­vie­ne in tut­ta Ita­lia, sce­glie­re­mo con i no­stri al­lea­ti il mi­glior can­di­da­to per i cit­ta­di­ni del­la re­gio­ne». Pi­roz­zi non vi pia­ce per­ché trop­po po­pu­li­sta? «Non pos­so da­re un giu­di­zio sul sin­da­co Pi­roz­zi: non co­no­sco lui e non co­no­sco i suoi pro­gram­mi». Riu­sci­re­te a pre­sen­tar­vi al­le ele­zio­ni con un pro­gram­ma co­mu­ne del cen­tro­de­stra? «Na­tu­ral­men­te sì. Sul­le co­se fon­da­men­ta­li sia­mo d'ac­cor­do da mol­to tem­po, al­tri­men­ti non avreb­be sen­so es­se­re al­lea­ti. Nel­la lot­ta con­tro l'op­pres­sio­ne fi- sca­le, l'op­pres­sio­ne bu­ro­cra­ti­ca, l'op­pres­sio­ne giu­di­zia­ria sia­mo pie­na­men­te d'ac­cor­do. Con­cor­dia­mo sul fat­to che l'Eu­ro­pa per ave­re un fu­tu­ro de­ve cam­bia­re pro­fon­da­men­te. Con­si­de­ria­mo il con­tra­sto all'im­mi­gra­zio­ne clan­de­sti­na, e la tu­te­la del­la si­cu­rez­za de­gli Ita­lia­ni una prio­ri­tà as­so­lu­ta. Come è na­tu­ra­le, poi, ogni for­za po­li­ti­ca de­cli­ne­rà que­sti con­te­nu­ti se­con­do il pro­prio lin­guag­gio e le pro­prie sen­si­bi­li­tà». Eu­ro­pa e mo­ne­ta uni­ca, al­la Le­ga piac­cio­no po­co, come pen­sa di po­ter con­vin­ce­re co­lo­ro che te­mo­no un cen­tro­de­stra a tra­zio­ne le­ghi­sta? «La Le­ga è una for­za di go­ver­no con la qua­le am­mi­ni­stria­mo gran­di re­gio­ni e gran­di cit­tà. Ha to­ni diversi dai no­stri, ma una cul­tu­ra di go­ver­no re­spon­sa­bi­le, e quin­di è con­sa­pe­vo­le del fat­to che usci­re dall'Eu­ro­pa o dal si­ste­ma Eu­ro sa­reb­be di­sa­stro­sa per il no­stro Pae­se. A dif­fe­ren­za del Re­gno Uni­to, an­che se lo vo­les­si­mo, non po­trem­mo per­met­ter­ce­lo. Non ce lo con­sen­to­no le con­di­zio­ni del­la no­stra eco­no­mia e del no­stro de­bi­to pub­bli­co. Il no­stro pros­si­mo go­ver­no di cen­tro-de­stra sa­rà cer­ta­men­te ca­pa­ce di con­ta­re in Eu­ro­pa per di­fen­de­re gli in­te­res­si ita­lia­ni e per cam­bia­re pro­fon­da­men­te la co­stru­zio­ne eu­ro­pea. Vo­glia­mo che l'Ita­lia sia pro­ta­go­ni­sta di un'Eu­ro­pa dei po­po­li, ba­sa­ta su va­lo­ri con­di­vi­si, e ca­pa­ce di una po­li­ti­ca este­ra e di di­fe­sa co­mu­ne. Su que­sti tra­guar­di non c'è nes­sun pro­ble­ma di ac­cor­do con la Le­ga». Qua­le sa­rà il cri­te­rio per la scel­ta del­le can­di­da­tu­re di FI? «I can­di­da­ti di For­za Ita­lia sa­ran­no fi­gu­re di as­so­lu­ta cre­di­bi­li­tà per­so­na­le e pro­fes­sio­na­le pri­ma che po­li­ti­ca. Ri­can­di­de­re­mo gli uscen­ti che han­no ben me­ri­ta­to e che de­si­de­ra­no ri­can­di­dar­si, ma al lo­ro fian­co can­di­de­re­mo dei pro­ta­go­ni­sti dell'im­pre­sa, del­le pro­fes­sio­ni, del­la cul­tu­ra, del vo­lon­ta­ria­to, che aven­do rag­giun­to il suc­ces­so nel lo­ro set­to­re me­ri­ti­no l'ap­prez­za­men­to e la sti­ma di tut­ti». Lei esclu­de le lar­ghe in­te­se con­vin­to del­la vit­to­ria del cen­tro­de­stra. Se co­sì non fos­se e un ri­sul­ta­to di pa­ri­tà co­strin­ges­se for­ze po­li­ti­che al­la con­ver­gen­za, qua­le par­ti­to ri­tie­ne sin da ora in­com­pa­ti­bi­le con FI? «Non sa­rà co­sì. So­no as­so­lu­ta­men­te cer­to del­la no­stra af­fer­ma­zio­ne. E' un pro­ble­ma quin­di che non con­si­de­ro nep­pu­re». Il cen­tro­si­ni­stra di­vi­so av­van­tag­gia voi o il M5S? «Il cen­tro-si­ni­stra di­vi­so rap­pre­sen­ta il fal­li­men­to del pro­get­to sul qua­le è na­to il PD, e ri­flet­te la cri­si dei par­ti­ti di si­ni­stra in tut­ta Eu­ro­pa. La si­ni­stra non ha ri­cet­te per la mo­der­ni­tà, vi­ve del­le vec­chie lo­gi­che sta­ta­li­ste, bu­ro- cra­ti­che e as­si­sten­zia­li già fal­li­te nel se­co­lo scor­so. Il fu­tu­ro è nel­le no­stre idee li­be­ra­li, nel­la con­cre­tez­za dei no­stri pro­gram­mi, nel­la no­stra espe­rien­za, nel­la no­stra com­pe­ten­za, nel­la no­stra ca­pa­ci­tà di rea­liz­za­re i no­stri pro­gram­mi».

Vo­ta­re a mar­zo o mag­gio? «Ho già avu­to mo­do di ri­spon­de­re a que­sta do­man­da. E' il Ca­po del­lo Sta­to che de­ve pren­de­re una de­ci­sio­ne al ri­guar­do». Il 22 Stra­sbur­go de­ci­de sull'ap­pli­ca­zio­ne re­troat­ti­va del­la leg­ge Se­ve­ri­no sul suo ca­so. E' ot­ti­mi­sta o te­me un nuo­vo rin­vio? «Io non fac­cio previsioni. Mi li­mi­to ad os­ser­va­re che sa­reb­be dav­ve­ro cla­mo­ro­so se non mi ve­nis­se re­sa giu­sti­zia in tem­po per le ele­zio­ni po­li­ti­che. Non è in di­scus­sio­ne sol­tan­to la con­di­zio­ne di un cit­ta­di­no che chie­de di ve­der ri­pri­sti­na­ta la sua ono­ra­bi­li­tà, è in gio­co la de­mo­cra­zia di un gran­de Pae­se fon­da­to­re dell'Eu­ro­pa. Mi au­gu­ro che i giu­di­ci di Stra­sbur­go ten­ga­no con­to an­che di que­sto nel­lo sta­bi­li­re i tem­pi del­la sen­ten­za. In ogni ca­so, can­di­da­to o no, sa­rò in cam­po con tut­ta la mia pas­sio­ne, da pun­ta, da re­gi­sta o da al­le­na­to­re». Lei a suo tem­po con­tri­buì al­la no­mi­na di Vi­sco a Ban­ki­ta­lia. Fos­se toc­ca­to a Lei de­ci­de­re lo avreb­be ri­pro­po­sto? «Set­te an­ni fa ho com­bat­tu­to una ve­ra e pro­pria bat­ta­glia per ot­te­ne­re la no­mi­na del dot­tor Vi­sco a go­ver­na­to­re del­la Ban­ca d'Ita­lia. Da al­lo­ra non l'ho mai incontrato e nep­pu­re mai sen­ti­to al te­le­fo­no. Per me, per noi l'au­to­no­mia del­la Ban­ca D'Ita­lia è una co­sa im­por­tan­te». Sul­le ban­che in cri­si più er­ro­ri o più ne­gli­gen­ze? «Al­cu­ni sin­go­li ban­chie­ri han­no cer­ta­men­te com­mes­so de­gli er­ro­ri che han­no pe­na­liz­za­to mol­ti ri­spar­mia­to­ri e a que­sto pro­po­si­to ci pos­so­no es­se­re del­le re­spon­sa­bi­li­tà per­so­na­li. Pe­rò stia­mo at­ten­ti al­le ge­ne­ra­liz­za­zio­ni, il si­ste­ma ban­ca­rio nel suo com­ples­so ha svol­to la sua fun­zio­ne, che è quel­la di fi­nan­zia­re il si­ste­ma del­le im­pre­se, ac­col­lan­do­si per que­sto an­che dei ri­schi. Ac­cu­sa­re le ban­che in ge­ne­ra­le, o pren­der­se­la con l a Ban­ca d'Ita­lia o la Con­sob, ser­ve so­lo ad ali­men­ta­re la con­fu­sio­ne e co­pri­re le ve­re re­spon­sa­bi­li­tà, che so­no sem­pre, ri­pe­to, per­so­na­li. Po­li­ti­ciz­za­re la que­stio­ne è un gra­ve er­ro­re, e non ha nul­la a che fa­re con la do­ve­ro­sa tu­te­la dei ri­spar­mia­to­ri. Per noi la prio­ri­tà è so­lo que­sta. Pro­fit­ta­re di que­sta cri­si per at­tac­ca­re un par­ti­to o un'isti­tu­zio­ne si­gni­fi­ca man­ca­re di ri­spet­to al­le vit­ti­me del­le cri­si ban­ca­rie. Ades­so pe­rò è im­por­tan­te che le ban­che ren­da­no sem­pre più age­vo­le l'ac­ces­so al cre­di­to, al­le im­pre­se ar­ti­gia­ne, ai com­mer­cian­ti, agli agri­col­to­ri e ai li­be­ri pro­fes­sio­ni­sti per­ché pos­sa­no crea­re cre­sci­ta, svi­lup­po e nuo­vi po­sti di la­vo­ro». La leg­ge di Bi­lan­cio è in Par­la­men­to. Cos'è che non le pia­ce e co­sa avreb­be fat­to? «Avrei vo­lu­to una leg­ge di bi­lan­cio che se­gnas­se un ve­ro cam­bia­men­to: ve­ri ta­gli al­le tas­se, sul­le per­so­ne e sul­le im­pre­se, ve­re ri­du­zio­ni al­la spe­sa pub­bli­ca, ve­ro so­ste­gno a chi è ri­ma­sto in­die­tro, ai 15 mi­lio­ni di ita­lia­ni che so­no nel­la po­ver­tà as­so­lu­ta o re­la­ti­va, ai pen­sio­na­ti che de­vo­no so­prav­vi­ve­re con po­che cen­ti­na­ta di eu­ro al me­se, do­po una vi­ta di la­vo­ro. Nel­la ma­no­vra eco­no­mi­ca non ce trac­cia di tut­to que­sto. Ma cos'al­tro ci si po­te­va aspet­ta­re da un go­ver­no di si­ni­stra, il quar­to con­se­cu­ti­vo non scel­to da­gli ita­lia­ni? Per for­tu­na sia­mo agli ul­ti­mi pas­sag­gi pri­ma di ri­da­re la pa­ro­la agli elet­to­ri».

(fo­to ANSA)

La Cor­te Ue per i Di­rit­ti dell'uo­mo che ha se­de a Stra­sbur­go

(fo­to LAPRESSE)

Il Se­na­to da cui Ber­lu­sco­ni è de­ca­du­to

nel 2013

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.