Stu­pra­ta e uc­ci­sa nel cen­tro di Ro­ma «At­tac­co bru­ta­le»

Il cor­po di una bra­si­lia­na di 49 an­ni tro­va­to in un sot­to­pas­so Era nu­da, con una fe­ri­ta al­la te­sta. Una pi­sta dal suo te­le­fo­ni­no

Il Messaggero - - CRONACHE - LE IN­DA­GI­NI I DUE SOMALI UNA SCIA DI SAN­GUE Mar­co De Ri­si Ele­na Pa­na­rel­la

vit­ti­ma e tut­ti i suoi con­tat­ti: per rin­trac­cia­re que­gli ami­ci che ogni tan­to la ospi­ta­va­no. Ma stan­no an­che pas­san­do al se­tac­cio il mon­do di di­spe­ra­ti che ruo­ta at­tor­no al­la sta­zio­ne Ter­mi­ni (da do­ve tut­to po­treb­be es­se­re par­ti­to). So­no in cor­so ac­cer­ta­men­ti an­che su­gli in­du­men­ti del­la qua­ran­ten­ne per tro­va­re even­tua­li trac­ce bio­lo­gi­che dell'ag­gres­so­re e il me­di­co le­ga­le po­treb­be in­di­ca­re nel­le pros­si­me ore quan­do è av­ve­nu­to il de­ces­so. Co­mun­que vio­len­to, vi­ste le mac­chie di san­gue tro­va­te nel sot­to­pas­so. Ora bi­so­gne­rà ri­co­strui­re gli spo­sta­men­ti di Ma­ria Nor­ma. Po­treb­be es­se­re sta­ta co­stret­ta ad an­da­re in quel luo­go. Op­pu­re, quan­do si è re­sa con­to del pe­ri­co­lo, è fi­ni­ta là sot­to per scap­pa­re da chi vo­le­va far­le del ma­le e for­se ca­den­do si è frat­tu­ra­ta la ca­vi­glia. Sa­reb­be sta­ta col­pi­ta con for­za al­la te­sta tan­to da spac­car­le il cra­nio. An­che se gli schiz­zi di san­gue sul mu­ro po­treb­be­ro es­se­re sta­ti pro­vo­ca­ti dal­la te­sta sbat­tu­ta più vol­te con­tro la pa­re­te dal suo as­sas­si­no. Il de­ces­so do­vreb­be es­se­re av­ve­nu­to in­tor­no al­le 4 del­la scor­sa not­te. Il fat­to che sia sta­ta tro­va­ta nu­da non fa esclu­de­re agli in­ve­sti­ga­to­ri che la vit­ti­ma pos­sa aver su­bi­to una vio­len­za ses­sua­le. Sa­rà co­mun­que l'au­top­sia a chia­rir­lo. Ti­to­la­re del fa­sci­co­lo, è la pm Sil­via San­tuc­ci. A po­ca di­stan­za dal ri­tro­va­men­to del ca­da­ve­re, in al­tri trat­ti di quei sot­to­pas­si, dor­mo­no spes­so dei clo­chard. For­se qual­cu­no ha vi­sto qual­co­sa? Al va­glio le im­ma­gi­ni re­gi­stra­te dal­le te­le­ca­me­re che in­qua­dra­no il trat­to di stra­da do­ve si tro­va la ram­pa di sca­le che por­ta al mar­cia­pie­de. Gli in­ve­sti­ga­to­ri stan­no ascol­tan­do di­ver­se per­so­ne per ac­qui­si­re ele- men­ti uti­li a far lu­ce sul­la vi­cen­da. Tra le ipo­te­si c'è an­che quel­la che il de­lit­to pos­sa es­se­re ma­tu­ra­to ne­gli am­bien­ti di sen­za fis­sa di­mo­ra che fre­quen­ta­no la zo­na. Ma pri­ma di tut­to re­sta an­co­ra da ca­pi­re se sia sce­sa da so­la o in com­pa­gnia di qual­cu­no, in un pun­to do­ve le mac­chi­ne sfrec­cia­no a tut­ta ve­lo­ci­tà pro­prio ac­can­to all'usci­ta d'emer­gen­za. Un trat­to non buio (come per al­tri pun­ti), ma an­zi ben vi­si­bi­le dal­la su­per­fi­cie, vi­sto che si tro­va pro­prio sot­to le fi­ne­stre del­la se­de del­le Fer­ro­vie del­lo Sta­to in di­re­zio­ne Po­li­cli­ni­co (an­che le te­le­ca­me­re di que­sto pa­laz­zo sa­ran­no vi­sio­na­te). Quei sot­to­pas­si, quel­le usci­te d'emer­gen­za e gal­le­rie so­no tut­ti luo­ghi ac­co­mu­na­ti dal­la stes­sa de­so­la­zio­ne, dal­lo stes­so de­gra­do, dal­la stes­sa pau­ra. Cor­ri­doi, stret­ti e lun­ghi. La­bi­rin­ti pe­ri­co­lo­si. Abi­ta­ti da sban­da­ti e sen­za­tet­to. Co­sì come i due somali che qual­che an­no fa ave­va­no «de­ci­so» di vivere in quel­li di Cor­so Ita­lia e do­ve so­no mor­ti car­bo­niz­za­ti. Ma non era­no i so­li. Lì ne­gli slar­ghi ri­ca­va­ti tra il guard rail e le usci­te di si­cu­rez­za o le ca­bi­ne te­le­fo­ni­che, in mol­ti han­no al­le­sti­to i lo­ro gia­ci­gli e ne­gli an­ni al­tri so­no mor­ti di fred­do. Ri­fu­gi pe­ri­co­lo­si, con le au­to che sfrec- cia­no a po­chi cen­ti­me­tri a ve­lo­ci­tà so­ste­nu­ta. Ba­sta un nul­la e que­sti di­spe­ra­ti po­treb­be­ro es­se­re tra­vol­ti. E ora una nuo­va tra­ge­dia ac­cen­de i ri­flet­to­ri su que­sta «ver­go­gna». E con­ti­nua la scia di san­gue nel­la Ca­pi­ta­le. Que­sto è il ter­zo omi­ci­dio in cin­que gior­ni. Ve­ner­dì nel par­co del Turismo è sta­to tro­va­to il ca­da­ve­re di Lau­ren­tiu Ur­su, un trans ro­me­no di 27 an­ni uc­ci­so con una col­tel­la­ta al cuo­re. Per il de­lit­to è sta­to fer­ma­to un tren­ta­cin­quen­ne ro­ma­no, eva­so dai do­mi­ci­lia­ri il gior­no pre­ce­den­te, e so­spet­ta­to di es­se­re l'au­to­re an­che di un al­tro omi­ci­dio av­ve­nu­to a di­stan­za di 24 ore. Vit­ti­ma in que­sto ca­so un ven­ten­ne nor­da­fri­ca­no, col­pi­to a mor­te con la stes­sa col­tel­la­ta al cuo­re, e ri­tro­va­to sa­ba­to mat­ti­na in una fab­bri­ca oc­cu­pa­ta al­la pe­ri­fe­ria di Ro­ma.

(fo­to TOIATI)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.