Ban­che, la Com­mis­sio­ne con­vo­ca cin­que mi­ni­stri

Stret­ta sui tem­pi per ascol­ta­re Tre­mon­ti, Mon­ti, Gril­li, Sac­co­man­ni e ul­ti­mo Pa­doan Su­bi­to do­po il 10 di­cem­bre le au­di­zio­ni del pre­si­den­te Con­sob, Ve­gas, e poi Vi­sco

Il Messaggero - - ECONOMIA - L'ACCELERAZIONE Ro­ber­ta Amo­ru­so Al­ber­to Gen­ti­li

RO­MA So­no cin­que i mi­ni­stri pas­sa­ti da Via XX Set­tem­bre dal 2008 ad og­gi. E al­tret­tan­ti ha de­ci­so di ascol­ta­re l a Com­mis­sio­ne d'in­chie­sta sul­le ban­che, che ie­ri sul fa­sci­co­lo Mps ha sen­ti­to i so­sti­tu­ti pro­cu­ra­to­ri di Mi­la­no, Gior­da­no Bag­gio e Ste­fa­no Ci­var­di, ed ora è de­ci­sa ad ac­ce­le­ra­re i tem­pi. Dun­que an­che Giu­lio Tre­mon­ti, Ma­rio Mon­ti, Vit­to­rio Gril­li, Fa­bri­zio Sac­co­man­ni e Pier Car­lo Pa­doan rac­con­te­ran­no la lo­ro ver­sio­ne su die­ci an­ni di cri­si ban­ca­rie.

La pro­po­sta di chia­ma­re in cau­sa i mi­ni­stri del Te­so­ro è par­ti­ta pro­prio ie­ri dal pre­si­den­te Pier Fer­di­nan­do Ca­si­ni, che ha ag­gior­na­to an­che il ca­len­da­rio del­le au­di­zio­ni set­ti­ma­na­li. Do­po quel­la di og­gi, gio­ve­dì è pre­vi­sta la se­du­ta con il ca­po del­la Pro­cu­ra di Sie­na, Sal­va­to­re Vi­tel­lo, e ve­ner­dì con il co­lon­nel­lo del­la Guar­dia di Fi­nan­za Pie­tro Bian­chi. Per il re­sto, il pro­gram­ma dei la­vo­ri è fis­sa­to: fi­no al 26 la bi­ca­me­ra­le si oc­cu­pe­rà di Mps, e fi­no al 10 di­cem­bre toc­che­rà al­le quat­tro ban­che, Etru­ria, Mar­che, Ca­ri­fer­ra­ra e Ca­ri­chie­ti. Do­po­di­ché sa­rà con­vo­ca­to il pre­si­den­te del­la Con­sob (in sca­den­za il 15 di­cem­bre) e quin­di il go­ver­na­to­re, Igna­zio Vi­sco. So­lo al­lo­ra par­ti­rà la sfi­la­ta dei mi­ni­stri. Ri­ma­ne in­ve­ce an­co­ra aper­to il de­li­ca­to ca­pi­to­lo dell'au­di­zio­ne del pre­si­den­te del­la Bce, Ma­rio Dra­ghi, ex go­ver­na­to­re di Ban­ki­ta­lia, sul­la qua­le ie­ri ha in­si­sti­to il de­pu­ta­to M5s Car­lo Si­bi­lia. Un'ipo­te­si da ri­spe­di­re al mit­ten­te per Gio­van­ni Pa­glia di Si­ni­stra ita­lia­na. Su que­sto il pre­si­den­te Ca­si­ni non si è espres­so. Da par­te sua il pre­si­den­te del Pd, Mat­teo Or­fi­ni, ha la­scia­to la por­ta aper­ta. L'orien­ta­men­to è di «fa­re qual­che ap­pro­fon­di­men­to sul ca­so», in­som­ma di «la­vo­rar­ci un po'» pri­ma di una de­ci­sio­ne. Quan­to ba­sta per far pen­sa­re a qual­cu­no che die­tro ci sia sol­tan­to la vo­lon­tà del Pd di man­te­ne­re una cer­ta pres­sio­ne sul go­ver­na­to­re Vi­sco.

In real­tà la va­lu­ta­zio­ne è sul ta­vo­lo dei tec­ni­ci, che co­no­sco­no be­ne i pa­let­ti del ca­so, vi­sto che Dra- E' «in gra­dua­le au­men­to la ve­lo­ci­tà di smal­ti­men­to del­le sof­fe­ren­ze». Lo se­gna­la la Ban­ca d'Ita­lia nel­la no­ta di Sta­bi­li­tà fi­nan­zia­ria e di vi­gi­lan­za se­con­do cui «la quo­ta di po­si­zio­ni chiu­se en­tro un an­no dall'in­gres­so a sof­fe­ren­za, sce­sa si­no a un mi­ni­mo del 20% nel 2012, è ri­sa­li­ta al 38% per le po­si­zio­ni aper­te nel 2015». In ter­mi­ni di im­por­ti, il rap­por­to fra l'am­mon­ta­re del­le sof­fe­ren­ze chiu­se in cia­scun an­no e lo stock esi­sten­te all'ini­zio del pe­rio­do, che ave­va toc­ca­to il mi­ni­mo nel 2013 (6%), nell'ul­ti­mo trien­nio è sta­to sem­pre su­pe­rio­re all'8%, at­te­stan­do­si al di so­pra del 9% nel 2016. L'Abi in­ve­ce pre­ci­sa nel suo ul­ti­mo rap­por­to che le sof­fe­ren­ze net­te a set­tem­bre si so­no at­te­sta­te a quo­ta 65,8 mi­liar­di. Con­ti­nua in­tan­to la cre­sci­ta dei pre­sti­ti ban­ca­ri: a ot­to­bre i fi­nan­zia­men­ti al­le im­pre­se so­no sce­si del­lo 0,6% men­tre quel­li al­le fa­mi­glie so­no au­men­ta­ti del 2,6% trai­na­ti sia dal cre­di­to al con­su­mo sia dal­la nuo­va do­man­da di mu­tui. Un se­gno che la ri­pre­sa eco­no­mi­ca con­ti­nua a pren­de­re for­za. ghi di­spo­ne del­le pre­ro­ga­ti­ve del Ca­po del­lo Sta­to e dun­que, può es­se­re sol­tan­to in­vi­ta­to dal­la Com­mis­sio­ne di in­chie­sta. È evi­den­te, pe­rò, come an­che un in­vi­to po­treb­be es­se­re quan­to­me­no im­ba­raz­zan­te per il nu­me­ro uno Bce. E nean­che dal­le par­ti del Qui­ri­na­le pas­se­reb­be fa­cil­men­te. Al­lo­ra una del­le ipo­te­si è quel­la di sen­ti­re sol­tan­to Da­nie­le Nouy, ca­po del­la Vi­gi­lan­za di Fran­co­for­te.

Ma c'è un al­tro te­ma an­co­ra da chia­ri­re: quan­do si apri­rà il fa­sci­co­lo del­le quat­tro ban­che sa­rà sen­ti­to an­che il sot­to­se­gre­ta­rio Ma­ria Ele­na Bo­schi? L'ar­go­men­to non è sta­to nem­me­no sfio­ra­to ie­ri. For­se per­ché nell'uf­fi­cio di pre­si­den­za com­po­sto an­che dal se­na­to­re Pd, Mau­ro Ma­ria Ma­ri­no, e dal ca­po­grup­po al­la Ca­me­ra di FI, Re­na­to Bru­net­ta, l'ar­go­men­to è scon­ta­to. Un pas­so ob­bli­ga­to, in­ve­ce, per gli M5s, è con­vo­ca­re l'ex ad di Uni­cre­dit, Fe­de­ri­co Ghiz­zo­ni.

In­tan­to le au­di­zio­ni dei pro­cu­ra­to­ri di Mi­la­no con­fer­ma­no tut­ti i no­di del «si­ste­ma» Mps crea­to dai ma­na­ger e fat­to pre­ci­pi­ta­re dal­la cri­si. Le ope­ra­zio­ni Ale­xan­dria e San­to­ri­ni, ha spie­ga­to Ci­var­di, «ser­vi­ro­no ad oc­cul­ta­re le per­di­te, quin­di a ri­sol­ve­re pro­ble­mi». Per­chè Mps ave­va una quo­ta dop­pia di ti­to­li di Sta­to ri­spet­to al­le al­tre ban­che e quan­do a fi­ne 2010 scop­pia il pro­ble­ma del de­bi­to so­vra­no, Sie­na sof­fre più del­le al­tre». E l'ac­qui­sto di An­ton­veen­ta a un prez­zo stel­la­re? Fu com­pra­ta «una ban­ca a sca­to­la chiu­sa», ma non c'è al­cu­na pro­va di una «stec­ca» pa­ga­ta per l'ac­qui­sto. Sul te­ma ban­che è in­ter­ve­nu­to da Vi­cen­za an­che Mat­teo Ren­zi: «Non ho nes­su­na dif­fi­col­tà a par­la­re per­ché ci ho mes­so la fac­cia sul­la ri­for­ma del­le po­po­la­ri, che ha per­mes­so di far emer­ge tut­te le schi­fez­ze fat­te su que­sto ter­ri­to­rio dai vo­stri ban­chie­ri e ma­na­ger aiu­ta­ti da Ban­ki­ta­lia, Con­sob e dal­la po­li­ti­ca».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.