La spi­ra­le di vio­len­za che nes­su­no con­trol­la

Il Messaggero - - DA PRIMA PAGINA - Pao­lo Gral­di

La Ro­ma del de­gra­do e dell'ab­ban­do­no, del­la mi­se­ria pro­fon­da e dell'oscu­ro mon­do dei clo­chard.

Que­sta Ro­ma ci con­se­gna, an­co­ra una vol­ta, or­mai sen­za stu­po­re, il cor­po sen­za vi­ta di una don­na as­sas­si­na­ta. Nu­da, gli abi­ti con la bor­set­ta sen­za do­cu­men­ti ac­can­to al ca­da­ve­re, uc­ci­sa con un col­po al ca­po. L'han­no tro­va­ta mol­te ore do­po. Per la po­li­zia po­treb­be es­se­re una bra­si­lia­na sen­za fis­sa di­mo­ra, di quel­le fi­gu­re sfug­gen­ti che gi­ro­va­ga­no per gli an­tri del­la cit­tà e si spin­go­no fin den­tro il cen­tro sto­ri­co in cer­ca di un gia­ci­glio qual­sia­si, un ri­pa­ro dal fred­do del­la not­te, for­se an­che in cer­ca di una prov­vi­so­ria com­pa­gnia.

I me­di­ci le­ga­li di­co­no che ol­tre al­la pro­fon­da fe­ri­ta al ca­po ave­va una ca­vi­glia spez­za­ta, for­se in se­gui­to a una col­lut­ta­zio­ne o qual­co­sa del ge­ne­re. E pen­sa­no, i pe­ri­ti, che sia sta­ta vio­len­ta­ta. Gli ap­pro­fon­di­men­ti cli­ni­ci in cor­so di­ran­no di cer­to qual­co­sa di più. Per ades­so, come si di­ce, è un “gial­lo” che si col­lo­ca a po­che cen­ti­na­ia di me­tri da via Ve­ne­to, la via dei gran­di al­ber­ghi an­che se la vi­ta not­tur­na da an­ni spe­gne le pro­prie lu­ci pri­ma di mezzanotte. Nel­le pros­si­me ore, do­po aver­la iden­ti­fi­ca­ta, se ne sa­prà di più del­la sua vi­ta di gi­ro­va­ga, del­le sue even­tua­li re­la­zio­ni, dei luo­ghi che fre­quen­ta­va, chi la co­no­sce­va.

Per ora c'è da fis­sa­re il po­sto del­la sua mor­te. Una sca­la che s'inol­tra nel buio, un sot­to­pas­so all'al­tez­za di piaz­za Cro­ce Ros­sa, a Cor­so d'Ita­lia, uno dei mil­le ri­fu­gi prov­vi­so­ri e ma­leo­do­ran­ti fre­quen­ta­ti dal popolo dei fan­ta­smi in cer­ca di un ri­pa­ro qual­sia­si, tra bu­ste di pla­sti­ca, car­to­ni di im­bal­lag­gi tra­fu­ga­ti fin den­tro i cas­so­net­ti del­la spaz­za­tu­ra. Ep­pu­re, in que­sto an­tro sen­za nep­pu­re una trac­cia di de­co­ro si so­no eser­ci­ta­ti i “graf­fit­ta­ri”, la­scian­do le lo­ro in­se­gne gof­fe e co­lo­ra­te, le fir­me a ge­ro­gli­fi­co del lo­ro in­sul­so pas­sag­gio.

Un de­lit­to, un atro­ce de­lit­to, una vi­ta spez­za­ta da una vio­len­za fe­ro­ce, av­vol­ta dal­le te­ne­bre per­ma­nen­ti di un ri­fu­gio pre­ca­rio e ino­spi­ta­le. L'en­ne­si­ma ag­gres­sio­ne a una don­na, come quel­la di po­che set­ti­ma­ne fa com­piu­ta da uno stra­nie­ro a vil­la Bor­ghe­se, bot­te e vio­len­za car­na­le a cie­lo aper­to. In quel ca­so la po­li­zia ha ri­co­strui­to i fat­ti, iden­ti­fi­ca­to il col­pe­vo­le. Un de­lit­to, quel­lo del sot­to­pas­so, che s'iscri­ve in un'in­cu­ria di­la­gan­te che in­te­res­sa ogni luo­go espo­sto all'ab­ban­do­no, al di­sin­te­res­se ver­so il be­ne pub­bli­co. La con­di­zio­ne dei clo­chard, ver­so i qua­li le dif­fi­col­tà del­le isti­tu­zio­ni ra­sen­ta­no tal­vol­ta la più com­ple­ta non­cu­ran­za (a par­te l'ope­ra me­ri­te­vo­le, in qual­che si­to, dei vo­lon­ta­ri del­la not­te che di­stri­bui­sco­no pa­sti e con­for­to) re­sta sem­pre aper­ta e ir­ri­sol­ta: pic­co­li e spo­ra­di­ci in­ter­ven­ti la­scia­no le co­se come stan­no e il fe­no­me­no, più che al­tro, pro­du­ce ag­gre­ga­zio­ne clan­de­sti­na e s'in­gi­gan­ti­sce.

Ad ogni fat­tac­cio il Co­mu­ne pro­met­te in­ter­ven­ti d'ur­gen­za e se­ve­ri con­trol­li e per­fi­no l'uso dif­fu­so di te­le­ca­me­re per sor­ve­glia­re le zo­ne a ri­schio. Ec­co, il cir­co del­le buo­ne in­ten­zio­ni che non rie­sco­no a tra­dur­si in fat­ti, è po­po­la­to di pro­mes­se e di pro­get­ti ma ben po­co si rea­liz­za. Non c'è uno stu­dio se­rio sul va­ga­bon­dag­gio, non c'è sin­te­si d'in­ten­ti tra le di­ver­se isti­tu­zio­ni, non c'è una de­ter­mi­na­zio­ne tan­gi­bi­le ver­so un mon­do di­sgre­ga­to e di­sgra­zia­to do­ve, va det­to, insieme al­la po­ver­tà estre­ma e spes­so a for­me di fol­lia si me­sco­la­no al­co­li­smo e vio­len­za, pro­te­si per­ma­nen­ti di un ab­ban­do­no to­ta­le ver­so un mi­ni­mo di de­co­ro e di as­si­sten­za.

E co­sì, a ca­den­ze qua­si re­go­la­ri, ri­sco­pria­mo che l'emar­gi­na­zio­ne as­so­lu­ta di­vie­ne ma­dre del de­lit­to, dell'ag­gres­sio­ne, del­la vio­len­za car­na­le. E' tri­ste do­ver con­sta­ta­re che l'as­sal­to al de­gra­do, al de­co­ro che scom­pa­re come va­lo­re ina­lie­na­bi­le, di­ven­ta­no un brand che con­no­ta la cit­tà più bel­la del mon­do.

Un mar­chio di fab­bri­ca al qua­le non pos­sia­mo abi­tuar­ci, che ri­fiu­tia­mo con as­so­lu­ta de­ter­mi­na­zio­ne, che non ci de­ve ap­par­te­ne­re, al di là del­la mor­te an­nun­cia­ta di una clo­chard vio­len­ta­ta, in cer­ca di iden­ti­tà in at­te­sa del­la se­pol­tu­ra.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.