Il “Dia­rio in­con­sa­pe­vo­le” di Tor­na­to­re: so­gni di una vi­ta

Do­ma­ni in li­bre­ria “Dia­rio in­con­sa­pe­vo­le” del re­gi­sta di “Nuo­vo Ci­ne­ma Pa­ra­di­so”: una rac­col­ta di scrit­ti de­gli ul­ti­mi 35 an­ni com­pre­si gli ar­ti­co­li per Il Mes­sag­ge­ro. I tra­guar­di pro­fes­sio­na­li e gli in­con­tri: da An­to­nio­ni a Fel­li­ni, da Gut­tu­so a Mor­ri­con

Il Messaggero - - DA PRIMA PAGINA - SCRIT­TI SPARSI LEONARDO SCIASCIA PEPPUCCIO TESTARDAGGINE Mat­teo Col­lu­ra

iu­sep­pe Tor­na­to­re pub­bli­ca un li­bro sul­la sua vi­ta di uo­mo di ci­ne­ma e già nel ti­to­lo met­te le ma­ni avan­ti, de­fi­nen­do­lo un “dia­rio in­con­sa­pe­vo­le”. Bel ti­to­lo, in ogni ca­so, al di là del­le in­ten­zio­ni di chi lo ha vo­lu­to. E az­zec­ca­to, per­ché, se un po' si sa dell'au­to­re, dav­ve­ro si può star cer­ti che que­sto li­bro gli è cre­sciu­to tra le ma­ni sen­za vo­ler­lo, met­ten­do a pun­to il suo me­stie­re di re­gi­sta ci­ne­ma­to­gra­fi­co, e di­co me­stie­re e non ma­gi­ste­ro, per come Tor­na­to­re par­la del suo la­vo­ro, sen­za mai far mi­ni­mo cen­no al suo ta­len­to d'ar­ti­sta. I va­ri ca­pi­to­let­ti di Dia­rio in­con­sa­pe­vo­le (pa­gi­ne 384, eu­ro 18,50, HarperCollins) so­no le­ga­ti da un sot­ti­le fi­lo che av­vin­ce e com­muo­ve. Ad av­vin­ce­re è la ca­pa­ci­tà af­fa­bu­la­to­ria di Tor­na­to­re, quel suo nar­ra­re so­brio e as­sen­na­to; a com­muo­ve­re la sua sin­ce­ra te­sti­mo­nian­za di uo­mo che ha cre­du­to in un so­gno e lo ha rea­liz­za­to. Del re­sto, è lui stes­so a de­scri­ve­re cer­te sue emo­zio­ni come può ac­ca­de­re «nei fi­na­li oni­ri­ci di cer­ti film».

GLeg­ge­re que­sto li­bro non sol­tan­to è istrut­ti­vo (se si ama il ci­ne­ma), ma gra­de­vol­men­te pre­cet­ti­vo, per la sor­ve­glia­ta mo­de­stia che l'au­to­re mo­stra an­che quan­do rac­con­ta dei suoi trion­fi. In que­sti scrit­ti sparsi, rac­col­ti nell'ar­co di tren­ta­cin­que an­ni (bre­vi no­te, di­scor­si, pre­fa­zio­ni, let­te­re, ar­ti­co­li, al­cu­ni dei qua­li ap­par­si su Il Mes­sag­ge­ro), Tor­na­to­re tie­ne sem­pre ben sal­di i pie­di per ter­ra. Rag­giun­to il suc­ces­so, non ha mai smes­so di guar­dar­si in­die­tro, di con­ta­re i tanti pas­si fat­ti, di stu­pir­si, per­si­no, par­lan­do di sé come uno dei mag­gio­ri ci­nea­sti dei gior­ni no­stri. Per un re­gi­sta, ri­ce­ve­re un pre­mio Oscar a 34 an­ni, è quan­to di più gra­ti­fi­can­te si pos­sa im­ma­gi­na­re, ma è an­che ri­schio­so. Da quel mo­men­to in poi non si può più sba­glia­re. Tor­na­to­re, na­to in una fa­mi­glia di umi­li ori­gi­ni (suo pa­dre è sta­to un ope­ra­io di­ve­nu­to sin­da­ca­li­sta), lo sa. E mo­stra di aver­lo be­ne in men­te in ogni pa­gi­na del li­bro. Non c'è mai al­te­ri­gia in quel che an­no­ta, sem­mai lo stu­po­re schiet­to di po­ter rac­con­ta­re da pro­ta­go­ni­sta si­tua­zio­ni e aned­do­ti le­ga­ti ai personaggi che ha co­no­sciu­to e in al­cu­ni ca­si con i qua­li ha la­vo­ra­to. Bel­lis­si­me le pa­gi­ne de­di­ca­te a Leonardo Sciascia (una vec­chia in­ter­vi­sta, que­sta), Fe­de­ri­co Fel­li­ni (che ac­cet­tò di ve­de­re Nuo­vo ci­ne­ma Pa­ra­di­so pri­ma dell'usci­ta nel­le sa­le), Mar­cel­lo Ma­stro­ian­ni, Fran­ce­sco Ro­si (che ge­ne­ro­sa­men­te l'aiu­tò all'ini­zio del­la car­rie­ra), Ser­gio Leo­ne, Re­na­to Gut­tu­so (an­che lui di Ba­ghe­ria, come il poe­ta Igna­zio But­tit­ta, e per­ciò “baa­rio­to”, va­le a di­re si­ci­lia­no al qua­dra­to), ed En­nio Mor­ri­co­ne, mu­si­ci­sta che pro­di­gio­sa­men­te ha fat­to pro­prie le vi­bra­zio­ni emo­ti­ve di tanti re­gi­sti, Tor­na­to­re tra que­sti; e Mi­che­lan­ge­lo An­to­nio­ni, Phi­lip­pe Noi­ret, Ga­briel Gar­cia Mar­quez, Jor­ge Luis Bor­ges... Nel de­scri­ve­re Pio La Tor­re (che co­nob­be gra­zie al pa­dre, di­ri­gen­te lo­ca­le del PCI e del­la CGIL), Tor­na­to­re di­mo­stra quan­to ci sap­pia fa­re con la scrit­tu­ra. Co­sì, per esem­pio, ri­cor­da un co­mi­zio te­nu­to a Ba­ghe­ria dal de­pu­ta­to e se­gre­ta­rio si­ci­lia­no co­mu­ni­sta, uc­ci­so con il suo au­ti­sta da si­ca­ri ma­fio­si, nel 1982: «Spin­ge­va le pa­ro­le. Non ba­sta­va che fos­se­ro pro­nun­cia­te e ir­ra­dia­te. Lui le aiu­ta­va, spin­gen­do­le con le ma­ni, per far­le pe­ne­tra­re nel­la te-

sta del­la gen­te». Ai co­mi­zi, il gio­va­ne Peppuccio (co­sì si fa chia­ma­re da­gli ami­ci) ci an­da­va col pa­dre, un uo­mo im­por­tan­te per lui, tie­ne a di­re ades­so: «An­dan­do avan­ti gli as­so­mi­glio sem­pre di più, so­prat­tut­to nel con­ta­re esclu­si­va­men­te nel­le mie for­ze, in­di­spen­sa­bi­le nel du­ro mon­do del ci­ne­ma». E qui c'en­tra (come po­treb­be non en­trar­ci?) il luo­go do­ve Tor­na­to­re è na­to, la già ci­ta­ta “Baa­rìa”, de­scrit­ta nel film omo­ni­mo. Scri­ve il re­gi­sta quel che ogni es­se­re uma­no di­reb­be del pro­prio luo­go di na­sci­ta: «Ho sem­pre sa­pu­to, e so­prat­tut­to ho sem­pre cre­du­to, che tut­to il be­ne e il ma­le di cui è fat­to il mio mo­do di rap­por­tar­mi al mon­do e al mio la­vo­ro sia na­to lì». Ma poi, ec­co su­bi­to la te­sti­mo­nian­za che lo ri­ve­la per­so­na­li­tà non co­mu­ne: «Ho stret­to un pat­to con me stes­so, da baa­rio­to a baa­rio­to: “at­ten­to, tut­te le vol­te che ti di­ran­no di no, fai come se ti aves­se­ro det­to di s씻. Ed è sta­ta que­sta sua testardaggine, que­sto suo ir­re­fre­na­bi­le amo­re per il ci­ne­ma, a fa­re di Giu­sep­pe Tor­na­to­re un re­gi­sta tra i più gran­di che l'Ita­lia – gran­de es­sa stes­sa nel­la sto­ria del ci­ne­ma – può van­ta­re. Peppuccio ha l'età giu­sta per ri­ve­de­re die­tro di sé un mon­do or­mai di­ve­nu­to leg­gen­da (quel­lo del ci­ne­ma­to­gra­fo fat­to di pel­li­co­le e gi­gan­te­schi mac­chi­na­ri) e nel­lo stes­so tem­po vivere un pre­sen­te in cui ef­fet­ti spe­cia­li e real­tà vir­tua­le han­no re­so il ci­ne­ma tutt'al­tra co­sa. Ma non dram­ma­tiz­za, non lan­cia al­lar­mi di­spe­ra­ti. Pren­de at­to del­la real­tà at­tin­gen­do al buon sen­so: «Gra­zie al­le nuo­ve tec­no­lo­gie di­gi­ta­li, chiun­que po­trà rea­liz­za­re pro­gram­mi te­le­vi­si­vi, o an­che film, sen­za ave­re bi­so­gno né di una mac­chi­na da pre­sa né di un pro­dut­to­re né di una trou­pe e, per­ché no, nean­che de­gli at­to­ri». Poi una ri­fles­sio­ne che il­lu­mi­na e in­quie­ta al­lo stes­so tem­po: «Nell'era del­la de­mo­cra­zia au­dio­vi­si­va chiun­que po­trà rac­con­ta­re at­tra­ver­so la gram­ma­ti­ca del­le im­ma­gi­ni. È fa­ci­le da ac­qui­si­re. Pa­so­li­ni, for­se esa­ge­ran­do, di­ce­va che si im­pa­ra in una set­ti­ma­na. Se­con­do me una set­ti­ma­na è in­suf­fi­cien­te, pe­rò è ve­ro che si ac­qui­si­sce in fret­ta. Ad ogni mo­do, Go­dard ci ha in­se­gna­to che la gram­ma­ti­ca del ci­ne­ma non è poi co­sì im­por­tan­te. Puoi rac­con­ta­re come ti pa­re, se hai ve­ra­men­te qual­co­sa da rac­con­ta­re, che ti con­vin­ce. E se con­vin­ce te, può con­vin­ce­re al­tri». Pa­ro­la di Giu­sep­pe Tor­na­to­re, baa­rio­to.

NUO­VO CI­NE­MA PA­RA­DI­SO Una fo­to di sce­na del film Pre­mio Oscar di Tor­na­to­re

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.