E Ven­tu­ra dis­se: «Io ct? Ar­re­sta­no tut­ti..»

Il Messaggero - - SPORT - OBIET­TI­VO CONDIVISO

RO­MA Ades­so, con il peg­gio or­mai al­le spal­le, c'è da sce­glie­re il me­glio per l'Ita­lia. Ven­tu­ra è già il pas­sa­to e non fa nien­te che non si sia di­mes­so nel­la not­te più buia del no­stro cal­cio (toc­ca og­gi a Ta­vec­chio eso­ne­rar­lo), af­fi­dan­do­si ai suoi le­ga­li per an­da­re al­la cas­sa (chie­de il ri­spet­to dell'ac­cor­do fi­no al 30 giu­gno e quin­di pre­ten­de 875 mi­la eu­ro, cioè 7 me­si di sti­pen­dio) e sa­pen­do che la clau­so­la di re­scis­sio­ne per­met­te al­la Fi­gc di an­nul­la­re il pro­lun­ga­men­to bien­na­le, ac­cor­da­to­gli a fi­ne ago­sto, con sca­den­za 2020. Per il suc­ces­so­re, pe­rò, non c'è fret­ta. Il tem­po gio­ca per la Na­zio­na­le che re­sta in le­tar­go più di quat­tro me­si, aspet­tan­do di tor­na­re in cam­po per le ami­che­vo­li con­tro l'Ar­gen­ti­na (23 mar­zo) e con­tro l'In­ghil­ter­ra (27 mar­zo). La pri­ma ga­ra uf­fi­cia­le è lon­ta­nis­si­ma: set­tem­bre 2018, nel­la Na­tions Lea­gue. L'ur­gen­za, dun­que, esi­ste so­lo per­ché nei playoff è sta­to toc­ca­to il fon­do. Ma, do­po l'er­ro­re fat­to nel­la pri­ma­ve­ra del 2016 su in­put di Lip­pi che poi si è chia­ma­to fuo­ri, non si può con­ce­de­re il bis. La scel­ta de­ve es­se­re mi­ra­ta e di spes­so­re. Per ri­pren­de­re su­bi­to quo­ta nel ran­king Fi­fa e ria­bi­li­ta­re l'im­ma­gi­ne del Club Ita­lia. Al po­sto di Ven­tu­ra ar­ri­ve­rà un big. E, pu­re se sul bi­lan­cio del­la Fi­gc in­ci­de­rà la man­ca­ta qua­li­fi­ca­zio­ne al mon­dia­le, con un in­gag­gio da al­le­na­to­re di club. Cioè come quel­lo con­ces­so a Con­te, con l'in­ter­ven­to al 50% del­lo spon­sor tec­ni­co, nel bien­nio 2014-16: 4 mi­lio­ni. Il no­me non de­ve spa­ven­ta­re: Car­lo, ma con RO­MA Non c'è nien­te da fa­re: Gian Pie­ro Ven­tu­ra non si è mai sen­ti­to il ct del­la Na­zio­na­le ita­lia­na. E non cer­to per­ché più vol­te gli è ca­pi­ta­to di se­gui­re l'in­no di Mameli con le ma­ni in ta­sca, qua­si fi­schiet­tan­do, i n pan­chi­na. In­tor­no gen­te che ur­la­va a squar­cia­go­la la can­zo­ne con la ma­no sul cuo­re, lui con la smor­fia del­le gran­di oc­ca­sio­ni. Qui c'en­tra po­co la Ver­go­gna di Mi­la­no: il suo fal­li­men­to in az­zur­ro ar­ri­va da lon­ta­no, è vec­chio di 9 an­ni. «Io ct del­la Na­zio­na­le? E' la vol­ta che ar­re­sta­no quel­li del­la fe­de­ra­zio­ne...», dis­se nel 2009 da­gli stu­di di An­ten­na Sud. Una bat­tu­ta (bat­tu­ta?), che og­gi as­su­me un si­gni­fi­ca­to par­ti­co­la­re. Era, come det­to, il 2009 e Gian Pie­ro Ven­tu­ra, all'epo­ca al­le­na­to­re del Ba­ri, da­gli stu­di dell'emit­ten­te ba­re­se sta­va ri­spon­den­do al­le do­man­de de­gli ascol­ta­to­ri. “Le pia­ce­reb­be al­le­na­re un gior­no la Na­zio­na­le?”, lo in­cal­zò al te­le­fo­no da ca­sa un cer­to Sal­va­to­re da Mol­fet­ta. E il ct, im­pu­ta­to per la man­ca­ta qua­li­fi­ca­zio­ne ai Mon­dia­li 2018 al­la pa­ri di chi l'ha mes­so sul­la pan­chi­na az­zur­ra, se la ca­vò - sor­ri­den­do - con una bat­tu­ta. Io in Na­zio­na­le? Ro­ba da ma­net­te, la sin­te­si di po­chi se­con­di di tra­smis­sio­ne. Ot­to an­ni do­po, c'è ri­ma­sto ben po­co da ri­de­re. Ven­tu­ra è en­tra­to nel­la Sto­ria del cal­cio ita­lia­no, e non cer­to dal­la por­ta prin­ci­pa­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.