«Scip­pa­ta da due ra­gaz­zi­ni in que­sta cit­tà in­ca­ro­gni­ta»

La scrit­tri­ce è sta­ta ag­gre­di­ta a Mon­te­ver­de lu­ne­dì se­ra: «Sen­to in gi­ro vio­len­za nuo­va» «Col­pa dei mes­sag­gi in­via­ti da ci­ne­ma e tv e dell'odio car­pi­to dal ter­ro­ri­smo isla­mi­co»

Il Messaggero - - CRONACA DI ROMA -

Do­ver­si guar­da­re le spal­le, an­che in com­pa­gnia, an­che al­le set­te di se­ra. In un quar­tie­re bor­ghe­se, vi­ci­no a un tea­tro. Da­cia Ma­rai­ni, vit­ti­ma di uno scip­po, ri­co­no­sce que­sta Ro­ma? «Pen­so che la cit­tà si sia in­ca­ro­gni­ta, sen­to in gi­ro tan­ta vio­len­za nuo­va. Quan­do so­no an­da­ta a fa­re la de­nun­cia un po­li­ziot­to del com­mis­sa­ria­to Mon­te­ver­de me lo ha con­fer­ma­to, un cer­to ti­po di mi­cro­cri­mi­na­li­tà è cre­sciu­ta». A che si ri­fe­ri­sce? «A scip­par­mi so­no sta­ti due gio­va­nis­si­mi in mo­to­ri­no, il ca­sco aper­to, il vol­to in vi­sta. Ab­bia­mo a che fa­re con una mi­cro­cri­mi­na­li­tà nuo­va, che toc­ca so­prat­tut­to i ra­gaz­zi­ni: quel­li che bru­cia­no il bar­bo­ne in stra­da, quel­li che at­tac­ca­no la ra­gaz­za di not­te. Ra­gaz­zi al­lo sban­do, non cri­mi­na­li­tà or­ga­niz­za­ta». Que­sta vol­ta han­no pre­so di mi­ra lei. «Sì, lu­ne­dì scor­so, il gior­no del mio com­plean­no. Era­no le set­te e mez­za di se­ra, era­va­mo in tre sul mar­cia­pie­di, in via Gia­cin­to Ca­ri­ni a Mon­te­ver­de vec­chio, sta­va­mo an­dan­do al Tea­tro Va­scel­lo, si so­no av­vi­ci­na­ti due gio­va­ni a bor­do di un mo­to­ri­no, mi han­no pre­so la bor­sa e so­no scap­pa­ti via». No­no­stan­te lo choc ha par­te­ci­pa­to al di­bat­ti­to che pre­ce- de­va lo spet­ta­co­lo (trat­to dal suo romanzo La lun­ga vi­ta di Ma­rian­na Ucrìa), poi è an­da­ta a spor­ge­re de­nun­cia. Li ha vi­sti be­ne in fac­cia. «Due ra­gaz­zi come tanti, due ita­lia­ni pro­ba­bil­men­te. Va stu­dia­to da do­ve vie­ne que­sta vio­len­za. De­le­te­ri so­no i mo­del­li pro­po­sti da pub­bli­ci­tà, ci­ne­ma e te­le­vi­sio­ne: so­no in­tri­si di vio­len­za, è tut­to ba­sa­to sul­la vio­len­za». Tut­to di­pen­da dal­la vio­len­za vei­co­la­ta dai me­dia? «No, c'en­tra an­che il lin­guag­gio del ter­ro­ri­smo isla­mi­co, che sta per es­se­re scon­fit­to, ma qual­co­sa nei gio­va­ni è pas­sa­to». Co­sa? «L'odio, il sen­so del sa­cri­fi­cio af­fa­sci­na i gio­va­nis­si­mi più de­gli adul­ti. L'ideo­lo­gia, l'esal­ta­zio­ne del­la mor­te, pro­pria e de­gli al­tri. La vio­len­za gra­tui­ta si è dif­fu­sa. Sa­pe­te che già che nel­la ca­sa in mon­ta­gna che ho a Pe­scas­se­ro­li è en­tra­ta una ban­da di bam­bi­ni ita­lia­ni dai 9 ai 15 an­ni, ed han­no di­strut­to tut­to». E lu­ne­dì un'al­tra brut­ta espe­rien­za, a Ro­ma. «Ave­va­no le sem­bian­ze di due ita­lia­nis­si­mi, ma­ga­ri an­che di buo­na fa­mi­glia, in­som­ma non è sem­pre col­pa del­lo stra­nie­ro. Li ho vi­sti be­ne, se aves­si avu­to il tem­po, la lu­ci­di­tà, gli avrei vo­lu­to di­re: da­te­mi in­die­tro al­me­no i do­cu­men­ti». Gio­va­nis­si­mi, non per for­za bi­so­gno­si, ep­pu­re de­lin­quen­ti». «Bi­so­gna ana­liz­za­re, ca­pi­re co­sa li spin­ge. C'è qual­co­sa che li tur­ba. Par­lo dei ma­schi. Le ra-

In­som­ma le “ca­ro­gne”, i nuo­vi bar­ba­ri so­no fi­gli no­stri, i ra­gaz­zi so­no spu­gne, no?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.