Ar­ri­va­no le bi­ci gial­le

- Il ser­vi­zio este­so an­che ai no­stri comuni del­la pri­ma fa­scia

Il Notiziario - - Da Prima Pagina -

Ofo, so­cie­tà che ge­sti­sce le bi­ci gial­le che hanno in­va­so Mi­la­no, ha rag­giun­to un ac­cor­do con Cit­tà me­tro­po­li­ta­na: i comuni del­la pri­ma fa­scia pos­so­no ade­ri­re al ser­vi­zio che già c'è a Mi­la­no e ri­ce­ve­re sul lo­ro ter­ri­to­rio cen­ti­na­ia di bi­ci­clet­te. Pa­der­no, No­va­te, Bol­la­te, Cor­ma­no e al­tri si stan­no già at­ti­van­do. Poi ci si al­lar­ghe­rà al­la se­con­da fa­scia.

BOL­LA­TE – Le bi­ci­clet­te gial­le gra­tui­te (o qua­si) che hanno in­va­so Mi­la­no con­ti­nua­no a far par­la­re di sé an­che a Bol­la­te. Se ne ve­do­no sem­pre più spes­so “par­cheg­gia­te” nei po­sti più stra­ni lun­go le no­stre vie, ma pur­trop­po si as­si­ste an­che sem­pre più spes­so ad at­ti di van­da­li­smo, per­ché spac­ca­re le co­se “di tut­ti” va di mo­da. L’ul­ti­mo epi­so­dio nel weekend: sa­ba­to not­te qual­cu­no ha but­ta­to una bi­ci gial­la giù dal­le sca­le del sot­to­pas­so pe­do­na­le di via 4 No­vem­bre. Una per­so­na do­me­ni­ca mat­ti­na l’ha vi­sta e l’ha ap­pog­gia­ta al mu­ro, ma la bi­ci ave­va il sel­li­no e al­tre par­ti rot­te ed era or­mai inu­ti­liz­za­bi­le.

Gli in­ci­vi­li si di­ver­to­no co­sì, e ve­dre­mo che co­sa suc­ce­de­rà tra qual­che set­ti­ma­na o qual­che me­se, poiché le bi­ci gial­le di Ofo stan­no dav­ve­ro per in­va­de­re Bol­la­te e i comuni dei din­tor­ni. Set­ti­ma­na scor­sa si è te­nu­to un in­con­tro in Cit­tà Me­tro­po­li­ta­na tra l’as­ses­so­re me­tro­po­li­ta­no Si­ria Trez­zi e i rap­pre­sen­tan­ti di quei comuni del­la pri­ma fa­scia in­te­res­sa­ti ad al­lar­ga­re il ser­vi­zio di Ofo.

Trez­zi ha spie­ga­to che Ofo è di­spo­ni­bi­le ad am­plia­re l’area e il nu­me­ro del­le bi­ci­clet­te gial­le a tut­ta la pri­ma fa­scia, in­clu­si comuni qua­li Bol­la­te, Ba­ran­za­te, No­va­te, Pa­der­no, Cor­ma­no… Ciò pur­ché i comuni ¿rmi­no una con­ven­zio­ne con Ofo pro­prio co­me l’ha ¿rma­ta Mi­la­no.

La fir­ma del­la con­ven­zio­ne è fon­da­men­ta­le poiché – è sta­to spie­ga­to nell’in­con­tro – se non c’è una con­ven­zio­ne, in teo­ria le Po­li­zie lo­ca­li dei va­ri comuni pos­so­no ri­muo- ve­re le bi­ci gial­le la­scia­te lun­go le stra­de, in quan­to ri­sul­ta­no es­se­re “bi­ci­clet­te ab­ban­do­na­te”. Se in­ve­ce c’è la con­ven­zio­ne, ta­li bi­ci pos­so­no re­sta­re li­be­ra­men­te lun­go le stra­de in at­te­sa che qual­cu­no de­ci­da di uti­liz­zar­le.

Ades­so i comuni in­te­res­sa­ti al ser­vi­zio (co­me per esem­pio Bol­la­te, che lo è) do­vran­no ap­pro­va­re in giun­ta una de­li­be­ra, co­sì da po­ter ¿rma­re la con­ven­zio­ne, sta­bi­li­re il nu­me­ro di bi­ci­clet­te per il ter­ri­to­rio co­mu­na­le (pro­ba­bil­men­te sa­ran­no le 400 bi­ci già pre­ven­ti­va­te da Ofo quan­do vi fu il pri­mo in­con­tro col sin­da­co) e par­ti­re con que­sto ser­vi­zio.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.