Osal No­va­te da sbal­lo: è se­con­da in clas­si­fi­ca

BA­SKET/ Ro­ber­to Be­neg­gi: “Il mo­men­to è buo­no, ma at­ten­ti ai ca­li di ten­sio­ne”

Il Notiziario - - Da Prima Pagina -

di Ro­ber­to San­vi­to LEN­TA­TE - La fa­vo­la del­la neo­pro­mos­sa Osal No­va­te. Pri­me due par­ti­te in C Sil­ver e ar­ri­va­no due scon¿tte.

Poi so­lo vit­to­rie e se­con­do po­sto in clas­si¿ca a due pun­ti dal­la vet­ta. Me­glio di co­sì non po­te­va es­se­re l’at­ter­rag­gio dei bian­co­ver­di nel se­con­do cam­pio­na­to re­gio­na­le lom­bar­do. E una si­cu­rez­za già ac­qui­si­ta do­po ap­pe­na set­te par­ti­te: la stra­da ver­so la sal­vez­za (per ora) è tutt’al­tro che in sa­li­ta.

Ed è pro­prio que­sto il com­pi­to di Ro­ber­to Be­neg­gi, te­ne­re sem­pre al­ta la ten­sio­ne.

Sod­di­sfat­to coa­ch di pri­mo ap­proc­cio del­la sua squa­dra in ca­te­go­ria?

“Mol­to, il mo­men­to è pro­pi­zio, i pun­ti in clas­si¿ca ci per­met­to­no di la­vo­ra­re con tra­quil­li­tà e gra­ti¿ca­no il grup­po. Ma que­sto è an­che il mo­men­to in cui de­vo la­vo­ra­re sul­la te­sta dei ra­gaz­zi e pre­pa­rar­li all’eventualità che pri­ma o poi le diႈcol­tà ar­ri­ve­ran­no e do­vre­mo es­se­re pron­ti ad af­fron­tar­le. Stia­mo met­ten­do ¿eno in ca­sci­na, ma non sem­pre sa­rà co­sì. Non il­lu­dia­mo­ci...”.

Be­neg­gi, vo­la bas­so. Ma sco­pria­mo co­me è na­to que­sto scor­cio fe­li­ce di cam­pio­na­to...

“Quan­do so­no usci­ti i ca­len­da­ri ci era­va­mo ac­cor­ti che le pri­me tre gior­na­te sa­reb­be­ro sta­te com­pli­ca­te. Ab­bia­mo per­so le pri­me due, poi il col­pac­cio a Se­sto con­tro la Ron­di­nel­la ci ha da­to tan­ta si­cu­rez­za e da lì in poi ab­bia­mo vin­to dan­do con­ti­nui­tà. Mi pia­ce sot­to­li­nea­re il suc­ces­so con­tro la Boc­co­ni nel tur­no in­fra­set­ti­ma­na­le. E’ ve­ro che è ul­ti­ma, ma i mi­la­ne­si si tro­va­no lì un po’ per ca­so se­con­do me e bat­ter­li è sta­to im­por­tan­te”.

L’aspet­to più bel­lo di que­ste cin­que vit­to­rie?

“Che ogni vol­ta c’è sta­to un pro­ta­go­ni­sta di­ver­so, un top sco­rer nuo­vo. E in pro­spet­ti­va la co­sa mi pia­ce mol­to”.

Il pros­si­mo av­ver­sa­rio si chia­ma Us­sa No­va e si gio­ca in tra­sfer­ta que­sta se­ra (ve­ner­dì). Qua­li in­si­die na­scon­de que­sta ga­ra con­tro un’av­ver­sa­ria che na­vi­ga nei bas­si­fon­di?

“No­va è squa­dra gio­va­ne e di talento, com­po­sta dai ra­gaz­zi del­le gio­va­ni­li dell’Au­ro­ra. Di so­li­to quan­do gio­ca in ca­sa è al com­ple­to ed è mol­to pe­ri­co­lo­sa. Ba­sti ve­de­re l’ul­ti­ma par­ti­ta con­tro la ca­po­li­sta Bu­sna­go per­sa di ap­pe­na cin­que pun­ti”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.