Fu vi­si­ta­ta per­fi­no da Mus­so­li­ni e dal Re, ades­so va in ro­vi­na

– Spa­ri­ti 2 al­to­ri­lie­vi in bron­zo, già i pri­mi van­da­li­smi. Fu vi­si­ta­ta dal Re e da Mus­so­li­ni, ora...

Il Notiziario - - Da Prima Pagina - di Pie­ro Ubol­di

GARBAGNATE – Qual­cu­no la chia­ma “la pic­co­la San Pie­tro del­le Groa­ne”, è la bel­la cap­pel­la del vec­chio ospe­da­le San­ta Co­ro­na, una chie­sa de­di­ca­ta a San Car­lo Bor­ro­neo che, con la chiu­su­ra dell’ospe­da­le, è ri­ma­sta ab­ban­do­na­ta.

Una chie­sa la cui pri­ma pie­tra fu po­sa­ta nel 1929 dal car­di­nal Schu­ster “per tra­dur­re in con­cre­to il bi­no­mio an­nun­cio del Van­ge­lo e cu­ra del ma­la­to”, un luo­go sa­cro che fu vi­si­ta­to da di­ver­si car­di­na­li ma an­che da re Vit­to­rio Ema­nue­le III e da Be­ni­to Mus­so­li­ni. Ades­so, pe­rò, que­sto gio­iel­lo gar­ba­gna­te­se sta an­dan­do in ro­vi­na in­sie­me a tut­to l’ospe­da­le.

Nel 2014, pri­ma che l’ospe­da­le chiu­des­se, l’al­lo­ra cap­pel­la­no don Clau­dio Fran­chi lan­ciò un ap­pel­lo per­ché la chie­sa di San Car­lo non ve­nis­se ab­ban­do­na­ta, per­ché si tro­vas­se il mo­do di con­ti­nua­re a far­la vi­ve­re. A di­stan­za di qua­si quat­tro an­ni, pe­rò, og­gi si può di­re con cer­tez­za che il suo ap­pel­lo è ca­du­to nel vuo­to.

Chi ha vi­si­ta­to la chie­sa ci rac­con­ta di una strut­tu­ra a cui si può ac­ce­de­re da più par­ti, ci rac­con­ta di ve­tri rot­ti, di un pre­oc­cu­pan­te ce­di­men­to che si può no­ta­re nel­la cupola, ma ci par­la an­che di van­da­li­smi: di re­cen­te sem­bre­reb­be che sia en­tra­to qual­cu­no che ha sca­ri­ca­to sul­le pan­che e per¿no sull’al­ta­re quel­lo che sem­bra il con­te­nu­to di uno o più estin­to­ri, for­se tro­va­ti in qual­che an­go­lo del vec­chio ospe­da­le. Ma so­prat­tut­to bal­za all’oc­chio la scom­par­sa di due dei tre al­to­ri­lie­vi in bron­zo po­sti al­la ba­se dell’al­ta­re stes­so, due ope­re d’ar­te che so­no spa­ri­te, ne è ri­ma­sta una sol­tan­to, se­gno tan­gi­bi­le di un de­gra­do che sta avan­zan­do in mo­do pre­oc­cu­pan­te.

Ep­pu­re un uti­liz­zo di quel­la chie­sa po­treb­be es­se­re ri­pen­sa­to: se non vi so­no più ne­ces­si­tà re­li­gio­se, po­treb­be co­mun­que es­se­re mes­sa in si­cu­rez­za e uti­liz­za­ta per ini­zia­ti­ve cul­tu­ra­li, per mo­stre, con­cer­ti o al­tre esi­bi­zio­ni ar­ti­sti­che. Cer­to, non è sem­pli­ce, per­ché la pro­prie­tà è del Co­mu­ne di Mi­la­no (an­che se pa­re che Mi­la­no non ab­bia pre­so an­co­ra in con­se­gna l’ex ospe­da­le e dun­que la sua chie­sa). Ve­de­re an­da­re in ro­vi­na l’ex ospe­da­le è un de­lit­to, ma è an­che ve­ro che ri­strut­tu­ra­re quel­la strut­tu­ra im­men­sa ha co­sti al­tis­si­mi, pe­rò al­me­no la chie­sa di San Car­lo do­vreb­be es­se­re sal­va­ta e re­sti­tui­ta al ter­ri­to­rio, pri­ma che sia trop­po tar­di.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.