Addio a Lu­cia­no Gar­bel­li, me­mo­ria sto­ri­ca del­la si­ni­stra ge­ren­za­ne­se

AVE­VA 78 AN­NI – Lo ri­cor­da­no Pd e Ge­ren­za­no De­mo­cra­ti­ca

Il Notiziario - - Gerenzano - Uboldo -

GE­REN­ZA­NO - Lu­cia­no Gar­bel­li, me­mo­ria sto­ri­ca del pae­se, non c’è più. Se n’è an­da­to po­chi gior­ni fa, all’età di 78 an­ni, la­scian­do un pro­fon­do vuo­to nel mon­do del­la si­ni­stra di Ge­ren­za­no.

Com­pa­gi­ne del­la qua­le era sem­pre sta­to il pun­to di ri­fe­ri­men­to, an­che con Ge­ren­za­no De­mo­cra­ti­ca e il Par­ti­to De­mo­cra­ti­co. Con­si­glie­re co­mu­na­le per il Pci per qua­si 30 an­ni du­ran­te la Pri­ma Re­pub­bli­ca, fe­ce par­te an­che del­la rap­pre­sen­tan­za dell’Uli­vo fra il 2002 e il 2007. In oc­ca­sio­ne del­le ul­ti­me am­mi­ni­stra­ti­ve del giu­gno 2017 en­trò nel­la li­sta che so­ste­ne­va la can­di­da­tu­ra di Pier An­ge­lo Gianni: “Era già ma­la­to e non riu­scì a da­re il pro­prio con­tri­bu­to du­ran­te la cam­pa­gna elet­to­ra­le – ri­cor­da­no gli at­ti­vi­sti - ma a noi fe­ce pia­ce­re can­di­dar­lo, in no­me del­la sua sto­ria e del suo ca­ri­sma, per­ché fos­se un po’ la ban­die­ra e il pa­dre no­bi­le del grup­po”.

A se­gna­re la sua gio­ven­tù fu un in­ci­den­te sul la­vo­ro che gli ave­va por­ta­to via un brac­cio: “Ma la sua ope­ro­si­tà su­pe­ra­va di gran lun­ga quel­la del­la mag­gior par­te di co­lo­ro che le brac­cia le han­no sem­pre avu­te en­tram­be”, di­ce chi lo co­no­sce­va be­ne. Gran­de co­no­sci­to­re del ter­ri­to­rio ge­ren­za­ne­se e dei suoi pro­ble­mi, ne­gli an­ni ot­tan­ta Gar­bel­li fu in pri­ma li­nea nel­la lot­ta per la chiu­su­ra di quel­la che, al­lo­ra, era la di­sca­ri­ca più gran­de d’Eu­ro­pa.

“Era scru­po­lo­so nel ri­co­pri­re il suo ruo­lo di rap­pre­sen­tan­te po­li­ti­co e at­ten­tis­si­mo al­le esi­gen­ze del­la gen­te, no­no­stan­te la fer­mez­za con cui pro­fes­sa­va i suoi prin­ci­pi e di­fen­de­va le sue idee dal­le fi­le dell’op­po­si­zio­ne (in cui sem­pre mi­li­tò) – lo de­scri­vo­no - Sa­pe­va an­che col­la­bo­ra­re at­ti­va­men­te con la con­tro­par­te del­la mag­gio­ran­za con­si­lia­re per per­se­gui­re il be­ne co­mu­ne; per que­sto an­che gli av­ver­sa­ri lo sti­ma­va­no e ri­co­no­sce­va­no le sue ca­pa­ci­tà”.

Ne­gli ul­ti­mi an­ni Lu­cia­no Gar­bel­li usa­va spes­so se­der­si in­tor­no a un ta­vo­lo, in­sie­me con gli ami­ci più stret­ti, con un fia­sco di vi­no, a par­la­re di po­li­ti­ca: “Ci pia­ce­reb­be con­ser­va­re di lui la fre­schez­za di que­sta im­ma­gi­ne”.

Lu­cia­no Gar­bel­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.