Pren­do­no a cal­ci e "ru­ba­no" le fac­ce, tan­to… san­no che nes­su­no con­trol­la

Il Notiziario - - Bollate - P.U.

BOL­LA­TE – A Bol­la­te non si può dav­ve­ro fa­re nul­la di bello, a li­vel­lo di ar­re­di, per­ché ci so­no ra­gaz­zi le cui fa­mi­glie non so­no in gra­do di edu­car­li, che sfo­ga­no su­gli ar­re­di pub­bli­ci le lo­ro fru­stra­zio­ni. E uno dei ber­sa­gli pre­fe­ri­ti è il mo­nu­men­to “an­ti bul­li­smo” del­le fac­ce sor­ri­den­ti espo­sto al Can­tun Scia­tin pro­prio di fron­te al Bar Orig­gi. Lo scor­so ¿ne set­ti­ma­na, per l’en­ne­si­ma vol­ta, al­cu­ne fac­ce sor­ri­den­ti so­no state pre­se a cal­ci dai vandali, che le han­no stac­ca­te dai lo­ro sup­por­ti sul mu­ro, por­ta­te via e ab­ban­do­na­te per le vie del­la cit­tà.

Ga­ia è su­bi­to in­ter­ve- nu­ta per ri­muo­ver­le e por­tar­le a far ri­pa­ra­re, ma è dav­ve­ro una lot­ta in­fi­ni­ta tra idio­ti che spac­ca­no e noi che pa­ghia­mo per far­le ri­pa­ra­re, sen­za che nes­su­no in Co­mu­ne pen­si di in­stal­la­re una te­le­ca­me­ra che con­trol­li quel­la zo­na co­sì pre­sa di mi­ra dai de­va­sta­to­ri. Ep­pu­re sa­reb­be dav­ve­ro il ca­so che si co­min­cias­se a pu­ni­re se­ria­men­te qual­cu­no di que­sti vandali, per­ché i dan­ni che pro­vo­ca­no, co­me si può leg­ge­re in que­ste pa­gi­ne, so­no dav­ve­ro pe­san­ti.

Una fac­cia ru­ba­ta, spac­ca­ta e poi ab­ban­do­na­ta sul mar­cia­pie­de di via Fra­tel­lan­za

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.