Pmi po­co pro­tet­te dal ri­schio-cor­ru­zio­ne

Il Sole 24 Ore - - POLITICA E SOCIETÀ - Mar­zio Bar­to­lo­ni

pSo­lo un ter­zo delle im­pre­se si sono at­trez­za­te per di­fen­der­si dal ri­schio cor­ru­zio­ne e han­no adot­ta­to le con­tro­mi­su­re per evi­ta­re la re­spon­sa­bi­li­tà am­mi­ni­stra­ti­va da rea­to. E questo no­no­stan­te sia­no di­spo­ni­bi­li i mo­del­li or­ga­niz­za­ti­vi da ol­tre 15 an­ni pre­vi­sti dal Dlgs 231/2001 che ha in­tro­dot­to la re­spon­sa­bi­li­tà am­mi­ni­stra­ti­va per le azien­de da ag­giun­ge­re a quel­la pe­na­le in cui pos­so­no in­cap­pa­re i di­pen­den­ti. Una re­spon­sa­bi­li­tà che ap­pun­to può es­se­re evi­ta­ta se l’im­pre­sa ha adot­ta­to un mo­del­lo ad hoc fatto an­che di or­ga­ni­smi di vi­gi­lan­za, si­ste­mi di­sci­pli­na­ri e co­di­ci eti­ci.

A ri­ve­lar­lo è una ap­pro­fon­di­ta in­da­gi­ne su 45 im­pre­se, so­prat­tut­to Pmi, di 8 Re­gio­ni (Pie­mon­te, Lom­bar­dia, Li­gu­ria, Emi­lia Ro­ma­gna,La­zio, Cam­pa­nia, Pu­glia e Si­ci­lia) ef­fet­tua­ta da Con­fin­du­stria e Tim che in­sie­me stan­no la­vo­ran­do a un va­de­me­cum per met­te­re le im­pre­se in con­di­zio­ni di di­fen­der­si dal­la cor­ru­zio­ne ispi­ra­to al “tool kit” pre­sen­ta­to du­ran­te il B20 – il sum­mit pa­ral­le- lo delle im­pre­se al G20 - del no­vem­bre 2015 di An­ta­lya in Tur­chia. Il va­de­me­cum – un tool kit ap­pun­to, ma ma­de in Ita­ly in quan­to ade­gua­to al­le esi­gen­ze e al­la nor­ma­ti­va ita­lia­na – vede in que­sta in­da­gi­ne ap­pe­na rea­liz­za­ta un pas­so im­por­tan­te per ca­pi­re co­me rea­liz­zar­lo in mo­do da ren­de­re più sem­pli­ci gli adem­pi­men­ti, so­prat­tut­to per le Pmi. L’in­da­gi­ne ol­tre ai ri­tar­di mo­stra in­fat­ti an­che una volontà delle im­pre­se di re­cu­pe­ra­re il tem­po per­so: l’87% delle azien­de di­chia­ra di co­no­sce­re la di­sci­pli­na sul­la re­spon­sa­bi­li­tà am­mi­ni­stra­ti­va an­che se so­lo il 36% ha adot­ta­to un mo­del­lo or­ga­niz­za­ti­vo (la stra­gran­de mag­gio­ran­za sono gran­di im­pre­se) e il 40% ha at­ti­va­to cor­si di for­ma­zio­ne. Ma al­lo stes­so tem­po ben tre quar­ti di chi è pri­vo di con­tro­mi­su­re an­ti il­le­ci­ti è in­ten­zio­na­to ad adot­tar­le. I più re­stii pun­ta­no il di­to con­tro la com­ples­si­tà delle nor­me, gli one­ri ec­ces­si­vi e an­che lo scar­so ri­co­no­sci­men­to dei mo­del­li or­ga­niz­za­ti­vi da parte dei giu­di­ci. Non è un ca­so che il mi­ni­ste­ro del­la Giu­sti­zia stia la­vo­ran­do a una re­vi­sio­ne delle nor­me (in pi­sta c’è una com­mis­sio­ne a cui par­te­ci­pa an­che Con­fin­du­stria). E nel­la stes­sa di­re­zio­ne va il va­de­me­cum a cui la­vo­ra­no Con­fin­du­stria e Tim che pun­ta a ren­de­re me­no com­pli­ca­to l’ade­gua­men­to al­le re­go­le.

Più nel det­ta­glio chi si è già at­trez­za­to nel 37% dei ca­si ha af­fi­da­to le fun­zio­ni di or­ga­ni­smo di vi­gi­lan­za al col­le­gio sin­da­ca­le o ad or- ga­ni equi­pa­ra­bi­li (con­si­glio di sor­ve­glian­za e co­mi­ta­to per il con­trol­lo di ge­stio­ne). Cru­cia­le an­che l’ado­zio­ne di un si­ste­ma di­sci­pli­na­re espres­sa­men­te pre­vi­sto dal Dlgs 231 di cui un quin­to delle azien­de “in re­go­la” non si è mu­ni­to. Chi lo ha fatto in­di­riz­za nel 31% dei ca­si le san­zio­ni so­lo al­le po­si­zio­ni api­ca­li, il 23% a chi è sot­to­po­sto a vi­gi­lan­za e il 46% a di­ver­se ca­te­go­rie di di­pen­den­ti. Im­por­tan­te an­che il co­di­ce eti­co il cui ruo­lo è sta­to ri­co­no­sciu­to an­che dal­le pro­nun­ce dei giu­di­ci e le im­pre­se ne sem­bra­no con­sa­pe­vo­li vi­sto che l’88% ce ne ha uno. Inol­tre ha pre­so pie­de an­che la pra­ti­ca del co­sid­det­to whi­stle­blo­wing, la pos­si­bi­li­tà cioè di age­vo­la­re i di­pen­den­ti a de­nun­cia­re le vio­la­zio­ni: ben l’87% delle azien­de l’ha re­go­la­ta, la me­tà di que­ste ha in­tro­dot­to una ca­sel­la di po­sta elet­tro­ni­ca per le se­gna­la­zio­ni men­tre il 28% pre­ve­de che sia­no in­via­te al­la mail dell’or­ga­ni­smo di vi­gi­lan­za. In ogni ca­so un ter­zo di que­sti stru­men­ti ga­ran­ti­sce l’ano­ni­ma­to. In­fi­ne dall’in­da­gi­ne emer­ge che so­lo il 35% delle im­pre­se ha adot­ta­to re­go­le di com­por­ta­men­to per i rap­por­ti con la Pa (omag­gi, spe­se di rap­pre­sen­tan­za, vi­si­te ispet­ti­ve di fun­zio­na­ri pub­bli­ci, ecc.), no­no­stan­te il 67% per­ce­pi­sca un ri­schio ele­va­to di cor­ru­zio­ne. E so­lo il 27% delle azien­de in­ter­vi­sta­te pre­ve­de mi­su­re per far emer­ge­re con­flit­ti di in­te­res­se.

IL RI­TAR­DO L’87% delle azien­de di­chia­ra di co­no­sce­re la di­sci­pli­na sul­la re­spon­sa­bi­li­tà am­mi­ni­stra­ti­va an­che se so­lo il 36% ha adot­ta­to un mo­del­lo or­ga­niz­za­ti­vo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.