In vi­sta un ma­xi-tra­slo­co per 400mi­la li­ti

Nuo­ve com­pe­ten­ze da ot­to­bre 2021. Da og­gi ca­te­gor ia in scio­pe­ro

Il Sole 24 Ore - - DA PRIMA PAGINA - LE MA­TE­RIE

pSa­ran­no cir­ca 400mi­la i pro­ces­si che usci­ran­no dai tri­bu­na­li per fi­ni­re sul­le scri­va­nie dei giu­di­ci di pa­ce. Ma per pre­pa­rar­si al “tra­slo­co” gli ope­ra­to­ri del­la giu­sti­zia han­no più di quat­tro an­ni. Il de­cre­to le­gi­sla­ti­vo di ri­for­ma del­la ma­gi­stra­tu­ra ono­ra­ria, ora al va­glio del Par­la­men­to, trac­cia in­fat­ti una road map che ar­ri­va al 30 ot­to­bre 2021.

Si do­vreb­be­ro in­ve­ce ap­pli­ca­re da su­bi­to ai ma­gi­stra­ti che sa­ran­no re­clu­ta­ti do­po l’en­tra­ta in vi­go­re del de­cre­to le nuo­ve di­spo­si­zio­ni che det­ta­no i tem­pi e i mo­di di la­vo­ro dei giu­di­ci ono­ra­ri di pa­ce (che so­sti­tui­ran­no gli at­tua­li giu­di­ci di pa­ce e giu­di­ci ono­ra­ri di tri­bu­na­le e sa­ran­no de­sti­na­ti a eser­ci­ta­re la giurisdizione ci­vi­le e pe­na­le o ad af­fian­ca­re i to­ga­ti nell’ufficio del pro­ces­so) e dei vi­ce pro­cu­ra­to­ri ono­ra­ri. Men­tre si sta­bi­li­sce un per­cor­so ad hoc per i ma­gi­stra­ti già in ser­vi­zio: le nuo­ve di­spo­si­zio­ni per­lo­più sa­ran­no ope­ra­ti­ve per lo­ro tra quat­tro an­ni.

Il de­cre­to re­spin­ge le ri­chie­ste di sta­bi­liz­za­zio­ne dei giu­di­ci di pa­ce, chia­ren­do che i ma­gi­stra­ti ono­ra­ri avran­no un in­ca­ri­co «in­de­ro­ga­bil­men­te tem­po­ra­neo», di quat­tro an­ni, con con­fer­ma pos­si­bi­le per al­tri quat­tro e fi­no a 65 an­ni di età (i ma­gi­stra- ti in ser­vi­zio po­tran­no es­se­re con­fer­ma­ti per quat­tro qua­drien­ni e fi­no a 68 an­ni di età). E de­ve trat­tar­si di un “se­con­do la­vo­ro”, che oc­cu­pa per non più di due giorni al­la set­ti­ma­na.

Il pri­mo pas­so per far par­ti­re la ri­for­ma è la re­vi­sio­ne del­le pian­te or­ga­ni­che. Lo fa­rà il mi­ni­ste­ro del­la Giu­sti­zia, sen­ti­to il Csm, en­tro sei me­si dall’en­tra­ta in vi­go­re del de­cre­to le­gi­sla­ti­vo. Sa­ran­no quin­di re­clu­ta­ti nuo­vi giu­di­ci ono­ra­ri di pa­ce che do­vran­no af­fron­ta­re un ti­ro­ci­nio di sei me­si e la­vo­ra­re per due an­ni nell’ufficio del pro­ces­so. È pro­prio per aspet­ta­re che il si­ste­ma va­da a re­gi­me che si è de­ci­so di ren­de­re ope­ra­ti­vo l’am­plia­men­to del­le com­pe­ten­ze so­lo a par­ti­re dal 30 ot­to­bre 2021. Un au­men­to no­te­vo­le, ef­fet­to di una i nter­pre­ta­zio­ne este­sa del­la de­le­ga.

Dal 2021, quin­di, i giu­di­ci ono­ra­ri de­ci­de­ran­no non so­lo sul­le cau­se in ma­te­ria di con­do­mi­nio, ma an­che, tra l’al­tro, sul ri­sar­ci­men­to dei dan­ni da in­ci­den­ti stra­da­li fi­no a 50mi­la eu­ro, sul­le li­ti che ri­guar­da­no be­ni mo­bi­li fi­no a 30mi­la eu­ro, per mol­te cau­se su di­rit­ti rea­li “mi­no­ri” (ad esem­pio, usu­frut­to ed eser­ci­zio del­le ser­vi­tù) e per le espro­pria­zio­ni for­za­te di co­se mo­bi­li. In tut­to, se­con­do la re­la­zio­ne al de­cre­to, si trat­ta di 400mi­la cau­se ci­vi­li in un an­no, men­tre quel­le pe­na­li non so­no sti­ma­te per­ché il lo­ro au­men­to non è «ap­prez­za­bi­le».

Se le com­pe­ten­ze si am­plia­no, non co­sì le re­tri­bu­zio­ni. È pre­vi­sta un’in­den­ni­tà fis­sa (di po­co più di 16mi­la eu­ro lor­di an­nui, che si ari­du­co­no a qua­si 13mi­la du­ran­te la per­ma­nen­za nell’ufficio del pro­ces­so o in quel­lo dei vi­ce pro­cu­ra­to­ri ono­ra­ri) e un’in­den­ni­tà di ri­sul­ta­to, cal­co­la­ta in una mi­su­ra tra il 15 e il 30% del­la pri­ma. Og­gi il giu­di­ce di pa­ce più la­vo­ra più gua­da­gna: per­ce­pi­sce 36 eu­ro lor­di a udien­za (con un tet­to di 110 udien­ze in un an­no), 56 a sen­ten­za, 10 a de­cre­to in­giun­ti­vo e la re­tri­bu­zio­ne me­dia lor­da an­nua è di 50mi­la eu­ro. Dun­que, in fu­tu­ro i red­di­ti di­mi­nui­ran­no qua­si del 70% (ma è an­che ve­ro che l’in­ca­ri­co di giu­di­ce non sa­rà più pre­mi­nen­te).

No­vi­tà - in­sie­me a quel­le sul­la pre­vi­den­za, che re­sta a ca­ri­co dei ma­gi­stra­ti - che agli ono­ra­ri non piac­cio­no. Per que­sto i giu­di­ci di pa­ce scen­do­no in scio­pe­ro da og­gi fi­no all’11 giu­gno (ma ga­ran­ten­do un’udien­za al­la set­ti­ma­na): «Sen­za con­ta­re - ag­giun­ge Ga­brie­le Di Gi­ro­la­mo, pre­si­den­te dell’As­so­cia­zio­ne na­zio­na­le giu­di­ci di pa­ce - che con le nuo­ve com­pe­ten­ze sa­rà im­pos­si­bi­le smal­ti­re il la­vo­ro in due giorni la set­ti­ma­na».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.