ABITARE LA STO­RIA

A Modica, due abi­ta­zio­ni rein­ven­ta­te che dia­lo­ga­no con la sce­no­gra­fia ba­roc­ca del­la città, dal ver­san­te op­po­sto: il ‘pre­se­pe’ del­le pic­co­le ca­se-grot­ta ar­roc­ca­te sul de­cli­vio del­la col­li­na. Nell’ine­brian­te rac­con­to di Paolo Di Nardo, che di una è pro­get­ti

Interni - - INSIDE - fo­to di Al­ber­to Ferrero te­sto di Paolo Di Nardo

Modica

sin­te­tiz­za in un uni­co cor­po edi­li­zio tut­ta la ta­vo­loz­za dei co­lo­ri si­ci­lia­ni fat­ti di mor­bi­dez­ze e di ar­mo­nia del cie­lo con la ter­ra. La città bas­sa ha due ver­san­ti col­li­na­ri di­se­gna­ti dai vo­lu­mi chia­ri e te­nui che, co­me te­le, si co­lo­ra­no du­ran­te le ore del gior­no, di­vi­si non solo dal fiu­me, in­ter­ra­to dal 1902, ma so­prat­tut­to da una di­ver­sa ori­gi­ne so­cia­le: Modica alta con i pa­laz­zi no­bi­lia­ri e le chie­se ba­roc­che e Car­tel­lo­ne con le pic­co­le cel­lu­le abi­ta­ti­ve in cui il la­vo­ro ar­ti­gia­na­le (for­ni per i tor­ro­ni, grot­te per gli ani­ma­li, etc) si so­vrap­po­ne­va e a vol­te so­sti­tui­va l’abi­ta­zio­ne ve­ra e pro­pria. Da Car­tel­lo­ne quin­di la vi­sta e gli scor­ci am­mi­ra­no l’opu­len­za e la sen­sua­li­tà del Ba­roc­co au­ten­ti­ca­men­te si­ci­lia­no. Car­tel­lo­ne è una ve­ra fi­ne­stra sul­la sto­ria dell’ar­te: “es­sa (la Si­ci­lia) si può de­fi­ni­re uno stra­no e di­vi­no mu­seo di ar­chi­tet­tu­ra”. (G. de Mau­pas­sant, “Viag­gio in Si­ci­lia”, 1885). Una co­lo­nia di “con­ti­nen­ta­li” pro­ve­nien­ti da di­ver­se aree geo­gra­fi­che d’ita­lia ha in­tui­to la “bel­lez­za” na­sco­sta di que­sto luo­go ri­cer­can­do­ne fra le ru­ghe del tem­po e del­la sof­fe­ren­za mil­le­na­ria i trat­ti di una gra­zia e di un’ar­mo­nia che Goe­the ave­va già per­ce­pi­to nel 1817 in­tuen­do il va­lo­re im­ma­gi­na­rio e se­gre­to del­la Si­ci­lia di­se­gna­ta dalla “pu­rez­za dei con­tor­ni...”. Que­ste pre­sen­ze “stra­nie­re” sono le­ga­te fra loro da una pa­ren­te­la, non ge­ne­ti­ca, ben­sì fat­ta di una sen­si­bi­li­tà e di un co­mu­ne bi­so­gno di bel­lez­za da sco­pri­re e va­lo­riz­za­re: un ve­ro e pro­prio “pas­sa pa­ro­la” fra ami­ci en­tu­sia­sti che ha crea­to un ef­fet­to do­mi­no di con­ti­nua pre­sen­za di “stra­nie­ru”. Le due ca­se pub­bli­ca­te ap­par­ten­go­no in­fat­ti a due ex stu­den­ti di Ar­chi­tet­tu­ra a Fi­ren­ze che, da adul­ti, hanno ri­tro­va­to in que­sto pa­ra­di­so il mo­do di ve­der­si e con­di­vi­de­re il pia­ce­re del­la quo­ti­dia­ni­tà nei pe­rio­di di ri­po­so. La pri­ma ca­sa è quel­la del bo­lo­gne­se di ado­zio­ne, abruz­ze­se di ori­gi­ne, fiorentino di for­ma­zio­ne pro­fes­sio­na­le, l’ar­chi­tet­to Paolo Di Biase, la cui sen­si­bi­li­tà este­ti­ca e la cui con­ti­nua ri­cer­ca di “rac­con­ti” at­tra­ver­so gli og­get­ti sto­ri­ci ha ri­da­to vi­ta a un nuo­vo ha­bi­tat. Il suo pri­mo ap­proc­cio, co­me in al­tre sue ca­se spar­se per il mon­do, è sta­to quel­lo di fer­ma­re il tem­po con­ser­van­do­ne le cre­pe, le fra­gi­li­tà dei ma­te­ria­li (ce­ra­mi­che, ce­men­ti­ne, pie­tra pe­ce), le tin­te sfu­ma­te, la se­di­men­ta­zio­ne del tem­po e dell’ab­ban­do­no, va­lo­riz­zan­do­le at­tra­ver­so una se­rie di in­ne­sti di og­get­ti si­ci­lia­ni e non, fi­no a far di­ven­ta­re la ca­sa un ve­ro e pro­prio viag­gio sen­za in­ter­ru­zio­ne: un mu­seo del­le co­se e non di col­le­zio­ni di og­get­ti. Si trat­ta, in­fat­ti, di sa­per in­ter­pre­ta­re il con­cet­to di “col­le­zio­ne” sdo­ga­nan­do­lo dalla ma­nia­ca­le rac­col­ta per far­lo di­ven­ta­re l’oc­ca­sio­ne di un nuo­vo rac­con­to at­tra­ver­so la me­ta­fo­ra dell’ac­cu­mu­lo de­gli og­get­ti. Il tema del­la “ri­pe­ti­zio­ne” col­le­ga tut­ta la ca­sa at­tra­ver­so i pu­pi si­ci­lia­ni, le gab­bie, i lam­pa­da­ri, i gio­cat­to­li, le im­ma­gi­ni sa­cre sin­te­si di sa­cro e pro­fa­no. La se­con­da ca­sa, la mia ca­sa, pur nel­la sua di­ver­si­tà ti­po­lo­gi­ca (ca­sa a schie­ra su due pia­ni con an­nes­sa grot­ta) se­gue al­cu­ni trat­ti del­la ca­sa dell’ami­co fra­ter­no di stu­di gio­va­ni­li e che per pri­mo mi ha in­tro­dot­to a Modica: la ri­cer­ca del­la difficile co­niu­ga­zio­ne del pas­sa­to con il pre­sen­te. Quan­do in­tro­du­co ami­ci per la pri­ma vol­ta a

“La Si­ci­lia è il pae­se del­le aran­ce, del suo­lo fio­ri­to la cui aria, in pri­ma­ve­ra, è tut­to un pro­fu­mo… Ma quel­lo che ne fa una ter­ra ne­ces­sa­ria a ve­der­si e uni­ca al mon­do è il fatto che, da un’estre­mi­tà all’al­tra, es­sa si può de­fi­ni­re uno stra­no e di­vi­no mu­seo di ar­chi­tet­tu­ra” (G. de Mau­pas­sant, “Viag­gio in Si­ci­lia”, 1885)

ca­sa, pri­ma di la­sciar li­be­ro l’ospi­te di sen­ti­re eavv er ti reid iv er si pun tic he­più col­pi­sco­no, uso la me­ta­fo­ra del mag­gior­do­mo. A Lon­dra esi­ste una im­por­tan­te scuo­la per mag­gior­do­mi in cui in­se­gna­no co­me pu­li­re le ar­gen­te­rie del­la famiglia da ac­cu­di­re cer­can­do di la­scia­re un po’ di spor­co nel­le zo­ne fra­sta­glia­te dei de­co­ri. Pu­lir­le com­ple­ta­men­te dal­lo spor­co e quin­di rin­no­va­re le po­sa­te, co­me gli spa­zi d’ar­chi­tet­tu­ra, li ren­de­reb­be trop­po at­tua­li e com­mer­cia­li. Il com­pi­to del mag­gior­do­mo e quin­di dell’ar­chi­tet­to in real­tàèd is ape rco­mu­nic are un an ob il­tàe una sto­ria (di no­bil­tà o di po­ver­tà) spes­so se­co­la­re. Ec­co perché gli in­fis­si sono ri­ma­sti gli stes­si con la rug gin ee­lec re pea de­nun­cia­re, co­me per i de­co­ri del­la po­sa­ta, una sto­ria pas­sa­ta che non vie­ne can­cel­la­ta, ben­sì ri­spet­ta­ta e at­tua­liz­za­ta. Ma for­se lo spa­zio che più di al­tri rap­pre­sen­ta que­sto ap­proc­cio ri­spet­to­so del pas­sa­to è la grot­ta di sci­roc­co (nel pas­sa­to il ca­lo­re di sci­roc­co ob­bli­ga­va al ri­pa­ro le per­so­ne e gli ani­ma­li per sal­var­si da un di­sa­gio pe­ri­co­lo­so per la sa­lu­te) adi­bi­ta a loft per gli ospi­ti du­ran­te l’esta­te. In es­sa sono ri­ma­sti in­tat­ti i se­gni, scol­pi­ti nel­la roc­cia, di una con­vi­ven­za fra uo­mo e ani­ma­li: in­ca­vi per le­ga­re l’ani­ma­le, at­trez­zi e ca­te­ne per ap­pen­de­re gli og­get­ti, ta­gli nel­la roc­cia per ac­co­glie­re men­so­le per l’abitare. Ma un aned­do­to può chia­ri­re me­glio que­sto at­teg­gia­men­to di ri­spet­to: la se­con­da grot­ta adiacente a quel­la di ac­ces­so era co­per­ta fi­no a 1,60 me­tri di ter­re­no di di­sca­ri­ca usa­to nel tem­po. Sono sce­so da Fi­ren­ze chie­den­do di aspet­tar­mi, nell’ in­cre­du­li­tà del mu­ra­to­re, perché vo­le­vo es­se­re pre­sen­te co­me fos­si un ar­cheo­lo­go al­la ri­cer­ca di te­sti­mo­nian­ze di po­ver­tà in quel­la di­sca­ri­ca; chie­den­do inol­tre la pre­sen­za di cas­set­te da frut­ta per con­ser­va­re qual­sia­si og­get­to, in­te­gro o spac­ca­to, tro­va­to. Da que­sta ri­cer­ca sono usci­ti ca­pi­to­li di una vi­ta di sten­ti, ma an­che emo­zio­nan­ti te­sti­mo­nian­ze este­ti­che gra­zie al­la sco­per­ta di sti­ghi (at­trez­zi) da la­vo­ro, ver­di om­brel­li gig an­ti pe­ril rip a rod al­so le du­ran­te il la­vo­ro, una sella da scec­cu (asi­no), se­tac­ci, un pe­sto in pie­tra mo­di­ca­na, ca­te­ne ar­rug­gi­ni­te, por­zio­ni di ce­ra­mi­che e due ca­tu­si (pi­ta­li) del Set­te­cen­to in ceramica. An­che qui non si è trat­ta­to di una col­le­zio­ne naif ma di una “ri­pe­ti­zio­ne” di og­get­ti nar­ra­ti­vi che hanno ar­re­da­to con la loro pre­sen­za “mor­bi­da” lo spa­zio rinnovato e va­lo­riz­za­to dalle lu­ci a ter­ra. Sa­per com­por­re, co­me in tut­te le di­sci­pli­ne creative, non diventa emo­zio­ne se non si ri­spet­ta­no eva lo­riz­za­noi sen­ti­men­ti pre­sen­ti e so­prat­tut­to pas­sa­ti, co­me la sto­ria sa in­se­gnar­ci.

Al­tri due am­bien­ti di ca­sa Di Biase, do­ve rac­col­te di pu­pi si­ci­lia­ni e im­ma­gi­ni sa­cre, sin­te­si di sa­cro e pro­fa­no, ac­com­pa­gna­no le fra­gi­li­tà del­le ce­ra­mi­che e del­le tin­te sfu­ma­te che ca­rat­te­riz­za­no l’in­vo­lu­cro, sem­bran­do qua­si fer­ma­re il tem­po. Nel­la pa­gi­na a fian­co, lo spa­zio d’in­gres­so dell’abi­ta­zio­ne dell’ar­chi­tet­to Paolo Di Nardo, una ca­sa a schie­ra su due pia­ni con an­nes­sa grot­ta, do­ve il tema del progetto è sta­to ancora quel­lo del dia­lo­go tra pas­sa­to e pre­sen­te. Sul­lo sfon­do, il pa­no­ra­ma se­ra­le di Modica.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.