Rac­con­ti di voi let­to­ri...

La Cucina Italiana - - News - Cri­sti­na Do­na­dio (Scia­nel in Go­mor­ra, la se­rie di Sky Atlan­tic)

Si di­ce che i gat­ti ab­bia­no set­te vi­te, io me ne at­tri­bui­sco al­me­no un pa­io in più e c’è un sa­po­re, un pro­fu­mo, un ven­to che mi ha ac­com­pa­gna­to in tut­te e no­ve le mie esi­sten­ze. L’odo­re del­le frit­tel­le su cui met­te­va­mo zuc­che­ro o sa­le, che in­cor­ni­cia­va ogni san­ta do­me­ni­ca mat­ti­na nel­la no­stra ca­sa na­po­le­ta­na, po­po­la­ta da die­ci per­so­ne tra non­ni, ge­ni­to­ri, fra­tel­li. An­co­ra og­gi, quan­do in viag­gio mi ca­pi­ta di sen­ti­re quell’odo­re, av­ver­to una scos­sa emo­ti­va che mi ri­por­ta a quell’epo­ca lon­ta­na. La ta­vo­la, a Na­po­li, è un’ar­te. Un uni­ver­so che in­con­tra il suo apo­geo nei gior­ni di Na­ta­le. Po­trei par­la­re per ore dei pri­mi, dei se­con­di, dei dol­ci o de­gli an­ti­pa­sti che tra­sfor­ma­no la ce­na del­la Vi­gi­lia in un ro­man­zo di Ra­be­lais, ma se pen­so al Na­ta­le, il pri­mo piat­to che mi vie­ne in men­te, ol­tre al bac­ca­là frit­to, è l’in­sa­la­ta di rin­for­zo, an­che det­ta «Bur­di­glio­ne», con ca­vol­fio­re, pe­pe­ro­ni, ci­pol­li­ne, ce­trio­li, ac­ciu­ghe. In quei gior­ni non può man­ca­re in nes­sun con­ses­so par­te­no­peo che si ri­spet­ti. Man­gia­re mi pia­ce, ma cu­ci­na­re an­cor di più. In una fa­mi­glia co­sì nu­me­ro­sa, c’è sem­pre una «cu­ci­na in mo­vi­men­to». Ho im­pa­ra­to mol­to da mia ma­dre, una ba­re­se che ra­ra­men­te ha po­tu­to di­spie­ga­re i piat­ti del­la sua real­tà ga­stro­no­mi­ca, da mia non­na e da un’ami­ca di fa­mi­glia, Jean­ne Ca­ro­la Fran­ce­sco­ni, so­pran­no­mi­na­ta la de­ca­na del­la cu­ci­na na­po­le­ta­na. Da lei ho im­pa­ra­to a fa­re un in­di­men­ti­ca­bi­le ra­gù na­po­le­ta­no e il gâ­teau di pa­ta­te che amo, fred­do, cal­do, in qual­sia­si ve­ste e che mi por­to an­che in ri­va al ma­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.