GIAN PAO­LO VE­NIER

La Cucina Italiana - - Invito Dai Designer -

ar­te spes­so, e con va­li­gie vuo­te: le riem­pie tor­nan­do, con gli og­get­ti più di­spa­ra­ti che ac­qui­sta in tut­to il mon­do. Gian Pao­lo Ve­nier è un grande esplo­ra­to­re del­la bel­lez­za, sem­pre at­ten­to a co­glie­re sug­ge­stio­ni che poi rie­la­bo­ra e tra­sfor­ma, crean­do con il suo per­so­na­lis­si­mo sti­le og­get­ti e ar­re­di di ele­gan­za co­smo­po­li­ta. Non ama la per­fe­zio­ne, per­ché «non è vi­ta, è più pre­zio­sa l’uni­ci­tà di un og­get­to im­per­fet­to». Ci ha ac­col­to con una ta­vo­la eclet­ti­ca, che par­la su­bi­to del­la sua pas­sio­ne per i viag­gi, per i mer­ca­ti­ni e per la cu­ci­na. Co­me na­sco­no i suoi la­vo­ri? «Os­ser­van­do le cul­tu­re del mon­do, pe­scan­do sug­ge­stio­ni qua e là, ovun­que, sem­pre. E poi “tra­du­cen­do­le”. Tut­ti i pro­get­ti han­no una ra­di­ce lon­ta­na, che poi vie­ne fil­tra­ta dal mio pe­cu­lia­re mo­do di ve­de­re. Per que­sto amo co­sì tan­to viag­gia­re: la con­ta­mi­na­zio­ne con le al­tre cul­tu­re e il dia­lo­go che si crea so­no mol­to in­te­res­san­ti e fe­con­di». Che ruo­lo han­no il ci­bo e la cu­ci­na nel suo mon­do? «Fon­da­men­ta­le. At­tra­ver­so il ci­bo si co­no­sco­no i luo­ghi e le cul­tu­re. A ta­vo­la ca­do­no le ma­sche­re e si tro­va la ve­ri­tà con le per­so­ne. Per me, poi, è im­por­tan­te il le­ga­me stret­tis­si­mo tra ci­bo e ar­ti­gia­na­to: il ci­bo è tra­di­zio­ne lo­ca­le, sem­pre. Per que­sto, tra l’al­tro, la mia ri­cet­ta pre­fe­ri­ta è a ba­se di bac­ca­là: so­no di Ve­ne­zia, che al­tro? Ci ten­go a di­re, an­che, che a me pia­ce cu­ci­na­re, mi pia­ce pro­prio! E spe­ri­men­tan­do fun­zio­na­li­tà e ma­te­ria­li, ne ten­go con­to nel­la crea­zio­ne de­gli og­get­ti per la ta­vo­la». Pro­get­ti per il Sa­lo­ne del Mo­bi­le? «Due li­nee de­di­ca­te al­la ta­vo­la, op­po­ste tra di loro: una li­nea di ce­ra­mi­che (Mel­te­mi, ndr), più tra­di­zio­na­le, e una in ce­men­to (Si­man, ndr), di grande con­tem­po­ra­nei­tà. So­no ri­ma­sto af­fa­sci­na­to dal­la tec­ni­ca agli os­si­di con cui al­cu­ni ar­ti­gia­ni gre­ci co­lo­ra­va­no i ma­nu­fat­ti e an­che dal­la sfi­da di in­tro­dur­re il mon­do del­la ta­vo­la tra i ma­nu­fat­ti in ce­men­to». Co­me ap­pa­rec­chia la sua ta­vo­la? «Pen­so pri­ma di tut­to al ci­bo. La pre­sen­ta­zio­ne de­ve es­se­re ap­pro­pria­ta, ci vuo­le il piat­to giu­sto, nel­la for­ma giu­sta e nel­la mi­su­ra giu­sta per ac­co­glie­re il con­te­nu­to. Per il re­sto, cer­co per­so­na­li­tà, con­tra­sti e un po’ di ca­sua­li­tà...».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.