ES­SEN­ZA DI SAR­DE­GNA

VI­NI MO­DER­NI E RISPETTOSI DEL­LA TER­RA DI ORI­GI­NE, DO­VE CO­MAN­DA­NO IL SO­LE, IL VEN­TO E IL MA­RE. UNA NA­TU­RA PRO­ROM­PEN­TE CHE SI RI­TRO­VA IN OGNI BOT­TI­GLIA

La Cucina Italiana - - Cosa Si Mangia A Parma -

Un pro­get­to il­lu­mi­na­to, na­to nel 1899, ha per­mes­so a Sel­la&Mo­sca di di­ven­ta­re una del­le più gran­di real­tà vi­ti­vi­ni­co­le a ci­clo com­ple­to d’Eu­ro­pa. Og­gi l’azien­da, di pro­prie­tà del grup­po Ter­ra Mo­ret­ti, di­spo­ne di 650 et­ta­ri, di cui 550 col­ti­va­ti a vi­gne­to; al­la te­nu­ta di Al­ghe­ro si so­no ag­giun­ti 15 et­ta­ri in Gal­lu­ra, de­di­ca­ti al ver­men­ti­no, e 6 et­ta­ri nel Sul­cis, do­ve na­sce il ca­ri­gna­no. Le va­rie­tà au­toc­to­ne del­la Sar­de­gna oc­cu­pa­no l’85% del­la su­per­fi­cie vi­ta­ta e con­vi­vo­no ac­can­to ai vi­ti­gni in­ter­na­zio­na­li, per da­re vi­ta a una li­nea di vi­ni che va­lo­riz­za le tra­di­zio­ni e le po­ten­zia­li­tà del ter­ri­to­rio. A co­min­cia­re dal Tor­ba­to Brut, uno spu­man­te con i pro­fu­mi del ma­re e del­la frut­ta ma­tu­ra, o dal Ca­la Rea­le, un Ver­men­ti­no che re­sti­tui­sce il ca­rat­te­re sal­ma­stro e me­di­ter­ra­neo dell’iso­la. Ri­chia­ma al­la men­te le brez­ze esti­ve l’Al­ghe­ro Ro­sa­to, a ba­se di san­gio­ve­se e di quel can­no­nau che Sel­la&Mo­sca de­cli­na an­che in ros­so nel Can­no­nau di Sar­de­gna Ri­ser­va

Di­mo­nios e nell’An­ghe­lu Ru­ju, do­ve le uve so­no fat­te ap­pas­si­re per con­cen­trar­ne il ca­rat­te­re. Na­sce dall’uva ca­ri­gna­no col­ti­va­ta ad al­be­rel­lo il Ter­re

Ra­re, che re­sti­tui­sce nel bic­chie­re ri­cor­di di me­la­gra­na, mo­re sel­va­ti­che ed er­be aro­ma­ti­che, men­tre il Mon­te­lu­ce è un ra­ro pas­si­to da uva na­sco, che con i suoi pro­fu­mi di mie­le, frut­ta can­di­ta e spe­zie si spo­sa ai dol­ci e al­le chiac­chie­re di fi­ne se­ra­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.