Il po­mo­do­ro rin­gra­zia

La Cucina Italiana - - Sommario -

Ful­vio Pie­ran­ge­li­ni è il cuo­co più om­bro­so e inaf­fer­ra­bi­le del­la cu­ci­na ita­lia­na. Per­ché a lui pia­ce so­prat­tut­to vi­ve­re in sim­bio­si con gli in­gre­dien­ti e ren­der­li fe­li­ci

Di lei si di­ce che con­ver­si con i po­mo­do­ri. Che co­sa vi di­te? «Va­do al mer­ca­to, scel­go quel­li con l’aspet­to più ac­cat­ti­van­te, in cu­ci­na li la­vo con dol­cez­za, evi­to il col­tel­lo per­ché la la­ma li fe­ri­sce e crea una su­per­fi­cie che si di­fen­de e non si la­scia pe­ne­tra­re dai con­di­men­ti. Io in­ve­ce li rom­po pia­no, con le ma­ni, e al­lo­ra mi con­ce­do­no tut­ta la lo­ro po­ro­si­tà aci­dol­ce. E fac­cio un pro­vo­ca­to­rio piat­to di spa­ghet­ti col po­mo­do­ro». Per­ché pro­vo­ca­to­rio? «Per­ché l’ho mes­so in li­sta al­lo stes­so prez­zo de­gli spa­ghet­ti all’ara­go­sta; per­ché so­no sta­to il pri­mo apo­sto­lo del­la pa­ri di­gni­tà de­gli in­gre­dien­ti; per­ché la ve­ra sfi­da non è sul­lo stra­no e co­sto­so ma sul­la sem­pli­ci­tà su­bli­me che ac­com­pa­gna l’in­gre­dien­te ver­so la sua esal­ta­zio­ne». Si può par­la­re di cu­ci­na che dà fe­li­ci­tà? «Sì, se tu sei un cuo­co che quan­do è so­lo tra i suoi for­nel­li ve­de che gli in­gre­dien­ti gli sor­ri­do­no e so­no pron­ti a gio­ca­re con lui». Suo­na co­me un’esal­ta­zio­ne dell’ego del­lo chef. E il clien­te? «La cu­ci­na è la so­la ar­te che en­tra fi­si­ca­men­te den­tro le per­so­ne. Fe­li­ci­tà è sa­pe­re di aver tra­smes­so an­che una par­te im­por­tan­te di te».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.