E da Sou­sa coc­co­le e sti­mo­li: «Può mi­glio­ra­re»

1Il ta­len­to vio­la: «Sì, for­se è il mio gol più bel­lo». Il tec­ni­co: «De­ve au­men­ta­re la con­ti­nui­tà e sa­rà an­co­ra più in­ci­si­vo»

La Gazzetta dello Sport - - Europa League - IN­VIA­TO A MÖN­CHEN­GLAD­BA­CH a.e.

Fe­de­ri­co ci pen­sa un po’, e pe­rò poi lo di­ce: «Ma sì, può es­se­re il gol più bel­lo del­la mia car­rie­ra » . Bel­lo e pen­sa­to, esat­ta­men­te co­sì: «La pal­la so­pra la bar­rie­ra non sa­reb­be mai riu­sci­ta a pas­sa­re, per­ché era­va­mo vi­ci­ni e so­prat­tut­to per­ché lo­ro era­no mol­to al­ti. In­ve­ce lì do­ve l’ho mes­sa, sì: po­te­va pas­sa­re. Per­ciò mi so­no det­to: “La met­to di qua”. È an­da­ta be­ne, per for­tu­na». Bag­gio non le cal­cia­va co­sì, ma non è per que­sto che Ber­nar­de­schi scap­pa da pa­ral­le­li mol­to pre­ma­tu­ri: «C’è tan­ta, tan­ta stra­da da fa­re: lui è sta­to uno dei cal­cia­to­ri ita­lia­ni più for­ti di tut­ti i tem­pi. Io pen­so so­lo a la­vo­ra­re e non pen­so a pa­ra­go­ni». Sem­mai al­le pa­ro­le a fi­ne par­ti­ta di Sou­sa. Si­cu­ra­men­te me­no dol­ci di quel­le di Bo­r­ja Va­le­ro: «Che gran gol... Ab­bia­mo bi­so­gno di gio­va­ni che ci dia­no la spin­ta e la qua­li­tà per fa- re la dif­fe­ren­za». Ma for­se me­no sfer­zan­ti di quel­la so­sti­tu­zio­ne de­ci­sa dal tec­ni­co sul più bel­lo. Ma i due, al­la fi­ne, so­no usci­ti dal cam­po ab­brac­cia­ti: «Mi ha un po’ ri­pre­so per quel­le due pal­le per­se e ave­va ra­gio­ne. Ma ci sia­mo an­che con­gra­tu­la­ti a vi­cen­da, per­ché sa­pe­va­mo di aver fat­to qual­co­sa di im­por­tan­te vi­sto che vin­ce­re in que­sto sta­dio con­tro que­sta squa­dra non era fa­ci­le. E pen­sa­va­mo già al ri­tor­no».

SCEL­TA Quel­lo che ave­va già spie­ga­to a Ber­nar­de­schi, Sou­sa l’ha ri­ba­di­to po­co do­po: «To­glie­re Fe­de­ri­co è sta­ta una scel­ta: lui sta cre­scen­do, ma gli man­ca an­co­ra con­ti­nui­tà nel- l’in­ten­si­tà nel­le due fa­si di gio­co e quan­do la avrà sa­rà an­co­ra più for­te e in­ci­si­vo. Gli man­ca di gio­ca­re me­glio spal­le al­la por­ta: co­sì ha per­so di­ver­si pal­lo­ni, e que­sto non ci ha per­mes­so di man­te­ne­re il con­trol­lo del gio­co». Che sa­rà fon­da­men­ta­le nel­la par­ti­ta di ri­tor­no, gio­ve­dì pros­si­mo: «Dob­bia­mo mi­glio­ra­re in di­ver­si aspet­ti: lo­ro han­no avu­to gran­de ef­fi­ca­cia nel­la cir­co­la­zio­ne del­la pal­la e so­prat­tut­to all’ini­zio ab­bia­mo fat­to fa­ti­ca. E poi die­tro a vol­te non ab­bia­mo pre­so le de­ci­sio­ni mi­glio­ri: gio­ca­va­mo in ver­ti­ca­le e lo­ro tro­va­va­no trop­pi spa­zi».

GET­TY

Pau­lo Sou­sa, 46 an­ni, al­le­na­to­re del­la Fio­ren­ti­na

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.