Ir­re­si­sti­bi­le Gog­gio­na «Sal­va­ta in cor­ner da un flop mon­dia­le»

Do­po la ga­ra bal­la an­co­ra con i ti­fo­si: «Era l’ul­ti­ma oc­ca­sio­ne Ora me la go­do»

La Gazzetta dello Sport - - Sci - ST. MO­RI­TZ (SVIZ­ZE­RA)

So­fia ta­glia il tra­guar­do e lan­cia le rac­chet­te in aria, e ur­la, e sal­ta, e la­scia l’area dell’ar­ri­vo ab­ban­do­nan­do gli sci. «Ma so­no so­lo an­da­ta ad ab­brac­cia­re la Shif­frin, gli sci me li ha pre­si quel­lo al tra­guar­do». So­fia al­la pre­mia­zio­ne con la con­se­gna dei fio­ri è l’uni­ca sen­za ban­die­ra tra Wor­ley e Shif­frin e la chie­de ad al­ta vo­ce, poi quan­do fi­nal­men­te la tro­va tor­na sul po­dio per met­ter­si in po­sa. So­fia si pren­de in gi­ro e di­ce: «Non sa­pe­vo il mio li­vel­lo in gi­gan­te ades­so. Per­ché sì, ero se­con­da do­po la pri­ma man­che. Ma poi c’è la So­fia che fa la sua clas­si­ca Gog­gia­ta nel­la se­con­da man­che… L’ho an­che ri­schia­ta, ma è an­da­ta be­ne. Nel­le ul­ti­me tre por­te ho pen­sa­to, chis­sà se ba­ste­rà. E quan­do ho vi­sto che ero se­con­da die­tro al­la Shif­frin è sta­to un so­gno».

GOGGIONE A So­fia non im­por­ta dell’eti­chet­ta, del­le con­ven­zio­ni, un’ora do­po il bron­zo sal­ta an­co­ra con i ti­fo­si che so­no par­ti­ti al­le 3 di not­te da Ge­no­va per ti­fa­re per lei. Le can­ta­no: «Il Goggione». E lei: «Ma per­ché mi chia­ma­te il Goggione? Io so­no la Gog­gio­na». E in con­fe­ren­za stam­pa si pre­sen­ta an­co­ra in tu­ta da ga­ra, com­pre­se le pro­te­zio­ni al­la schie­na e il pet­to­ra­le nu­me­ro 3.

FE­STA Die­tro all’esu­be­ran­za che a qual­cu­no può sem­bra­re esa­ge­ra­ta — ve­di a Kil­ling­ton quan­do si mi­se a bal­la­re nell’an­go­lo del lea­der da­van­ti a un’al­li­bi­ta Shif­frin — c’è tut­to il mon- do di So­fia. Una che al­le ele­men­ta­ri scri­ve­va nei te­mi che da gran­de non vo­le­va fa­re l’astro­nau­ta, o la mae­stra, ma la scia­tri­ce. Che nel­le pri­me ga­re bat­te­va i ma­schi, che la mam­ma im­ma­gi­na­va con le trec­ci­ne bion­de e che in­ve­ce nel­la real­tà gio­ca­va a cal­cio con i com­pa­gni. Che ha do­vu­to su­pe­ra­re quat­tro in­ter­ven­ti al­le gi­noc­chia e il buio del­la de­pres­sio­ne, quan­do la pas­sio­ne per lo sci si era spen­ta e ave­va aper­to la cri­si: va­le­va la pe­na di sof­fri­re tan­to per lo sci? «Non so se que­sto è il gior­no più bel­lo, ma mi ri­pa­ga di tan­to». E an­che i ge­ni­to­ri or­mai si so­no ar­re­si a que­sta fi­glia che si im­ma­gi­na­va­no ar­ti­sta, o pro­fes­so­res­sa. Ri­sa­ta: «Mi so­no sal­va­ta in cor­ner, se no sa­reb­be sta­to Goggia, flop mon­dia­le». Con, a se­gui­re, ci­ta­zio­ni a ruo­ta li­be­ra. Da Ga­ri­bal­di: «Qui si fa l’Ita­lia o si muo­re», al cal­cio: «Mi so­no sal­va­ta in cor­ner», al mot­to del­la Guardia di Fi­nan­za: « Nec re­ci­sa re­ce­dit » . Con quel­la fa­me, di ci­bo e di ri­sul­ta­ti, che la divora da quan­do era bam­bi­na.

BRON­ZO Non po­te­va che ar­ri­va­re co­sì la me­da­glia at­te­sa, il de­ci­mo po­dio sta­gio­na­le do­po il re­cord in Cop­pa («Ma non pa­ra­go­na­te­mi al­la Com­pa­gno­ni, per ri­sul­ta­ti non mi ci pos­so nem­me­no av­vi­ci­na­re»). Un po’ al­la Goggia, all’ul­ti­mo gior­no, co­me di­ce lei: «Nel gi­gan­te, di­sci­pli­na ma­dre, do­po un Mon­dia­le co­sì sof­fer­to, do­po due set­ti­ma­ne in cui mi è suc­ces­so di tut­to. Do­po il su­pe­rG ero de­lu­sis­si­ma, in com­bi­na­ta ero pri­ma a me­tà e poi lo sla­lom da but­tar via, in di­sce­sa la me­da­glia sfio­ra­ta per 7/100, pe­rò con una gran­de con­sa­pe­vo­lez­za di co­me pos­so scia­re. E poi ‘sto gi­gan­te in cui non sa­pe­vo a che li­vel­lo ero. Me la me­ri­to, dai». È una me­da­glia spe­cia­le: «Per­ché voi ve­de­te il bron­zo. Io ve­do un mon­do fat­to di sa­cri­fi­ci, di la­cri­me, di pas­sio­ne, di scon­fit­te, di for­za di rial­zar­si. Mi au­gu­ro di es­se­re all’ini­zio».

ME­DA­GLIA So­fia la sel­vag­gia è cit­ta­di­na di Ber­ga­mo Al­ta, ma è cre­sciu­ta in mez­zo al­la na­tu­ra, ama fa­re mo­to­cross, an­da­va a cac­cia con pa­pà, ma non si met­te più in te­sta il cap­pel­lo di pel­lic­cia di pro­cio­ne («per­ché i miei ti­fo­si ani­ma­li­sti non vo­glio­no»). Fe­steg­gia, fi­nal­men­te: «Que­sta me­da­glia è per me, per le per­so­ne che mi vo­glio­no be­ne, per il mio staff, per tut­ti gli ita­lia­ni che han­no cre­du­to che So­fia Goggia po­tes­se far­ce­la og­gi...». E for­se era lei quel­la che ci cre­de­va di me­no. «Non ave­vo più aspet­ta­ti­ve, si era­no esau­ri­te tut­te nel­la di­sce­sa. È sta­ta la ga­ra che mi ha la­scia­to più ama­ro in boc­ca ma an­che più con­sa­pe­vo­lez­za di quel­lo che pos­so ot­te­ne­re».

UL­TI­MA Pri­ma di par­ti­re si è det­ta: «Scia per te stes­sa, vai e se ar­ri­va, ar­ri­va. Ades­so so­no con­ten­ta e esau­sta. Era la mia ul­ti­ma oc­ca­sio­ne, ave­vo tan­te aspet­ta­ti­ve in di­sce­sa, il se­gre­to for­se è sta­to pro­prio que­sto, non aver­ne trop­pe in gi­gan­te». Gli al­ti e bas­si del­la car­rie­ra, le ba­to­ste, le han­no in­se­gna­to a non guar­da­re mol­to più un là dell’og­gi. «Io me la go­do ades­so, per­ché poi do­ma­ni chis­sà co­sa suc­ce­de».

Il po­dio mon­dia­le, da si­ni­stra: Shif­frin, Wor­ley e Goggia

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.