«Spre­me­vo la Mer­ce­des co­me un li­mo­ne, ma...»

«Ho da­to il mas­si­mo, pe­rò di più non si riu­sci­va a fa­re Non ci aspet­ta­va­mo una Fer­ra­ri co­sì for­te, co­mun­que lot­te­rò»

La Gazzetta dello Sport - - Formula 1 - An­drea Cremonesi IN­VIA­TO A SIN­GA­PO­RE

Ag­grap­pa­ti al­la Red Bull. Esat­ta­men­te co­me due set­ti­ma­ne fa a Mon­za do­ve ave­va­no sa­pien­te­men­te sfrut­ta­to la pi­sta al­la­ga­ta Max Ver­stap­pen e Da­niel Ric­ciar­do con­qui­sta­no il po­dio vir­tua­le del­le qua­li­fi­che. Con una dif­fe­ren­za tutt’al­tro che tra­scu­ra­bi­le pe­rò, per­ché sta­vol­ta, non ap­pe­san­ti­ti dal­le pe­na­liz­za­zio­ni, par­ti­ran­no dav­ve­ro in pri­ma e se­con­da fi­la. Ed è ap­pun­to a lo­ro che si ag­grap­pa­no gli uo­mi­ni in gri­gio per li­mi­ta­re i dan­ni di un fi­ne set­ti­ma­na sin qui ama­ro. In ca­sa Mer­ce­des sa­pe­va­no che la pi­sta di Sin­ga­po­re, sen­za un ve­ro lun­go ret­ti­fi­lo do­ve sca­te­na­re la po­ten­za del­la po­wer unit rea­liz­za­ta a Brix­wor­th, si sa­reb­be ri­ve­la­ta la tap­pa più tor­men­ta­ta nel cam­mi­no che si con­clu­de­rà a no­vem­bre ad Abu Dha­bi, ma il ri­sul­ta­to del­le qua­li­fi­che ha avu­to co­mun­que l’ef­fet­to di un pu­gno nel­lo sto­ma­co so­prat­tut­to per­ché Lewis Ha­mil­ton è an­da­to a nan­na con un mi­se­ro quin­to tem­po, ap­pe­san­ti­to da

Le vit­to­rie di Lewis Ha­mil­ton nel GP di Sin­ga­po­re. La pri­ma nel 2009 con la McLa­ren, la se­con­da in­ve­ce nel 2014 con la Mer­ce­des un di­stac­co di ol­tre 7 de­ci­mi.

LON­TA­NI E l’in­gle­se non ha mai da­to l’im­pres­sio­ne nei 10’ fi­na­li di po­ter lot­ta­re per la po­le ri­ma­sta una con­te­sa a tre tra Vet­tel, Ver­stap­pen e Ric­ciar­do. «Ho da­to il mas­si­mo, ho spre­mu­to la mac­chi­na co­me un li­mo­ne che al­la fi­ne è di­ven­ta­to sec­co. Più di co­sì non si riu­sci­va a fa­re», è sta­ta l’ama­ra con­sta­ta­zio­ne del tre vol­te cam­pio­ne del mon­do che mol­to pro­ba­bil­men­te per­de­rà di nuo­vo la lea­der­ship iri­da­ta ap­pe­na con­qui­sta­ta a Mon­za. Che co­sa è man­ca­to al­le W08? «Non sia­mo riu­sci­ti a tro­va­re un buon bi­lan­cia­men­to e ci è man­ca­to il cor­ret­to ca­ri­co ae­ro­di­na­mi­co», ha spie­ga­to Ni­ki Lau­da, usan­do pro­ba­bil­men­te le stesse pa­ro­le con cui ave­va do­vu­to de­scri­ve­re il ma­gro bot­ti­no di Mon­te­car­lo e Bu­da­pe­st. «Ho stra­vol­to la mac­chi­na sen­za mai riu­sci­re a tro­va­re l’as­set­to ot­ti­ma­le», è sta­ta la spie­ga­zio­ne di uno smar­ri­to Valt­te­ri Bot­tas, che ha ri­me­dia­to 1”4 di di­stac­co dal­la po­le di Vet­tel, con­tro il qua­le do­vreb­be lot­ta­re per il ti­to­lo. «Tut­ti gli an­ni è la stes­sa sto­ria qui, sa­pe­va­mo che sa­reb­be sta­ta du­ra e che la Red Bull sa­reb­be ri­sul­ta­ta ve­lo­cis­si­ma ma non ci aspet­ta­va­mo una Fer­ra­ri co­sì for­te — ha ag­giun­to Ha­mil­ton —. Que­sta è una pi­sta ter­ri­bi­le per su­pe­ra­re ma lot­te­rò. Se­ba­stian ha Ver­stap­pen al suo fian­co e tut­to può suc­ce­de­re».

SPE­RAN­ZA Nel pro­nun­cia­re que­ste pa­ro­le for­se al tre vol­te cam­pio­ne del mon­do so­no ba­le­na­te nel­la men­te le scin­til­le tra Max e Seb di un an­no fa in Mes­si­co e quel­le più re­cen­ti di Sil­ver­sto­ne. E sfi­dan­do lo scet­ti­ci­smo di Lau­da («ti­fa­re la Red Bull a che ser­ve? Fos­se­ro par­ti­ti da­van­ti... ma se Vet­tel non sba­glia al via, vin­ce­rà di si­cu­ro») l’olan­de­se ga­ran­ti­sce che ci pro­ve­rà. Con­for­ta­to da una Red Bull che, con­fer­man­do quan­to di buo­no ave­va fat­to ve­de­re a Mon­za, si è mo­stra­ta in cre­sci­ta. Sto­ri­ca­men­te que­sta è pi­sta con­ge­nia­le per la vet­tu­ra di Mil­ton Key­nes che si è im­po­sta tre vol­te pro­prio con Seb il qua­le, nel po­st qua­li­fi­ca, ha ma­li­zio­sa­men­te sot­to­li­nea­to co­me al­cu­ni par­ti­co­la­ri a li­vel­lo di de­flet­to­ri fos­se­ro si­mi­li a quel­li del­la pro­pria SF70H. «Mi so­no av­vi­ci­na­to al­le Red Bull per­ché mi in­cu­rio­si­va­no que­gli ele­men­ti, ave­vo già chie­sto lo­ro ie­ri (ve­ner­dì;

se non era­no no­stri».

PAR­TEN­ZA Su una pi­sta do­ve su­pe­ra­re è as­sai com­pli­ca­to sia Ver­stap­pen, che ha ac­ca­rez­za­to a lun­go la pos­si­bi­li­tà di di­ven­ta­re il più gio­va­ne de­ten­to­re del­la po­le (com­pi­rà 20 an­ni il sa­ba­to del GP di Ma­le­sia) sia Ric­ciar­do san­no di gio­car­si le mi­glio­ri pos­si­bi­li­tà di gua­sta­re la fe­sta a Ma­ra­nel­lo nei pri­mi due­cen­to me­tri. «Ar­ri­van­do qui ho det­to che si po­te­va vin­ce­re e ci cre­do an­co­ra. Ac­cet­to la scon­fit­ta ma so­no pron­to a da­re bat­ta­glia in cor­sa. Su que­sto trac­cia­to è du­ra su­pe­ra­re e c’è una chan­ce al via per su­pe­ra­re Max. Poi ci pro­ve­rò al pit con Seb», ha spie­ga­to l’au­stra­lia­no che non ha sa­pu­to ce­de­re al­la bat­tu­ta di spi­ri­to. «For­se fa­cen­do due cal­co­li so­no an­co­ra ma­te­ma­ti­ca­men­te in liz­za per il ti­to­lo e po­trei ac­con­ten­tar­mi di fi­ni­re se­sto!».

I po­di di Da­niel Ric­ciar­do nel Mon­dia­le in cor­so. Il pi­lo­ta au­stra­lia­no ha col­le­zio­na­to 5 ter­zi po­sti ol­tre al­la vit­to­ria nel GP di Azer­bai­gian a Ba­ku

AFP

Lewis Ha­mil­ton si pre­pa­ra a scen­de­re in pi­sta

GETTY

Valt­te­ri Bot­tas, 28 an­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.