Slo­ve­nia-Ser­bia Duel­lo di fe­no­me­ni per l’oro tut­to sla­vo

Squa­dra slo­ve­na pun­ta su Don­cic, il ba­by-crack. Su­per Bog­da­no­vic è il lea­der dei ser­bi

La Gazzetta dello Sport - - Basket - Ma­rio Can­fo­ra IN­VIA­TO A ISTAN­BUL (TUR­CHIA)

Era la fi­na­le me­no pro­no­sti­ca­ta al­la vi­gi­lia dell’Eu­ro­peo: Slo­ve­nia-Ser­bia ri­sve­glia i cuo­ri del pas­sa­to, dei ma­gi­ci An­ni 80 e 90, quan­do la vec­chia Ju­go­sla­via do­mi­na­va nel Vec­chio Con­ti­nen­te con gio­ca­to­ri e ta­len­ti a biz­zef­fe e i suoi cam­pio­na­ti era­no vi­si­bi­li da noi so­lo su Tv Ko­per-Ca­po­di­stria con la vo­ce di Ser­gio Tav­car. Dal 2009, la manifestazione è sta­ta un af­fa­re tra Spa­gna (tre vit­to­rie: 2009, 2011 e 2015) e Fran­cia (2013) ed è qua­si un se­gno del de­sti­no se l’ul­ti­mo suc­ces­so tar­ga­to Ju­go­sla­via, nel 2001, fu ot­te­nu­to pro­prio qui a Istan­bul. Do­ve og­gi per l’ul­ti­mo at­to la scuo­la sla­va pro­po­ne una sfi­da nel­la sfi­da tra due stel­le che non fa­ti­che­ran­no tan­to a di­ven­ta­re pro­ta­go­ni­ste an­che ne­gli Usa: Slo­ve­nia-Ser­bia è so­prat­tut­to Lu­ka Don­cic, 18 an­ni, con­tro Bog­dan Bod­ga­no­vic, 25. Si trat­ta del me­glio in cir­co­la­zio­ne at­tual­men­te in Eu­ro­pa, an­che se non li ve­dre­mo più giocare con­tro con la ma­glia dei club dal mo­men­to che Bod­ga­no­vic ha scel­to (giu­sta­men­te) la via dell’Nba con i Kings. Nel frat­tem­po, pri­ma del­la pal­la a due di sta­se­ra c’è già una cer­tez­za: chi vin­ce­rà la ga­ra sa­rà l’Mvp di una manifestazione che cam­bia for­mu­la pro­po­nen­do­si ogni quat­tro an­ni (a tal pro­po­si­to, è pos­si­bi­le che l’Ita­lia fac­cia un pen­sie­ri­no per or­ga­niz­za­re nel 2021 uno dei gi­ro­ni del­la pri­ma fa­se).

IL FA­RO Bog­da­no­vic (uno dei no­stri ca­sti­ga­to­ri nei quar­ti di fi­na­le) ha dal­la sua l’espe­rien­za che lo ha già vi­sto vin­ce­re l’ul­ti­ma Eu­ro­le­ga col Fe­ner­ba­h­ce as­sie­me a Gi­gi Da­to­me. È il fa­ro del­la Ser­bia gui­da­ta da quel cin­quan­ten­ne mar­pio­ne di Sa­sha Djor­d­je­vic (che è sta­to a un pas­so dal­la pan­chi­na az­zur­ra per il do­po-Mes­si­na pri­ma del­la chia­ma­ta di Sac­chet­ti): tut­to par­te da lui, la mag­gior par­te del­le azio­ni le ge­sti­sce da play pu­ro, or­ga­niz­zan­do gli at­tac­chi col lun­go in po­st che con­sen­to­no di apri­re var­chi per gli al­tri. Ma an­che col pe­ne­tra e sca­ri­ca ec­cel­le e il pas­sag­gio al mo­men­to giu­sto al com­pa­gno è una del­le sue prin­ci­pa­li do­ti. Gio­ca­to­re to­ta­le, ti­ra­to­re da tre sen­za tan­ti pro­ble­mi, è spes­so pre­sen­te a rim­bal­zo, pron­to ad af­fon­da­re i col­pi dall’al­tra par­te del cam­po. In Na­zio­na­le ha sem­pre con­vis­su­to al fian­co di Teo­do­sic, ora con l’as­sen­za del neo play dei Clip­pers si è sen­ti­to an­cor di più re­spon­sa­bi­liz­za­to, go­den­do pe­rò del ri­spet­to dei più gran­di, bra­vi a non soffrire di ge­lo­sie per­ché or­mai quan­do si par­la di Ser­bia l’ac­co­sta­men­to a Bod­ga­no­vic è im­me­dia­to e scon­ta­to.

PREDESTINATO

Di fron­te, avrà Lu­ka Don­cic, qua­si set­te an­ni in me­no e già de­va­stan­te in ogni an­go­lo del par­quet. Vi­sio­ne di gio­co, cam­bio di rit­mo im­pres­sio­nan­te, fi­si­co ben piaz­za­to. Quan­do par­te, l’uni­ca ma­nie­ra per fer­mar­lo è il fal­lo. È un bam­bi­no an­co­ra, il gio­ca­to­re del Real Ma­drid (bra­vo tre an­ni fa a ve­de­re lun­go, ma in real­tà già a 13 an­ni se­gna­va qua­ran­tel­li in sciol­tez­za in tut­ti i tor­nei in­ter­na­zio­na­li) che da pa­dre ser­bo (stra­ni gli scher­zi del­la vi­ta) e mam­ma slo­ve­na ha poi pre­fe­ri­to pro­prio la ca­sac­ca bian­co­ver­de. «Ma non ho mai avu­to dub­bi sul­la scel­ta da fa­re», di­ce con­vin­to con quel vi­so acer­bo e pie­no di gio­ia: «A 13 an­ni non avrei mai im­ma­gi­na­to che sa­rei ar­ri­va­to fin qui», am­met­te tra un nu­go­lo di te­le­ca­me­re e tac­cui­ni che lo brac­ca­no ovun­que. La mam­ma Mi­riam lo se­gue sin da pic­co­lo e vi­ve con lui a Ma­drid. «Ama la pal­la­ca­ne­stro in mo­do smi­su­ra­to», ci rac­con­ta men­tre il vi­ce al­le­na­to­re slo­ve­no Ja­ka La­ko­vic (vi­sto in Ita­lia ad Avel­li­no e uno dei più gran­di in­ter­pre­ti eu­ro­pei nel ruo­lo di play) non fa al­tro che ri­ba­di­re il pen­sie­ro co­mu­ne: «È dav­ve­ro in­cre­di­bi­le quel­lo che rie­sce a fa­re aven­do ap­pe­na 18 an­ni, e la per­so­na­li­tà che ha in ga­re co­sì im­por­tan­ti. Può giocare da play, guar­dia o ala pic­co­la, ma di­rei che è un gran­de re­gi­sta del gio­co e non ci so­no più ag­get­ti­vi per de­fi­nir­lo». Do­ves­se vin­ce­re la Slo­ve­nia, quin­di, il ti­to­lo di mi­glio­re gio­ca­to­re di que­sto Eu­ro­peo an­dreb­be al ba­by-fe­no­me­no di Lu­bia­na de­sti­na­to a es­se­re la pri­ma scel­ta as­so­lu­ta del draft Nba 2018. L’esor­dien­te Don­cic, co­sì, può di­ven­ta­re sta­se­ra l’mvp più gio­va­ne di sem­pre, pri­ma­to de­te­nu­to da Ar­vi­das Sa­bo­nis che ave­va 20 an­ni e 7 me­si quan­do vin­se con l’ex Urss il ti­to­lo nell’edi­zio­ne 1985 in Ger­ma­nia. Fe­no­me­ni.

CIAM

Lu­ka Don­cic, ala di 201 cm, 18 an­ni, gio­ca nel Real Ma­drid

CIAM

Bog­dan Bog­da­no­vic, 198 cm, 25 an­ni, fir­ma­to da Sa­cra­men­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.