«To­ri­no an­co­ra olim­pi­ca? Io di­co sì»

«La no­stra ere­di­tà, un pro­get­to in­no­va­ti­vo con Mi­la­no. Ma se nel 2032 pu­re con Ge­no­va...»

La Gazzetta dello Sport - - Olimpiadi - Va­le­rio Pic­cio­ni

«Mi pia­ce­reb­be mol­to». Ser­gio Chiam­pa­ri­no, pre­si­den­te del­la re­gio­ne Pie­mon­te, sin­da­co nel­la To­ri­no olim­pi­ca nel 2006, am­met­te che la pro­spet­ti­va di un ri­tor­no dei Gio­chi sa­reb­be dav­ve­ro en­tu­sia­sman­te. «L’ipo­te­si di un tan­dem con Mi­la­no è sug­ge­sti­va». Cer­to la stra­da è lun­ga, il per­cor­so spez­za­to di Ro­ma è una car­to­li­na trop­po vi­ci­na per non es­se­re con­si­de­ra­ta, ma «si po­treb­be co­min­cia­re a co­strui­re un ra­gio­na­men­to tut­ti in­sie­me». Chiam­pa­ri­no pre­met­te di non aver sen­ti­to la sin­da­ca Ap­pen­di­no: «Quel­lo che so è che i suoi rap­por­ti con Sa­la so­no buo­ni. Per il re­sto, ho so­lo let­to sui giornali quan­to è ac­ca­du­to a Li­ma, la mia è sol­tan­to un’opi­nio­ne ge­ne­ra­le, è chia­ro che sa­reb­be ne­ces­sa­rio ap­pro­fon­di­re mol­te co­se».

To­ri­no olim­pi­ca è una sto­ria che può ri­pe­ter­si?

«Sì, na­tu­ral­men­te con mo­da­li­tà del tut­to nuo­ve, guar­dan­do al fu­tu­ro sen­za di­men­ti­ca­re l’ere­di­tà che i Gio­chi han­no la­scia­to. Un’ere­di­tà an­co­ra for­te. An­co­ra og­gi mi ca­pi­ta di es­se­re fer­ma­to da qual­cu­no che mi di­ce sor­ri­den­do: “Io ai Gio­chi ho fat­to il vo­lon­ta­rio”».

La mag­gior par­te dei to­ri­ne­si, ma pu­re de­gli ita­lia­ni che han­no vi­si­ta­to To­ri­no ne­gli ul­ti­mi an­ni, dà un giu­di­zio po­si­ti­vo su quell’av­ven­tu­ra. Qual­cu­no, pe­rò, ri­tie­ne che il prez­zo per una cit­tà più bel­la sia sta­to trop­po al­to.

«Il co­mi­ta­to or­ga­niz­za­to­re per la par­te ge­stio­na­le ha chiu­so i suoi con­ti con un avan­zo di 10 mi­lio­ni di eu­ro, l’agen­zia olim­pi­ca sta af­fron­tan­do gli ul­ti­mi con­ten­zio­si con un mar­gi­ne di si­cu­rez­za che con­sen­ti­rà for­se di ot­te­ne­re lo stes­so ri­sul­ta­to».

Ci fu­ro­no, pe­rò, ag­gra­vi fi­nan­zia­ri per le cas­se del Co­mu­ne.

«Cer­to un ap­pe­san­ti­men­to fi­nan­zia­rio ci fu, le spe­se dei tra­spor­ti fu­ro­no pre­se in ca­ri­co dal Co­mu­ne, ma so­no sta­te ope­re che han­no cam­bia­to la cit­tà e che ora so­no un pa­tri­mo­nio di tut­ti. Si sa­reb­be po­tu­to spen­de­re di me­no? Pro­ba­bil­men­te sì, ma al­cu­ne di quel­le spe­se han­no con­sen­ti­to che la cit­tà fos­se più coin­vol­ta. Avrem­mo po­tu­to or­ga­niz­za­re le pre­mia­zio­ni nei di­ver­si si­ti di ga­ra, ma sce­glie­re la so­lu­zio­ne più spet­ta­co­la­re, quel­la del­la Piaz­za del­le me­da­glie che tut­ti ri­cor­da­no, con­tri­buì a ren­de­re quell’Olimpiade in­di­men­ti­ca­bi­le».

Si po­treb­be­ro riu­ti­liz­za­re di­ver­si im­pian­ti?

«Sci al­pi­no, sci di fon­do e bia­thlon, il pa­la­sport olim­pi­co: par­ti­rem­mo da una ba­se im­por­tan­te, na­tu­ral­men­te da ve­ri­fi­ca­re. Tut­te le scel­te an­dreb­be­ro na­tu­ral­men­te stu­dia­te con Mi­la­no».

Ci sa­reb­be la pi­sta ab­ban­do­na­ta di bob di Ce­sa­na al cen­tro di tan­te po­le­mi­che.

«C’è un pro­get­to per una tra­sfor­ma­zio­ne in fun­zio­ne tu­ri­sti­ca dell’im­pian­to. Quel­la vi­cen­da, pe­rò, ap­par­tie­ne a un’al­tra era olim­pi­ca. Al­lo­ra pen­sam­mo di coin­vol­ge­re an­che i vi­ci­ni fran­ce­si nel pro­gram­ma, fra le al­tre co­se pro­prio per il bob, ma il Cio fu con­tra­rio. Mi sem­bra che og­gi que­sta ela­sti­ci­tà sia uf­fi­cial­men­te con­tem­pla­ta».

In­som­ma, Mi­la­no 2026 po­treb­be con­ta­re sull’espe­rien­za di To­ri­no e del Pie­mon­te.

«Cer­to è chia­ro, quel know how che fun­zio­nò co­sì be­ne an­dreb­be…rin­gio­va­ni­to. Si po­treb­be la­vo­ra­re per esem­pio sul te­ma del­la so­ste­ni­bi­li­tà am­bien­ta­le. Ma i pre­sup­po­sti per in­ta­vo­la­re un di­scor­so ci so­no».

Il 2026 è re­la­ti­va­men­te vi­ci­no. Con la dop­pia as­se­gna­zio­ne a Pa­ri­gi 2024 e a Los An­ge­les 2028, la pro­spet­ti­va dei Gio­chi esti­vi, in­ve­ce, si è al­lon­ta­na­ta di pa­rec­chio. Ma lei ci ha mai pen­sa­to?

«Non pos­so im­ma­gi­nar­mi an­co­ra am­mi­ni­stra­to­re nel 2032. Pe­rò una pro­po­sta for­te­men­te in­no­va­ti­va ci sa­reb­be».

Qua­le?

«Ha pre­sen­te quel­lo che una vol­ta si chia­ma­va trian­go­lo in­du­stria­le? Ge­no­va, Mi­la­no, To­ri­no: tre gran­di cit­tà con i ri­spet­ti­vi ter­ri­to­ri, in un ar­co di po­co più di 100 chi­lo­me­tri, rag­giun­gi­bi­li con il tre­no in po­chis­si­mo tem­po. L’era del gi­gan­ti­smo è fi­ni­ta, c’è spa­zio per can­di­da­tu­re in­no­va­ti­ve, que­sta lo sa­reb­be».

Le sem­bra più intrigante di quel­la di un pos­si­bi­le tic­ket in­ver­na­le più rav­vi­ci­na­to con Mi­la­no?

«È sem­pre più intrigante pro­va­re una co­sa nuo­va che ri­pe­ter­ne una già fat­ta. Ma l’idea dei Gio­chi in­ver­na­li con Mi­la­no mi pia­ce, so­prat­tut­to la pos­si­bi­li­tà di pro­por­re un pro­get­to mo­der­no che su­pe­ri ogni com­pe­ti­zio­ne lo­ca­li­sti­ca».

Co­me lo ve­dreb­be un re­fe­ren­dum sul pro­get­to del­la can­di­da­tu­ra?

«Per me la gen­te vo­ta del­le per­so­ne per­ché le ri­tie­ne in gra­do di pren­de­re del­le de­ci­sio­ni. Ma non avrei nul­la in con­tra­rio. Ri­co­no­sco che di fron­te a una scel­ta co­sì im­por­tan­te e im­pe­gna­ti­va, un pro­nun­cia­men­to po­po­la­re po­treb­be es­se­re uti­le. E se que­sto ser­vis­se per per­sua­de­re le par­ti po­li­ti­che ma­ga­ri me­no con­vin­te, pen­so ai 5 Stel­le, non ci ve­drei nul­la di stra­no».

ANSA

Gio­chi 2006: l’al­lo­ra sin­da­co Ser­gio Chiam­pa­ri­no con Li­vio Ber­ru­ti, oro a Ro­ma ‘60

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.