Pa­van, Pa­ra­to­re e Maz­zo­li: buo­na la pri­ma

An­drea, pro’ ro­ma­no con ca­sa e fa­mi­glia ne­gli Usa, sor­pren­de: è no­no. Renato: «Cer­co più fee­ling sul green»

La Gazzetta dello Sport - - Golf - Sil­via Au­di­sio MON­ZA

Men­tre Fran­ce­sco Molinari gui­da il grup­po di ca­sa Ita­lia, e non so­lo, 12 az­zur­ri lo se­guo­no più o me­no a ruo­ta. Due so­li col­pi più in­die­tro An­drea Pa­van (9° con 66), uno per­so al­la pri­ma buca e poi grandi fer­ri al green per 6 birdie con dop­piet­ta fi­na­le. Uno sco­re che par­la di tour mag­gio­re, dal qua­le il pro’ ro­ma­no (con ca­sa e fa­mi­glia ne­gli Usa) è usci­to nel 2015 e do­ve cer­ca di rien­tra­re gio­can­do le ga­re del Chal­len­ge. «Ot­ti­me sen­sa­zio­ni», quel­le di Stefano Maz­zo­li, un pas­so più in­die­tro (67), 17°, in cam­po con la star spa­gno­la Jo­sé Ma­ria Ola­za­bal. «Uno sco­re che na­sce da lon­ta­no, mi so­no pre­pa­ra­to be­ne d’in­ver­no e ho gio­ca­to pa­rec­chio», ha det­to il ven­tu­nen­ne di Se­gra­te che stu­dia al­la Te­xas Ch­ri­stian Uni­ver­si­ty. La sua ri­cet­ta di og­gi: «Con­cen­tra­zio­ne e ri­spo­ste im­me­dia­te ai brut­ti col­pi». Un birdie per fi­ni­re il gi­ro ha da­to ca­ri­ca a Renato Pa­ra­to­re. «Mi pia­ce ve­de­re tan­ta gen­te che mi se­gue», di­ce sod­di­sfat­to del­la pri­ma gior­na­ta. «Cer­co mag­gior fee­ling sul green, ma ho fat­to grandi col­pi lun­ghi so­prat­tut­to nel­la se­con­da par­te»: 68 il suo sco­re (-3), lo stes­so di Ni­no Ber­ta­sio ed Edoar­do Molinari, 31esi­mi. Que­st’ul­ti­mo, tor­na­to al­la vit­to­ria lo scor­so apri­le in Ma­roc­co nel Tro­phée Has­san II, si è det­to sod­di­sfat­to del gio­co (so­lo due brut­ti dri­ve in par­ten­za) che «sa­reb­be per­fet­to con qual­che putt im­bu­ca­to in più».

SOT­TO PAR An­co­ra pre­sta­zio­ni sot­to par (69) per En­ri­co Di Nit­to (24 an­ni, ro­ma­no, tan­to la­vo­ro e una cre­sci­ta co­stan­te e ra­pi­da) e per il di­let­tan­te Lo­ren­zo Sca­li­se. La sua è sta­ta una par­ten­za bru­cian­te dal­la buca 10, con fer­ro 4 in ban­die­ra e su­bi­to un birdie; poi in com­ples­so un buon pri­mo gi­ro. «Ot­ti­mo il gio­co dal tee, non al­tret­tan­to quel­lo in­tor­no al green e il putt, en­tram­bi al cen­tro del­la se­du­ta di pra­ti­ca nel po­me­rig­gio con il mae­stro Federico Bi­saz­za», ha det­to il gio­ca­to­re, 22 an­ni, di Vi­mer­ca­te. An­che se da tre an­ni stu­dia ne­gli Usa, al­la Uni­ver­si­ty of Ten­nes­see, il Golf Mi­la­no è il suo cir­co­lo. «Co­no­sco ogni li­nea di gio­co a me­mo­ria, ma le con­di­zio­ni cam­bia­no ogni vol­ta e dun­que nul­la è scon­ta­to», ha ag­giun­to. Pas­se­rà pro­fes­sio­ni­sta il pros­si­mo anno do­po la lau­rea in ar­chi­tet­tu­ra del ver­de, per re­sta­re in te­ma, e poi Ame­ri­ca o Eu­ro­pa? «Non ho an­co­ra de­ci­so, ma a me la vi­ta ame­ri­ca­na pia­ce». Han­no gio­ca­to sul fi­lo del par (71) Mat­teo Ma­nas­se­ro (un buon gio­co lun­go ma po­chi putt im­bu­ca­ti), Lu­ca Cian­chet­ti e Federico Mac­ca­rio. Ha chiu­so con un pe­san­te +6 Ni­co­lò Ra­va­no.

GET­TY

An­drea Pa­van, 28 an­ni, ro­ma­no che vi­ve ora ne­gli Usa

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.