Il der­by di Pa­ra­mat­ti: «Pa­la­cio boa del Bo­lo­gna Io co­me Laz­za­ri e Mo­ra»

1Do­po 50 an­ni tor­na il der­by emi­lia­no. E il dop­pio ex di­ce la sua: «Sa­rà una ga­ra di­ver­ten­te, an­che la Spal è par­ti­ta col pie­de giu­sto Ma que­sto cal­cio fat­to di esa­ge­ra­zio­ni or­mai non mi pia­ce più».

La Gazzetta dello Sport - - Calcio - Lui­gi Pol­ce @lui­gi­po92

Bo­lo­gna e Fer­ra­ra: sto­ria di due cit­tà di­stan­ti ap­pe­na 50 chi­lo­me­tri ma al­lo stes­so tem­po lon­ta­ne, di­vi­se da un’ac­ce­sa ri­va­li­tà cal­ci­sti­ca che si per­de nei de­cen­ni. Il con­to dei der­by in Se­rie A tra ros­so­blù e Spal è fer­mo a 32 (18 a 8 il par­zia­le, con 6 pa­reg­gi), l’ul­ti­mo il 10 mar­zo 1968: all’om­bra del Ca­stel­lo Esten­se fi­nì 3-1 per i bo­lo­gne­si. E pro­prio quel gior­no na­sce­va Mi­che­le Pa­ra­mat­ti, di­fen­so­re tut­to grin­ta e su­do­re. Per lui la gio­ia di uno scu­det­to vin­to con la Ju­ven­tus nel 2002, il co­ro «Gio­ca be­ne o gio­ca ma­le Pa­ra­mat­ti in Na­zio­na­le» e 350 par­ti­te di­vi­se tra Spal (151) e Bo­lo­gna (199). Dal­la Se­rie C al­la A, una sfi­da mai ba­na­le: «Già ai miei tem­pi fa­ce­va bat­te­re for­te il cuo­re e re­ga­la­va sti­mo­li in­cre­di­bi­li», rac­con­ta Pa­ra­mat­ti.

Do­me­ni­ca tor­na una sfi­da at­te­sa qua­si 50 an­ni...

«Le aspet­ta­ti­ve so­no tan­te. Da par­te dei ti­fo­si del­la Spal c’è da sem­pre ri­va­li­tà nei con­fron­ti del­la squa­dra più vi­ci­na e ti­to­la­ta, men­tre a quel­li del Bo­lo­gna non pia­ce mai per­de­re, spe­cie in que­sta ga­ra. Le due squa­dre so­no par­ti­te col pie­de giu­sto: i ros­so­blù vo­glio­no sta­bi­lir­si nel­la par­te si­ni­stra del­la clas­si­fi­ca e ma­ga­ri, tra qual­che anno, pro­va­re a rag­giun­ge­re l’Eu­ro­pa; i bian­caz­zur­ri vo­glio­no con­so­li­dar­si in Se­rie A. Ci so­no tut­ti i pre­sup­po­sti per as­si­ste­re a una ga­ra di­ver­ten­te».

Se le di­co «der­by», co­sa le vie­ne in men­te?

«Mat­ch sem­pre par­ti­co­la­ri e “cal­di” dal pun­to di vi­sta am­bien­ta­le, pra­ti­ca­men­te quel­le par­ti­te che non hai bi­so­gno di pre­pa­ra­re. Ri­cor­do, inol­tre, le emo­zio­ni pro­va­te pri­ma, du­ran­te e do­po ogni ga­ra: non a ca­so, tut­ti ave­va­no vo­glia di scen­de­re in cam­po a ogni co­sto. E tor­nan­do in­die­tro nel tem­po, ri­pen­so al­le ul­ti­me sfi­de in Se­rie A con Pa­scut­ti, Bul­ga­rel­li, Bi­gon e Re­ja in cam­po, e Gol­do­ni e Maz­za pre­si­den­ti: an­che al­lo­ra la vo­glia di por­ta­re a ca­sa il der­by era for­tis­si­ma...».

Cer­to è che, da al­lo­ra, il cal­cio si è tra­sfor­ma­to pa­rec­chio…

«Or­mai so­no ai mar­gi­ni del cal­cio: se­guo so­prat­tut­to mio fi­glio Lo­ren­zo (cal­cia­to­re del Gub­bio in Se­rie C, ndr), per il re­sto ge­sti­sco una so­cie­tà im­mo­bi­lia­re e gio­co a golf. Nel pal­lo­ne di og­gi non mi ci ri­tro­vo. Non sop­por­to il mo­do in cui vie­ne vis­su­to, fat­to di tan­te esa­ge­ra­zio­ni: a me piac­cio­no il cal­cio gio­ca­to sul cam­po, la fa­ti­ca e gli al­le­na­men­ti, le vit­to­rie e le scon­fit­te, gli en­tu­sia­smi e le de­lu­sio­ni. De­te­sto le stru­men­ta­liz­za­zio­ni o le scu­se per giu­sti­fi­ca­re un ri­sul­ta­to ne­ga­ti­vo, e gli ec­ces­si nei com­men­ti. Vor­rei un “cal­cio più cal­cio”, più di so­stan­za e me­no di ap­pa­ren­za».

E la VAR? È so­stan­za o ap­pa­ren­za?

«La tec­no­lo­gia è uti­le per sta­bi­li­re se il pal­lo­ne ha var­ca­to o me­no la li­nea di por­ta, per que­sto mo­ti­vo ho ap­prez­za­to l’in­tro­du­zio­ne del­la “Goal Li­ne Tech­no­lo­gy”. Per quan­to ri­guar­da la Var cre­do che an­che con il suo au­si­lio si fac­cia fa­ti­ca a

espri­me­re un giu­di­zio og­get­ti­vo».

Tor­nan­do a Bo­lo­gna-Spal, da ex di­fen­so­re chi le pia­ce­reb­be af­fron­ta­re?

«Tut­ti quel­li che pas­sa­no nel­la mia zo­na (ri­de, ndr). Scher­zi a par­te nel Bo­lo­gna di­co Pa­la­cio, un pun­to di ri­fe­ri­men­to per Do­na­do­ni den­tro e fuo­ri dal cam­po. Per la Spal, in­ve­ce, fac­cio due no­mi, an­che se non si trat­ta di at­tac­can­ti: Laz­za­ri e Mo­ra. Per­ché scel­go lo­ro? So­no cal­cia­to­ri in cui mi ri­ve­do, co­me me han­no avu­to una cre­sci­ta gra­dua­le e dal­la C so­no riu­sci­ti a emer­ge­re fi­no ad ar­ri­va­re in Se­rie A».

Bo­lo­gna e Fer­ra­ra, un der­by che si gio­ca an­che in cu­ci­na. Tra tor­tel­li­ni in bro­do e cap­pel­lac­ci al­la zuc­ca, chi la spun­ta?

«Mi pren­de per la go­la, so­no due piat­ti che ado­ro. Co­sì tan­to che non rie­sco a sce­glie­re: di­rei 1-1 e po­sa­te al cen­tro, ma par­lia­mo di una sfi­da da “al­ta clas­si­fi­ca”».

E che sa­po­re ha que­sta pri­ma fet­ta di sta­gio­ne?

«La Ju­ve re­sta la fa­vo­ri­ta per il ti­to­lo, an­che se il Na­po­li si pre­sen­ta col bi­gliet­to da vi­si­ta di 7 vit­to­rie con­se­cu­ti­ve. Sa­rà una sfi­da a due fi­no al­la fi­ne, non ve­do ou­tsi­der ca­pa­ci di im­pen­sie­rir­le».

LAP­RES­SE

Mi­che­le Pa­ra­mat­ti, 49 an­ni: con la Spal 151 pre­sen­ze e 6 gol

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.