I LI­MI­TI DI ICAR­DI E QUEL­LI DELL’IN­TER

Il mo­men­to dei ne­raz­zur­ri

La Gazzetta dello Sport - - Opinioni - TEM­PI SUP­PLE­MEN­TA­RI di AL­BER­TO CERRUTI email: acer­ru­ti@rcs.it

Spe­ro che l’In­ter sia li­be­ra­ta dall’equi­vo­co che non le per­met­te­rà mai di tor­na­re a vin­ce­re qual­co­sa di im­por­tan­te. Ba­sta con Icar­di, che vi­ve so­lo per gli as­si­st che la squa­dra è co­stret­ta a for­nir­gli. E ba­sta coi luo­ghi co­mu­ni «è un bom­ber da area di ri­go­re». Non ri­cor­do l’ul­ti­ma vol­ta in cui ha rea­liz­za­to un gol da fuo­ri. Un Ca­pi­ta­no do­vreb­be gui­da­re i com­pa­gni nei mo­men­ti di dif­fi­col­tà, por­tan­do­li a rag­giun­ge­re i ri­sul­ta­ti col suo ca­ri­sma. Con lui non so­lo nes­sun ti­to­lo, ma nem­me­no una pre­sen­za in Cham­pions!

Gian­lu­ca Del­mon­te, Pre­gna­na (Mi)

No Icar­di, no In­ter. È que­sta la sin­te­si più co­mu­ne per spie­ga­re i gol man­ca­ti e di con­se­guen­za le vit­to­rie man­ca­te del­la squa­dra di Spal­let­ti. Ma c’è an­che chi, co­me il si­gnor Del­mon­te, va ol­tre au­gu­ran­do­si che sia l’In­ter a di­re addio al cen­tra­van­ti, pri­ma che av­ven­ga il con­tra­rio. Se a Ma­drid, nel cor­so di que­sta sua straor­di­na­ria sta­gio­ne, è sta­to con­te­sta­to Cristiano Ro­nal­do, si può an­che ac­cet­ta­re che ven­ga di­scus­so Icar­di, an­che se è dif­fi­ci­le ri­nun­cia­re a un at­tac­can­te che ve­de la por­ta e se­gna co­me lui. E al­lo­ra par­tia­mo da una fra­se tutt’al­tro che ca­sua­le di Spal­let­ti do­po l’Ata­lan­ta: «Quan­do sia­mo riu­sci­ti a scam­bia­re sul­la tre­quar­ti, zo­na in cui an­che Icar­di de­ve par­te­ci­pa­re…». Ec­co il pun­to, per­ché Icar­di pre­fe­ri­sce ri­ma­ne­re nel suo giar­di­no pre­fe­ri­to, più den­tro che fuo­ri l’area di ri­go­re, co­me tan­ti al­tri gran­dis­si­mi at­tac­can­ti del re­sto. Se non vo­glia­mo pen­sa­re agli av­ver­sa­ri, co­me In­za­ghi e Tre­ze­guet, fer­mia­mo­ci a Bo­nin­se­gna, vi­ce­cam­pio­ne del mon­do nel 1970, guar­da ca­so spes­so ac­co­sta­to per le sue ca­rat­te­ri­sti­che a Icar­di. Nes­su­no al­lo­ra si so­gna­va di di­scu­te­re Bo­nin­se­gna, che ha sem­pre se­gna­to tan­to ovun­que, nel Ca­glia­ri e in Na­zio­na­le al fian­co di Ri­va, ma so­prat­tut­to nell’In­ter con cui è sta­to due vol­te ca­po­can­no­nie­re nel 1971 e 1972. C’è pe­rò una non pic­co­la dif­fe­ren­za, per­ché quan­do Bo­nin­se­gna vin­se lo scu­det­to nel 1971, nell’In­ter gio­ca­va­no Fac­chet­ti, Jair, Maz­zo­la e Cor­so, di ben al­tro li­vel­lo ri­spet­to ai com­pa­gni di Icar­di. Co­me sem­pre, in­fat­ti, bi­so­gna ri­cor­dar­si che nes­su­no, nem­me­no Cristiano Ro­nal­do, gio­ca da so­lo per­ché per se­gna­re bi­so­gna es­se­re smar­ca­ti e quan­te vol­te nel­le pagelle di Icar­di ave­te let­to: «po­co ser­vi­to dai com­pa­gni»? È ve­ro che Icar­di ha fal­li­to il gol-par­ti­ta nel der­by, ma è an­che ve­ro che i suoi li­mi­ti tat­ti­ci so­no in­gi­gan­ti­ti dai li­mi­ti tec­ni­ci dell’In­ter. An­che se a vol­te di­stri­bui­ti ma­le, so­no già 24 i gol di Icar­di in cam­pio­na­to, il 48 per cen­to dei 50 rea­liz­za­ti da tut­ta la squa­dra. Non a ca­so i ne­raz­zur­ri han­no col­le­zio­na­to più 0-0 in A, già 6 fin qui. E non a ca­so ave­va­mo già sot­to­li­nea­to l’ec­ces­si­va di­pen­den­za da Icar­di a fi­ne no­vem­bre, quan­do l’In­ter era se­con­da a due pun­ti dal Na­po­li e l’ar­gen­ti­no ave­va se­gna­to 15 dei 28 gol del­la squa­dra. Il pro­ble­ma, quin­di, coin­vol­ge an­che i suoi com­pa­gni, che da un la­to se­gna­no po­co e dall’al­tro non lo ser­vo­no ab­ba­stan­za be­ne. Ra­fi­n­ha, ar­ri­va­to a gen­na­io, do­vreb­be es­se­re il tar­di­vo ri­me­dio per re­ga­la­re fan­ta­sia in mez­zo al cam­po, in al­ter­na­ti­va ai cross di Candreva e Pe­ri­sic. Ma nem­me­no il mi­glior Ra­fi­n­ha può cam­bia­re in po­che set­ti­ma­ne le ca­rat­te­ri­sti­che di Icar­di, che fa­ti­che­rà a imi­ta­re i mo­vi­men­ti di Dze­ko, an­che se tut­ti glie­lo chie­do­no. Pec­ca­to, per­ché un Icar­di me­no egoi­sta po­treb­be con­ti­nua­re a se­gna­re pia­cen­do di più a ti­fo­si, com­pa­gni, al­le­na­to­ri e ma­ga­ri al c.t. dell’Ar­gen­ti­na, di­mo­stran­do tra l’al­tro di es­se­re un ve­ro ca­pi­ta­no. An­che se è giu­sto ri­cor­da­re che non era sta­to lui a chie­de­re a Man­ci­ni quel­la fa­scia, no­bi­li­ta­ta in pas­sa­to da campioni più esper­ti e ca­ri­sma­ti­ci co­me Pic­chi, Fac­chet­ti, Maz­zo­la, Ber­go­mi e Za­net­ti.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.