Al­la ve­lo­ci­tà del­la lu­ce

La Lettura - - Il Dibattito Del­le Idee -

Seul, Mi­la­no, Bar­cel­lo­na, Syd­ney, Bo­ston e cen­ti­na­ia d’al­tre cit­tà han­no il­lu­mi­na­to di verde le fac­cia­te dei lo­ro pa­laz­zi per ma­ni­fe­sta­re dis­sen­so da Trump sul ri­ti­ro dall’ac­cor­do di Parigi. Que­sta vol­ta è sta­to il green dell’am­bien­te, al­tre il ros­so e il blu, i co­lo­ri del­le ban­die­re del­le na­zio­ni vit­ti­me del ter­ro­ri­smo, o tin­te va­rie as­so­cia­te ai mes­sag­gi po­li­ti­ci da con­di­vi­de­re. Le cit­tà im­pa­ra­no a co­mu­ni­ca­re ac­cen­den­do in­sie­me i pro­pri fa­ri. Tro­van­do in­te­se al­la ve­lo­ci­tà del­la lu­ce.

lei. Per tut­to il romanzo vie­ne sug­ge­ri­ta una for­te con­ti­nui­tà tra i vi­vi e i mor­ti.

«Par­la­vo pri­ma dei con­fi­ni. In po­sti co­me il Kash­mir an­che il con­fi­ne tra i vi­vi e i mor­ti è po­ro­so. È una so­cie­tà che con­vi­ve con l’idea del­la mor­te. Nes­su­na ma­dre sa se suo fi­glio o sua fi­glia tor­ne­rà a ca­sa, ogni gior­no. Lì c’è la guer­ra, ma an­che a De­lhi ci so­no ogni an­no mi­glia­ia di mor­ti non iden­ti­fi­ca­ti. In In­dia per­fi­no i ci­mi­te­ri di­ven­ta­no po­li­ti­ci. Quat­tro me­si fa c’è sta­ta una cam­pa­gna: gli in­dù non han­no tom­be, per­ché cre­ma­no i lo­ro de­fun­ti, co­sì il si­gnor Mo­di e il BJP (il suo par­ti­to, ndr) han­no co­min­cia­to a do­man­da­re per­ché i ci­mi­te­ri aves­se­ro la cor­ren­te elet­tri­ca, a so­ste­ne­re che an­che i mu­sul­ma­ni do­ve­va­no es­se­re cre­ma­ti. Nel­la vec­chia De­lhi le per­so­ne vi­vo­no sul se­rio nei ci­mi­te­ri, la po­po­la­zio­ne mu­sul­ma­na vie­ne ghet­tiz­za­ta e co­stret­ta a dor­mi­re sul­le tom­be. Mol­te per­so­ne com­men­ta­no il li­bro par­lan­do di rea­li­smo ma­gi­co, di fia­ba, ma non è af­fat­to co­sì. Nul­la di ciò che racconto è in­ve­ro­si­mi­le in In­dia».

Il li­bro di­se­gna una map­pa del­le in­giu­sti­zie e del­le atro­ci­tà del Pae­se. È co­me se tut­ti i li­bri di non-fic­tion che ha scrit­to in que­sti vent’an­ni ser­vis­se­ro co­me pro­pe­deu­ti­ca al romanzo. Ma per un let­to­re non co­sì in­for­ma­to po­treb­be es­se­re dif­fi­ci­le orien­tar­si, an­che so­lo geo­gra­fi­ca­men­te.

«Quan­do ho fi­ni­to Il dio del­le pic­co­le co­se un edi­tor mi ha det­to che avrei do­vu­to ri­scri­ve­re il pri­mo ca­pi­to­lo per­ché sta­vo in­tro­du­cen­do i let­to­ri a un mon­do alie­no trop­po ve­lo­ce­men­te. Gli ri­spo­si: “Per tut­ti que­sti an­ni ab­bia­mo letto la let­te­ra­tu­ra oc­ci­den­ta­le e ab­bia­mo fat­to uno sfor­zo enor­me per ca­pir­la”. Nel­la vec­chia De­lhi leg­ge­va­mo Ja­ne Au­sten e Ita­lo Cal­vi­no, o al­me­no ci pro­va­va­mo. Quin­di i let­to­ri de­vo­no pro­var­ci. Non è ci­bo per bam­bi­ni, que­sto. Non si può crea­re un tu­to­rial per un romanzo. So­no con­vin­ta che la gen­te fa­rà del pro­prio me­glio».

Esiste un im­pe­ria­li­smo an­che in let­te­ra­tu­ra?

«Na­tu­ral­men­te. An­che que­sto è un gran­de te­ma in In­dia, per­ché ab­bia­mo co­sì tan­te lin­gue. Le per­so­ne che par­la­no hin­di con­si­de­ra­no l’in­gle­se co­lo­nia­li­sta. Ma an­che l’hin­di è sta­to una lin­gua co­lo­nia­li­sta. L’In­dia è una co­stru­zio­ne del co­lo­nia­li­smo. In que­sto romanzo ci so­no l’in­gle­se, il ma­la­ya­lam, il te­lu­gu, l’ur­du, il kash­mi­ro, il pa­sh­tu, l’ara­bo, il san­scri­to».

An­jum in­se­gna a sua fi­glia un in­no in san­scri­to, da re­ci­ta­re nel ca­so in cui la bam­bi­na ve­nis­se presa dai fon­da­men­ta­li­sti in­dù. È co­me se noi de­ci­des­si­mo di im­pa­ra­re a me­mo­ria dei ver­set­ti del Co­ra­no nell’even­tua­li­tà di fi­ni­re ostag­gi dell’Isis. Nel romanzo, e in Kash­mir, i mu­sul­ma­ni so­no vit­ti­me del fa­na­ti­smo in­dù, e ciò che vie­ne ad­di­ta­to co­me ter­ro­ri­smo è in real­tà una for­ma di re­si­sten­za. Sem­bra uno stra­no ri­bal­ta­men­to di que­sti tem­pi.

«Le per­so­ne co­mu­ni che vi­vo­no in oc­ci­den­te so­no scher­ma­te dal­le guer­re che i lo­ro go­ver­ni han­no por­ta­to in al­tri Pae­si. Non è colpa lo­ro. (Roy si vol­ta ver­so la fi­ne­stra, ndr). Oba­ma vie­ne ce­le­bra­to an­che se ha sgan­cia­to de­ci­ne di mi­glia­ia di bom­be. Noi non riu­scia­mo nep­pu­re a im­ma­gi­na­re che co­sa sa­reb­be una bom­ba qui. Lo stes­so ac­ca­de in In­dia. La gen­te co­mu­ne è scher­ma­ta da ciò che il go­ver­no fa al­tro­ve. In Kash­mir ci so­no cin­que­cen­to­mi­la sol­da­ti in aree ci­vi­li, da vent’an­ni. È ov­vio che la gen­te di­ven­ta ra­di­ca­le quan­do ha fu­ci­li e car­ri ar­ma­ti con­ti­nua­men­te pun­ta­ti con­tro. Av­vie­ne un pro­ces­so di “stu­pi­di­fi­ca­zio­ne” (un ter­mi­ne che vie­ne co­nia­to all’in­ter­no del romanzo, ndr). La stu­pi­di­fi­ca­zio­ne del mon­do è un pro­ble­ma mol­to se­rio, da ogni par­te».

Am­rik Sin­gh, il tor­tu­ra­to­re, si ri­fu­gia ne­gli Sta­ti Uni­ti e co­strui­sce una nar­ra­zio­ne del tut­to di­ver­sa da quel­la rea­le, una nar­ra­zio­ne al­la qua­le la gen­te crede.

«Ie­ri, sull’ae­reo, sta­vo guar­dan­do que­sto film, I Am Not Your Ni­gro (trat­to da Re­mem­ber This Hou­se del­lo scrit­to­re afroa­me­ri­ca­no Ja­mes Bald­win, ndr). Il film ti la­scia con una do­man­da: quan­to è fa­ci­le co­strui­re del­le nar­ra­zio­ni bel­lis­si­me che sem­pli­ce­men­te igno­ra­no ciò che sta suc­ce­den­do? Per­so­ne me­ra­vi­glio­se, tut­te bion­de, man­gia­no corn­fla­kes e bal­la­no il tip tap, men­tre l’or­ro­re del raz­zi­smo va avan­ti. In In­dia la gen­te può leg­ge­re Il dio del­le pic­co­le co­se e di­re: “È un bel­lis­si­mo li­bro sui bam­bi­ni. Non par­lia­mo del­le ca­ste, pe­rò. Non par­lia­mo del fat­to che la sta­tua di un sol­da­to da­lit (un in­toc­ca­bi­le, ndr) che im­pu­gna una pi­sto­la non può es­se­re tol­le­ra­ta per­ché su­sci­ta stra­ne idee. De­ca­pi­tia­mo la sta­tua, fac­cia­mo spa­ri­re la pi­sto­la”. Una sta­tua! È mol­to fa­ci­le spez­zet­ta­re la ve­ri­tà in tan­ti te­mi per na­scon­de­re il quadro com­ple­to».

Se la pren­de an­che con i gior­na­li­sti. Il per­so­nag­gio di Na­ga sem­bra in­car­na­re uno di que­gli «at­ti­vi­sti ac­cet­ta­bi­li» di cui par­la al­tro­ve.

«C’è un pro­ble­ma enor­me nel mo­do in cui i me­dia so­no strut­tu­ra­ti og­gi, quan­do una com­pa­gnia mi­ne­ra­ria p o s s i e d e i mag­gi o r i g i o r n a l i d e l Pa e s e , q u a n d o un’azien­da pe­trol­chi­mi­ca è pro­prie­ta­ria di ven­ti­set­te ca­na­li te­le­vi­si­vi di notizie, quan­do più del no­van­ta per­cen­to dei ri­ca­vi di un gior­na­le de­ri­va dal­la pub­bli­ci­tà. Nel mi­nu­to esat­to in cui quel gior­na­le di­ce qual­co­sa con­tro una gran­de com­pa­gnia, que­sta ri­ti­ra la pub­bli­ci­tà e il gior­na­le è fi­ni­to. Non è il sin­go­lo gior­na­li­sta, è la strut­tu­ra che non fun­zio­na».

In tut­ta que­sta in­giu­sti­zia, in tut­ta que­sta vio­len­za, per­ché que­sto ti­to­lo, «Il mi­ni­ste­ro del­la su­pre­ma fe­li­ci­tà»?

«Per­ché l’im­pre­sa più ra­di­ca­le che dob­bia­mo com­pie­re ades­so è di ri­de­fi­ni­re da ca­po quel­la che ci è sta­ta ser­vi­ta co­me la ri­cet­ta per la fe­li­ci­tà».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.