Le me­mo­rie (leg­ge­re) di Adria­na (Asti)

La Lettura - - Maschere Teatro - Di EMI­LIA COSTANTINI

L’at­tri­ce met­te in sce­na se stes­sa, an­zi se stes­sa e il suo dop­pio: «Un bi­lan­cio esi­sten­zia­le in­vo­lon­ta­rio. Il tea­tro è co­me il de­ser­to per i be­dui­ni e il ma­re per i ma­ri­nai. Per me è an­che il mo­do per es­se­re un’al­tra»

«Il tea­tro è co­me il de­ser­to per i be­dui­ni o il ma­re per i ma­ri­nai: non si do­man­da­no più per­ché so­no lì sul­la sab­bia o in ma­re... ci re­sta­no e ba­sta. Quel­li che fanno tea­tro non pos­so­no più ab­ban­do­na­re il pal­co­sce­ni­co». La nuo­va av­ven­tu­ra sce­ni­ca di Adria­na Asti par­te dal suo li­bro Ri­cor­da­re e di­men­ti­ca­re (Por­ta­pa­ro­le edi­to­re, 2016), un di­ver­ten­te pam­phlet do­ve l’at­tri­ce rie­vo­ca fat­ti e per­so­nag­gi del­la sua lun­ga car­rie­ra, ini­zia­ta quan­do da ra­gaz­zet­ta «vo­le­vo sem­pli­ce­men­te an­dar­me­ne di ca­sa».

Na­sce così Me­mo­rie di Adria­na che de­but­ta il pri­mo lu­glio al Tea­tro Ca­io Me­lis­so, per il Fe­sti­val di Spo­le­to, con la re­gia di An­drée Ru­th Sham­mah. Il ti­to­lo ri­fà il ver­so, con la con­sue­ta au­toi­ro­nia che con­trad­di­stin­gue la pro­ta­go­ni­sta, al gran­de suc­ces­so che fu in­ter­pre­ta­to da Gior­gio Al­ber­taz­zi dal ro­man­zo di Mar­gue­ri­te Your­ce­nar. Quel­le, pe­rò, era­no le me­mo­rie dell’im­pe­ra­to­re Adria­no. «Io for­se so­no un’im­pe­ra­tri­ce man­ca­ta — scher­za la Asti —. Con­fes­so che mi pia­ce­reb­be es­ser­lo sta­ta, ma mi ren­do con­to che de­si­de­ra­re una ro­ba del ge­ne­re è lo stes­so che de­si­de­ra­re di es­se­re una me­rin­ga. Le mie — ag­giun­ge — so­no me­mo­rie leg­ge­re e la ci­ta­zio­ne del ti­to­lo il­lu­stre è una sem­pli­ce ci­vet­te­ria». Ma esi­ste qual­che nes­so con lo spet­ta­co­lo che de­but­tò qua­si trent’anni fa a Vil­la Adria­na? «As­so­lu­ta­men­te no. Io non ho mai vi­sto quel­la me­mo­ra­bi­le in­ter­pre­ta­zio­ne di Al­ber­taz­zi, pur sa­pen­do che si è trat­ta­to di una sto­ri­ca mes­sin­sce­na. In­tan­to il mio non è un mo­no­lo­go». L’idea è in­fat­ti di met­te­re a con­fron­to Adria­na e il suo dop­pio.

Lo spet­ta­co­lo sta per co­min­cia­re, si ac­cen­do­no le lu­ci, sul fon­do si in­tra­ve­de la por­ta di un ca­me­ri­no. Un fa­ro an­nun­cia l’en­tra­ta del­la pro­ta­go­ni­sta che non av­vie­ne. Si­len­zio as­so­lu­to, non suc­ce­de nul­la: «Chiu­sa in ca­me­ri­no c’è “l’at­tri­ce”, cioè io — spie­ga la Asti — che non è vi­sta dal pub­bli­co per­ché si sta truc­can­do, cioè pre­pa­ran­do per usci­re, di lì a po­co, al­la ri­bal­ta e re­ci­ta­re il suo ruo­lo. In pal­co­sce­ni­co ci so­no io, ve­sti­ta da “si­pa­rio”, di vel­lu­to ros­so con fran­ge do­ra­te. E con me, ci so­no il di­ret­to­re di sce­na, l’am­mi­ni­stra­to­re di com­pa­gnia e pu­re un am­mi­ra­to­re, che ogni tan­to in­ter­vie­ne dal­la pla­tea».

È pro­prio il di­ret­to­re che, all’ini­zio del­lo spet­ta­co­lo, com­pa­re dal­la quin­ta ri­vol­gen­do­si agli spet­ta­to­ri e fa­cen­do un cen­no di scu­se, poi in­die­treg­gia len­ta­men­te, sor­ri­den­do a ri­pe­ti­zio­ne. Bus­sa al­la por­ta del ca­me­ri­no. Nes­su­no ri­spon­de. Bus­sa di nuo­vo, apre la por­ta, en­tra in ca­me­ri­no. Pas­sa­no al­cu­ni istan­ti. Il di­ret­to­re esce dal ca­me­ri­no, ri­chiu­de la por­ta e ri­vol­gen­do­si al­la pla­tea esor­di­sce ner­vo­so: «Si­gno­ri, non so co­me scu­sar­mi. La si­gno­ra Asti non può, non vuo­le... So­no spia­cen­te di co­mu­ni­car­vi che Me­mo­rie di Adria­na non po­trà an­da­re in sce­na a cau­sa di una osti­na­ta in­di­spo­si­zio­ne dell’at­tri­ce». Si al­za l’am­mi­ra­to­re e chie­de: «Mi scu­si, ma quin­di lo spet­ta­co­lo è so­spe­so?». Ri­spon­de im­ba­raz­za­to il di­ret­to­re di sce­na: «Sì, per ora... so­no de­so­la­to... Suc­ce­de che a vol­te una por­ta ri­man­ga chiu­sa, ma ma­ga­ri chis­sà... poi si ria­pre».

Il si­pa­rio sta per ca­la­re, quan­do una ma­no ne af­fer­ra un lem­bo e com­pa­re un vol­to bian­co, gli oc­chi gran­di. È A., il «dop­pio», che esor­di­sce di­cen­do al pub­bli­co: «Sie­te an­co­ra tut­ti qui, ave­te fat­to be­ne ad aspet­ta­re. Lei non ver­rà, la co­no­sco be­ne, me­glio di quan­to si co­no­sca lei. Non ha mai avu­to al­cu­na in­cli­na­zio­ne a mo­strar­si: le poe­sie di Na­ta­le da bam­bi­na le re­ci­ta­va die­tro una por­ta! Ma sta­se­ra pos­sia­mo fa­re a me­no del­le sue pa­ro­le. Ci so­no le mie... For­se lei è mor­ta... Lei che par­la sem­pre del­la morte che non le fa pau­ra, sa­rà mor­ta dav­ve­ro. Mor­ta in ca­me­ri­no...».

A que­sto pun­to del­la con­ver­sa­zio­ne con

Adria­na Asti in­ter­vie­ne la Sham­mah: «Adria­na si con­fron­ta con un’al­tra se stes­sa con cui ri­va­leg­gia, ne rac­con­ta pre­gi e so­prat­tut­to i di­fet­ti. L’Adria­na-si­pa­rio par­la e spar­la di quel­la chiu­sa in ca­me­ri­no. Più che uno spet­ta­co­lo, sem­bra una se­du­ta psi­coa­na­li­ti­ca».

D’al­tron­de la Asti ha sem­pre pra­ti­ca­to tea­tro e psi­coa­na­li­si: è in­fat­ti no­ta la sua lun­ga fre­quen­ta­zio­ne con Ce­sa­re Mu­sat­ti, di cui è sta­ta pa­zien­te per più di trent’anni. «Sì, ma lui ve­ni­va a ve­de­re i miei spet­ta­co­li: o si met­te­va se­du­to in pri­ma fi­la op­pu­re die­tro le quin­te, in­vi­si­bi­le al pub­bli­co ma non a me... E così re­ci­ta­vo con il mio psi­coa­na­li­sta in pal­co­sce­ni­co. Lo ve­de­vo lì, con la co­da dell’oc­chio, ma i miei colleghi ac­cet­ta­va­no que­sta stra­nez­za del­la mia vi­ta, del mio la­vo­ro, del­la mia analisi... Il mio psi­coa­na­li­sta era ado­ra­bi­le e su­bli­me». Il con­cet­to del «dop­pio» ri­cor­re spes­so nel­le pa­ro­le di Adria­na che non ha mai fat­to mi­ste­ro di aver vo­lu­to fa­re tea­tro so­lo per con­dur­re un’al­tra vi­ta ri­spet­to a quel­la che, con ogni pro­ba­bi­li­tà, le era sta­ta de­sti­na­ta: «La co­sa più bel­la è il fat­to di es­se­re in un luo­go che non esi­ste! Il tea­tro ha sem­pre sod­di­sfat­to il mio bi­so­gno di per­fet­ta so­li­tu­di­ne. Mi ha sem­pre af­fa­sci­na­to, per esem­pio, il tea­tro de­ser­to, il pal­co­sce­ni­co vuo­to, le pol­tro­ne nel buio... Quan­do ero agli esor­di, ci an­da­vo an­che quan­do non si re­ci­ta­va. Ar­ri­va­vo pri­ma di tut­ti gli al­tri per go­der­mi il si­len­zio... In­som­ma, lo spet­ta­co­lo in sé non mi in­te­res­sa­va per nien­te, vi­sto che non ave­vo il mi­ni­mo ta­len­to». Ec­ces­so di umil­tà? «No, è la ve­ri­tà. Tut­ta­via, si ca­pi­va che ero in at­te­sa del­la mia oc­ca­sio­ne... For­se spe­ra­vo che la pro­ta­go­ni­sta di una pro­du­zio­ne im­por­tan­te si am­ma­las­se, per rim­piaz­zar­la».

L’oc­ca­sio­ne giu­sta si ma­te­ria­liz­zò: «En­zo Bia­gi ave­va scrit­to una com­me­dia, Noi mo­ria­mo sot­to

la piog­gia, de­sti­na­ta ad An­drei­na Pa­gna­ni, gran­de at­tri­ce che pe­rò era avan­ti con gli anni, e così la pro­po­se­ro a me». E una se­ra, in pla­tea, c’era Gior­gio Stre­hler, «che mi scrit­tu­rò per il Pic­co­lo, ma io con­ti­nua­vo a chie­der­mi: de­vo dav­ve­ro fa­re que­sto me­stie­re?». Tant’è: Me­mo­rie di Adria­na è in qual­che mo­do un bi­lan­cio esi­sten­zia­le? «In­vo­lon­ta­rio — ri­bat­te l’at­tri­ce — fat­to così, per di­ver­tir­mi e di­ver­ti­re. Non amo rac­con­ta­re i miei ri­cor­di, pre­fe­ri­sco di­men­ti­car­li: non ho me­mo­ria, il pas­sa­to e l’av­ve­ni­re so­no la stes­sa co­sa, so­no am­mi­ra­tri­ce del futuro. Alberto Mo­ra­via — pro­se­gue — di­ce­va che odia­va tal­men­te il pas­sa­to, che non riu­sci­va nem­me­no a fa­re mar­cia in­die­tro con la sua au­to­mo­bi­le... e in­fat­ti gui­da­va ma­lis­si­mo... Di­cia­mo che sta­vol­ta — ag­giun­ge — fac­cio fin­ta di pren­der­mi sul se­rio».

In­fat­ti, nel­lo spet­ta­co­lo, si ri­per­cor­re un po’ tut­ta la car­rie­ra. «Sì, pe­rò non rac­con­to la mia, ma quel­la dell’“al­tra” che sta chiu­sa in ca­me­ri­no e che, pro­ba­bil­men­te, non ha il co­rag­gio di ve­ni­re fuo­ri... Noi at­to­ri — ri­flet­te — non sap­pia­mo mai chi sia­mo, il no­stro è un me­stie­re che si ri­pe­te all’in­fi­ni­to e la co­sa che mi rie­sce me­glio è l’ozio, pos­so pra­ti­car­lo in ma­nie­ra im­pec­ca­bi­le, pos­so tran­quil­la­men­te non fa­re nien­te, è la co­sa che mi rie­sce me­glio, per­ché non ho l’an­sia di es­ser­ci». Qual­che rim­pian­to? «Per ca­ri­tà! Non fan­ta­sti­co mai su per­so­nag­gi né su pos­si­bi­li piè­ce tea­tra­li che avrei po­tu­to in­ter­pre­ta­re. Ades­so, poi, so­no di­ven­ta­ta au­ti­sti­ca: non pos­so sop­por­ta­re de­gli sco­no­sciu­ti in tour­née... In pal­co­sce­ni­co è tan­to dif­fi­ci­le con­di­vi­de­re... So­no trop­po vecchia per sop­por­ta­re, ma­ga­ri, un re­gi­sta ti­ran­no e non ho più l’età per fa­re la par­te del­la vit­ti­ma». Pe­rò in tea­tro con­ti­nua a re­star­ci: «Cer­to! Ma per­ché è un mo­do per es­se­re un’al­tra, di­ver­sa da me stes­sa... Ogni vol­ta è co­me an­dar­me­ne via... Cre­do — con­clu­de — che an­che in pun­to di morte, se co­scien­te, sa­rò di buon umo­re».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.