Il Ne­ro­ne di Ru­sh­die nar­ra l’asce­sa di Trump

«La Let­tu­ra» ha po­tu­to leg­ge­re in an­te­pri­ma il do­di­ce­si­mo ro­man­zo, «The Gol­den Hou­se», del­lo scrit­to­re an­gloin­dia­no, new­yor­che­se d’ado­zio­ne, che usci­rà a set­tem­bre in Usa, Re­gno Uni­to e In­dia e poi in Ita­lia. Una sto­ria che si con­su­ma tra l’inau­gu­ra­zio­ne

La Lettura - - Il Dibattito Delle Idee - Di MAT­TEO PERSIVALE

Il No­ve­cen­to è sta­to il «se­co­lo ame­ri­ca­no» ma so­no sta­ti po­chis­si­mi, al­me­no nel Do­po­guer­ra, gli scrit­to­ri in­te­res­sa­ti a rac­con­tar­ci quel­li che Go­re Vi­dal — con sin­te­ti­co sar­ca­smo, co­me pia­ce­va a lui — de­fi­nì «i no­stri pa­dro­ni». Pro­prio Vi­dal rac­con­tò i pa­dro­ni del­la po­li­ti­ca at­tra­ver­so i suoi ro­man­zi sto­ri­ci, e sui pa­dro­ni dell’eco­no­mia ab­bia­mo i ro­man­zi di Louis Au­chin­closs (1917-2010; pur­trop­po se­mi­sco­no­sciu­to in Ita­lia, da noi Fa­zi ha tra­dot­to L’im­bro­glio­ne) e quel­li di Tom Wol­fe (che, pe­ral­tro, al con­tra­rio dell’ico­no­cla­sta Vi­dal e del mo­de­ra­to Au­chin­closs, fa aper­ta­men­te il ti­fo per i ric­chi).

È bel­lo che un new­yor­che­se adot­ti­vo, l’an­gloin­dia­no Sal­man Ru­sh­die, che da qua­si un ven­ten­nio abi­ta a po­chi pas­si da Union Squa­re, si sia pre­so que­sta re­spon­sa­bi­li­tà al­la so­glia dei set­tant’an­ni. Nel suo do­di­ce­si­mo ro­man­zo che usci­rà a set­tem­bre si­mul­ta­nea­men­te in Sta­ti Uni­ti, Re­gno Uni­to, In­dia — The Gol­den Hou­se (Ran­dom Hou­se) — Ru­sh­die rac­con­ta una sto­ria a ca­val­lo tra l’inau­gu­ra­zio­ne di Ba­rack Oba­ma (gen­na­io 2009) e l’ele­zio­ne di Do­nald Trump (no­vem­bre 2016).

Pro­prio a Oba­ma e al suo in­se­dia­men­to al­la Ca­sa Bian­ca Ru­sh­die de­di­ca l’in­ci­pit che è uno dei nu­me­ro­sis­si­mi pez­zi di bra­vu­ra di que­sto li­bro e ri­cor­da Edi­th Whar­ton: «Nel gior­no dell’in­se­dia­men­to del nuo­vo pre­si­den­te, quan­do te­me­va­mo che ve­nis­se as­sas­si­na­to men­tre cam­mi­na­va, ma­no nel­la ma­no con la sua straor­di­na­ria mo­glie, tra la fol­la che lo ac­cla­ma­va, e quan­do co­sì tan­ti di noi era­no pros­si­mi al­la ro­vi­na a cau­sa del­lo scop­pio del­la bol­la im­mo­bi­lia­re, e quan­do Isis era an­co­ra una dea egi­zia, un set­tan­ten­ne re sen­za co­ro­na ar­ri­vò a New York da una ter­ra lon­ta­na con tre fi­gli sen­za ma­dre, e pre­se pos­ses­so del pa­laz­zo del suo esi­lio com­por­tan­do­si co­me se non ci fos­se nul­la di stra­no nel Pae­se, nel mon­do, e nel­la sua sto­ria».

Que­sto mi­liar­da­rio stra­nie­ro, os­ses­sio­na­to dall’an­ti­ca Ro­ma (una del­le tre epi­gra­fi con le qua­li Ru­sh­die apre il ro­man­zo vie­ne dal­le Let­te­re di Pli­nio il gio­va­ne: l’au­to­re non dà il ri­fe­ri­men­to, lo ag­giun­gia­mo noi: II, 20, a Cal­vi­sio) si chia­ma — o me­glio si fa chia­ma­re — Ne­ro Gol­den. Un Ne­ro­ne che co­min­cia a go­ver­na­re il pic­co­lo com­ples­so re­si­den­zia­le di lus­so del Gree­n­wi­ch Vil­la­ge, The Gar­dens (esi­ste ve­ra­men­te ed è qua­si in­vi­si­bi­le ai pas­san­ti, Ru­sh­die l’ha co­no­sciu­to gra­zie al pit­to­re Fran­ce­sco Cle­men­te che ci abi­ta) «co­me un im­pe­ra­to­re be­ne­vo­lo». Ne­ro ama il vio­li­no (un Gua­da­gni­ni del 1745): pri­mo in­di­zio che ci dà Ru­sh­die sen­za trop­pa sot­ti­gliez­za, Ne­ro­ne che suo­na nel­la capitale dell’im­pe­ro — qual­co­sa pri­ma o poi bru­ce­rà. Il Ne­ro­ne di Ru­sh­die è pic­co­lo, tar­chia­to, i ca­pel­li scu­ri pet­ti­na­ti all’in­die­tro e te­nu­ti fer­mi dal­la bril­lan­ti­na che ac­cen­tua la stem­pia­tu­ra, gli avam­brac­ci pos­sen­ti da lot­ta­to­re, gli anel­li di sme­ral­do, gli abi­ti del sar­to. I suoi tre fi­gli so­no Pe­tya, so­li­ta­rio e ge­nia­le e sof­fe­ren­te di una for­ma di au­ti­smo che gli im­pe­di­sce di usci­re di ca­sa; Apu, l’ar­ti­sta, e D., iden­ti­fi­ca­to sol­tan­to dall’ini­zia­le per mo­ti­vi che di­ven­te­ran­no sem­pre più chia­ri an­dan­do avan­ti con la let­tu­ra (ci so­no tan­te sor­pre­se in que­sto ro­man­zo che ri­ve­lar­le in an­ti­ci­po sa­reb­be un im­per­do­na­bi­le boi­cot­tag­gio ver­so i let­to­ri). Si ag­giun­ge­rà una re­gi­na, Va­si­li­sa. Rus­sa, per­ché sia­mo nel­la New York del nuo­vo mil­len­nio.

Chi è davvero Ne­ro? Da do­ve vie­ne? Per­ché è fug­gi­to? E la mo­glie? Qual è la sor­gen­te del­la sua ric­chez­za? Ru­sh­die si di­ver­te a sve­lar­ci tut­to ca­pi­to­lo do­po ca­pi­to- lo, e ci rac­con­ta la sto­ria di que­sto an­zia­no Ga­tsby in fu­ga at­tra­ver­so gli oc­chi del suo Nick Car­ra­way, il vi­ci­no di ca­sa dei Gol­den, Re­né, che vuo­le gi­ra­re un film sul­la fa­mi­glia pro­prio men­tre un al­tro mi­liar­da­rio di New York de­ci­de di can­di­dar­si al­la Ca­sa Bian­ca.

L’amo­re, il ter­ro­ri­smo, gli oli­gar­chi rus­si, il ci­ne­ma, le fa­ke news e il ruo­lo del­la ve­ri­tà in una so­cie­tà nel­la qua­le, co­me ha scrit­to Brian Klaas (au­to­re di uno dei sag­gi più in­te­res­san­ti usci­ti que­st’an­no, The De­spot’s Ac­com­pli­ce: How the We­st is Ai­ding and Abet­ting the De­cli­ne of De­mo­cra­cy, Oxford University Press), «la de­mo­cra­zia si sta cor­ro­den­do per­ché è ba­sa­ta sul­la con­di­vi­sio­ne di cer­ti fat­ti fon­da­men­ta­li da par­te dei cit­ta­di­ni» (Klaas com­men­ta­va co­sì il son­dag­gio se­con­do il qua­le me­tà de­gli elet­to­ri di Trump pen­sa­no che lui ab­bia vin­to il vo­to po­po­la­re a no­vem­bre, quan­do in real­tà Hil­la­ry Clin­ton ha pre­so tre mi­lio­ni di vo­ti in più). Ru­sh­die af­fron­ta te­mi pe­san­tis­si­mi con il do­no del­la leg­ge­rez­za non sen­za una cer­ta in­co­scien­za, gra­zie al suo ta­len­to nel rac­con­ta­re sto­rie (non sor­pren­de che il suo li­bro pre­fe­ri­to sia Le mil­le e una not­te).

Tra i mol­ti do­ni di na­tu­ra ri­ce­vu­ti dal so­pra­no ame­ri­ca­no Ka­thleen Bat­tle — da­gli an­ni Set­tan­ta ai No­van­ta fu una del­le can­tan­ti d’ope­ra più am­mi­ra­te — c’era quel­lo, pre­zio­sis­si­mo, di far sem­bra­re tut­to fa­ci­le. Le arie più dif­fi­ci­li stu­dia­te e mes­se a pun­to pro­va do­po pro­va con at­ten­zio­ne ma­nia­ca­le: una vol­ta in sce­na tut­to quel la­vo­ro, nel­la lu­ce del suo can­to, sem­bra­va in­ve­ce una co­sa na­tu­ra­le. Co­me re­spi­ra­re. Ru­sh­die ha ri­ce­vu­to lo stes­so do­no: quel­lo di far sem­bra­re fa­ci­li, a noi let­to­ri, le co­se più dif­fi­ci­li. Da gio­va­ne ha usa­to il ta­len­to per pro­vo­ca­re: pri­ma dei Ver­si sa­ta­ni­ci che gli val­se­ro nel 1989 una fat­wa dell’aya­tol­lah Kho­mei­ni, Ru­sh­die ave­va in­cas­sa­to con I fi­gli del­la mez­za­not­te, il suo se­con­do ro­man­zo, una que­re­la di In­di­ra Gan­d­hi e l’astio di suo pa­dre che si era ri­vi­sto in un per­so­nag­gio, il pa­dre del pro­ta­go­ni­sta, de­scrit­to in mo­do as­sai po­co lu­sin­ghie­ro. E il ter­zo ro­man­zo di Ru­sh­die, La ver­go­gna, era sta­to mes­so al ban­do in Pa­ki­stan (do­po la fat­wa ira­nia­na, il Pa­ki­stan ha ban­di­to, fi­si­ca­men­te, an­che Ru­sh­die — da al­lo­ra non può en­tra­re nel Pae­se, do­ve pe­ral­tro per mol­ti an­ni ha vis­su­to sua ma­dre).

I ver­si sa­ta­ni­ci ov­via­men­te di­vi­do­no la sua vi­ta — e la sua car­rie­ra — in due: da gio­va­ne pro­vo­ca­to­re di ta­len­to a scrit­to­re in fu­ga da una con­dan­na a mor­te ir­re­vo­ca-

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.