Scac­cia­re il do­lo­re a pic­co­li pas­si dal­la me­mo­ria pro­fon­da del cor­po

La Lettura - - Libri -

Per de­cen­ni il cor­po si è eclis­sa­to da­gli stu­di de­gli psi­co­te­ra­peu­ti, so­prat­tut­to co­gni­ti­vi­sti e psi­coa­na­li­sti. Fa­ce­va­no par­la­re i pa­zien­ti so­prat­tut­to, an­che se noi co­gni­ti­vi­sti in­si­ste­va­mo su­gli eser­ci­zi com­por­ta­men­ta­li. Que­sta sor­ta di estre­mi­smo del ver­bo non po­te­va du­ra­re a lun­go. Il do­lo­re si scri­ve nel­la me­mo­ria so­ma­ti­ca pri­ma an­co­ra che nei ri­cor­di au­to­bio­gra­fi­ci, e dal cor­po va scac­cia­to. Po­chi an­ni fa so­no re­la­to­re a un con­gres­so: tra gli spea­ker c’è Pat Og­den, au­tri­ce con Ja­ni­na Fi­sher del li­bro Psi­co­te­ra­pia sen­so­mo­to­ria (Raf­fael­lo Cor­ti­na, 2016). Mo­stra il video di una se­du­ta con un si­gno­re mol­to spa­ven­ta­to, il suo sor­ri­so cau­to ma­sche­ra un’al­ler­ta pri­mor­dia­le, un ata­vi­co: «Stai lon­ta­na». Vi­ve, mi è chia­ris­si­mo, in un mon­do di pre­da­to­ri. Lei è ad­dos­sa­ta al­la pa­re­te di una gran­de stan­za. Il si­gno­re schie­na al­la pa­re­te op­po­sta. Lei, do­po aver­gli chie­sto il per­mes­so, fa un pas­so. E gli do­man­da per fi­lo e per se­gno qua­li sia­no le sen­sa­zio­ni cor­po­ree. «È ok». Un al­tro pas­so. An­co­ra ok. Un al­tro an­co­ra, ci sa­ran­no tre me­tri tra i due. «Ec­co, ora non sto tan­to be­ne». Lei sor­ri­de, aspet­ta un at­ti­mo e gli chie­de se de­ve fa­re un pas­so in­die­tro. «Sì, me­glio di sì». Quel­lo che ve­do mi pia­ce. Con un pa­zien­te co­me quel­lo puoi par­la­re per me­si del­la sua dif­fi­col­tà al con­tat­to e del suo ter­ro­re istin­ti­vo. Per­den­do tem­po. In­ve­ce con quei pas­si pro­gres­si­vi ot­tie­ni di riat­ti­va­re gli sche­mi: «So­no fra­gi­le, l’al­tro è mi­nac­cio­so», e di far­gli sco­pri­re po­co per vol­ta che non so­no ve­ri. Ma è il cor­po che lo av­ver­te. Il te­ra­peu­ta chie­da: «È ca­la­ta la ten­sio­ne?» e ascol­ti il «Sì». In quel mo­men­to lo sche­ma è di­sat­ti­va­to. Un uo­mo ha la­scia­to un mon­do di ret­ti­li gi­gan­ti ed è sal­ta­to nel­la real­tà.

Il sag­gio di Pat Og­den e Ja­ni­na Fi­sher, edi­to da Raf­fael­lo Cor­ti­na

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.