Ca­ro ami­co, ti scri­vo e ti chie­do: com’è Dio?

Lo scam­bio tra due gran­di poe­ti in dia­let­to: Bia­gio Ma­rin, scom­par­so nell’85, e Fran­co Loi

La Lettura - - Libri Poesia - Di DA­NIE­LE PICCINI

Èil 29 giu­gno 1981 e a Gra­do si ce­le­bra­no i no­vant’an­ni del poe­ta dell’iso­la: Bia­gio Ma­rin. Ad ascol­tar­lo par­la­re e tes­se­re una sor­ta di lo­de del­lo Spi­ri­to San­to c’è an­che Fran­co Loi. Ma­rin, na­to nel 1891, è al­la fi­ne del­la sua gior­na­ta, sep­pu­re an­co­ra pro­li­fi­co in poe­sia. Loi, na­to nel 1930, mi­la­ne­se d’ado­zio­ne, è nel mo­men­to cul­mi­nan­te dell’at­ti­vi­tà: il suo esor­dio è av­ve­nu­to ne­gli an­ni Set­tan­ta e pro­prio nel 1981 esce la pri­ma par­te del poe­ma L’an­gel. Tor­na­to a ca­sa, Loi sen­te il bisogno di scri­ve­re al vec­chio poe­ta. Gli con­fes­sa di aver sen­ti­to espri­me­re da lui i suoi stes­si pen­sie­ri: «E in­fat- ti in­sie­me fre­quen­tia­mo Dio. Ec­co, for­se que­sto an­ti­co “es­se­re fra­tel­li in Dio”».

È l’ini­zio di una cor­ri­spon­den­za che ac­com­pa­gne­rà i due fi­no al 1985, an­no del­la mor­te di Ma­rin. So­no, in tut­to, una tren­ti­na di let­te­re per cia­scu­no. Il car­teg­gio, che si può leg­ge­re nell’edi­zio­ne a cu­ra di Ed­da Ser­ra (Fran­co Loi, Bia­gio Ma­rin, Let­te­re 1981-1985, Fa­bri­zio Ser­ra Edi­to­re: vi si se­gna­la­no al­cu­ni re­fu­si), ha un to­no in­ti­mo ed ele­va­to. Non per nul­la Ma­rin ave­va scrit­to tan­ti an­ni pri­ma nei suoi dia­ri: «Gli uo­mi­ni mi mor­ti­fi­ca­no e mi con­fon­do­no! […] Non li ca­pi­sco e non li amo se non quan­do so­no del­la mia spe­cie sen­si­bi­le e con­tem­pla­ti­va».

Pro­prio di ta­le spe­cie è Loi, che av­via in­fat­ti la lo­ro con­ver­sa­zio­ne sul te­ma del­la fra­ter­ni­tà in Dio. Ma­rin, che è or­mai cie­co (det­ta le let­te­re all’ami­co Fran­co Lau­to), ave­va det­to in poe­sia: «Me t’amo mor­te va­ga­bon­da/ tu fior de nostra vi­ta/ per­ché tu por­ti dri­ta / ne la no­te de Dio che xe più fon­da». E co­sì lo sguar­do tut­to in­te­rio­re si fis­sa sul «mar de l’eter­no» (un suo ti­to­lo) e lui può sen­ti­re (let­te­ra del 30 di­cem­bre 1981) «que­sta di­vi­ni­tà me­ra­vi­glio­sa che non smet­te mai di can­ta­re di suo­na­re di ri­ve­lar­si in con­ti­nue me­lo­dio­si­tà az­zur­ri­ne».

Ma­rin av­ver­te for­te la vo­ce dell’Al­tro e in­sie­me l’in­ca­pa­ci­tà a espri­mer­la nel can­to: chie­de qua­si aiu­to al più gio­va­ne ami­co, il qua­le lo ras­si­cu­ra e lo in­trat­tie­ne, al di là del­le dif­fe­ren­ze, in­tor­no al­la «fan­ciul­le­sca fe­de in Qual­cu­no che tutt’e due fa­ti­chia­mo a ve­ne­ra­re».

Dif­fe­ren­ze in­fat­ti ce ne so­no: tut­to te­so al­lo sper­di­men­to nel ma­re di­vi­no — inef­fa­bi­le, al di fuo­ri di ogni isti­tu­zio­ne — l’an­zia­no poe­ta; più le­ga­to al­la fi­gu­ra di Cri­sto e al so­gno di una co­mu­ni­tà fra­ter­na Loi. Più fi­du­cio­so nell’uma­ne­si­mo Ma­rin; più cri­ti­co, con ac­cen­ni mar­xi­sti, ver­so un uma­ne­si­mo sen­ti­to co­me chiu­su­ra e in­tel­let­tua­li­smo Loi. È nel mi­ste­ro di Dio che mol­te di que­ste let­te­re si av­ven­tu­ra­no, co­steg­gian­do il lin­guag­gio mi­sti­co (Dio per Ma­rin è il poe­ta). Ep­pu­re c’è spa­zio an­che per l’ope­ra e il suo ruo­lo nel mon­do.

Sia Ma­rin che Loi so­no sta­ti ac­col­ti nell’an­to­lo­gia di Men­gal­do Poe­ti ita­lia­ni del No­ve­cen­to (Mon­da­do­ri, 1978). Ma Ma­rin sen­te, con qual­che om­bro­si­tà, quel­le che con­si­de­ra «le ri­ser­ve men­ta­li» del cri­ti­co. La com­pren­sio­ne di una poe­sia, di­ce, è «fe­li­ci­tà d’in­con­tro»: quel­la che è ca­pi­ta­ta ap­pun­to a lui e al poe­ta de L’an­gel. Che ri­spon­de: «Gli uo­mi­ni non san­no che la poe­sia è la co­sa più al­ta cui un vi­ven­te pos­sa per­ve­ni­re».

FRAN­CO LOI BIA­GIO MA­RIN Let­te­re 1981-1985 A cu­ra di Ed­da Ser­ra FA­BRI­ZIO SER­RA EDI­TO­RE (QUA­DER­NI DEL CEN­TRO STU­DI «BIA­GIO MA­RIN» - 5) Pa­gi­ne 169, € 34

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.