La Cin­que­cen­to in­to­na­ta al cie­lo e al­la cu­ci­na

La Lettura - - Libri Narrativa Italiana - Di CRISTINA TAGLIETTI

Ci so­no in­can­to e in­can­ta­men­to nel nuo­vo ro­man­zo di Giu­sep­pe Lu­po, do­cen­te di let­te­ra­tu­ra ita­lia­na con­tem­po­ra­nea al­la Cat­to­li­ca di Mi­la­no, sag­gi­sta che ha la­vo­ra­to a lun­go sul­la let­te­ra­tu­ra in­du­stria­le ( La let­te­ra­tu­ra al tem­po di Adriano Oli­vet­ti, Fab­bri­ca di car­ta, con Gior­gio Bi­gat­ti) e nar­ra­to­re di un ci­clo di ro­man­zi che han­no rac­con­ta­to un sud do­ve tor­na­re (in par­ti­co­la­re la Lu­ca­nia do­ve è na­to) ric­co di ve­na­tu­re fan­ta­sti­che.

Nel nuo­vo ro­man­zo, Gli an­ni del no­stro in­can­to, che ha la mi­su­ra e il pas­so del­la no­vel­la, Lu­po fa uno scar­to la­te­ra­le ma in per­fet­ta con­ti­nui­tà con i li­bri pre­ce­den­ti. Gli an­ni Ses­san­ta a Mi­la­no, il boom eco­no­mi­co, l’in­du­stria­liz­za­zio­ne che sem­bra es­se­re una pro­mes­sa di pro­gres­so e be­nes­se­re per tut­ti du­re­ran­no fi­no all’ul­ti­mo ali­to del de­cen­nio, quel 12 di­cem­bre 1969 quan­do la bom­ba di piaz­za Fon­ta­na apre la fa­se del­le stra­gi e de­gli an­ni di piom­bo e la cri­si del pe­tro­lio spe­gne le mil­le lu­ci del­la cit­tà.

L’im­ma­gi­ne di una gio­va­ne fa­mi­glia pro­le­ta­ria, in quat­tro su una Ve­spa nel­la Mi­la­no «sbar­lu­scen­ta» di que­gli an­ni, è l’uni­ca co­sa con cui Vit­to­ria rie­sce a ri­sve­glia­re per qual­che mi­nu­to la ma­dre Re­gi­na, coif­feu­se, ca­du­ta in una sor­ta di am­ne­sia il gior­no in cui ve­de la fo­to su un set­ti­ma­na­le fem­mi­ni­le che rie­vo­ca que­gli an­ni for­mi­da­bi­li. È que­sto l’in­can­ta­men­to che l’ha pre­ci­pi­ta­ta nel tor­po­re per­ché ri­cor­da­re quel­le spe­ran­ze tra­di­te è in­sop­por­ta­bi­le ora che il ma­ri­to Lui­gi det­to Luis, un emi­gra­to che ave­va «l’odo­re di Mi­la­no» an­che sul­le ma­ni­che del­la ca­mi­cia, è mor­to a cau­sa di un ic­tus men­tre il fi­glio Bar­to­lo­meo det­to In­dia­no è spa­ri­to tra le pie­ghe del­la Mi­la­no clan­de­sti­na del ter­ro­ri­smo e dei pro­cla­mi na­sco­sti nei co­vi.

Ora la Cin­que­cen­to bian­ca e la cu­ci­na Sal­va­ra­ni az­zur­ri­na che sem­bra­va­no in­to­nar­si co­sì be­ne al­lo spic­chio di cie­lo az­zur­ro che si ve­de­va dall’ap­par­ta­men­to di rin­ghie­ra in via Por­po­ra non rap­pre­sen­ta­no più un pas­sa­por­to per la fe­li­ci­tà. So­no i gior­ni dell’esta­te 1982, quan­do l’Ita­lia in Spa­gna si av­via a di­ven­ta­re cam­pio­ne del mon­do, ep­pu­re in quel­la stan­zet­ta do­ve Re­gi­na è ri­co­ve­ra­ta il pre­sen­te è cri­stal­liz­za­to in un eter­no pas­sa­to.

Quel­lo di Lu­po non è un ro­man­zo so­cio­lo­gi­co ma una bre­ve ca­val­ca­ta sen­ti­men­ta­le con­dot­ta con uno sti­le pia­no e na­tu­ra­le in cui l’ele­men­to fan­ta­sti­co, a lui ca­ro, è ri­dot­to a un sof­fio che agi­ta il quo­ti­dia­no. Se al­le fi­gu­re fem­mi­ni­li lo scrit­to­re at­tri­bui­sce il com­pi­to del rac­con­to e del­la me­mo­ria, a quel­le ma­schi­li ri­ser­va l’azione gio­can­do pe­rò su una dif­fe­ren­zia­zio­ne sa­pien­te. La fi­gu­ra di In­dia­no è vuo­to e as­sen­za, vi­ve e agi­sce nel­le pa­ro­le dei fa­mi­glia­ri, ba­stan­do il ruo­lo di pa­ra­dig­ma di una ge­ne­ra­zio­ne a in­fon­der­gli spes­so­re e vi­ta, men­tre Luis è car­ne e san­gue, bal­li (« se stri­sci i pie­di è ma­zur­ka, se sal­ti è pol­ka»), mec­ca­ni­ca, pro­gres­so e slo­gan («A Mi­la­no si cam­pa a naf­ta e a ci­mi­nie­re, per le vie di Mi­la­no con Api si vo­la, met­ti un ti­gre nel mo­to­re»), ot­ti­mi­smo del­la vo­lon­tà che, pe­rò, non ba­sta con­tro le ra­gio­ni del­la sto­ria.

GIU­SEP­PE LU­PO Gli an­ni del no­stro in­can­to MARSILIO Pa­gi­ne 156, € 16

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.