Il ro­man­zo dà un’al­tra vi­ta

La Lettura - - Libri Pordenonelegge -

Con­fron­to tra due espo­nen­ti di una ge­ne­ra­zio­ne che par­la a ge­ne­ra­zio­ni di­ver­se. «È co­sì, sia­mo dei pri­vi­le­gia­ti: ado­le­scen­za ana­lo­gi­ca e ma­tu­ri­tà di­gi­ta­le. E que­sto ci con­sen­te di usa­re be­ne le chat ma poi di ap­prez­za­re la bel­lez­za di un in­con­tro». «E tut­ta­via quan­do va­do a sca­va­re nel pro­fon­do del­le let­tri­ci ve­do ancora co­se dif­fi­ci­li, don­ne trat­ta­te ma­le, don­ne la­scia­te ad aspet­ta­re...»

del­le no­stre ami­ci­zie ave­va una sal­da­tu­ra di­ver­sa, più pro­fon­da, for­se me­no os­ses­si­va ma col­ti­va­ta con len­tez­za. Ec­co per­ché nell’ul­ti­mo ro­man­zo ho sfi­da­to ancora una vol­ta la cor­ren­te e ho scel­to di rac­con­ta­re una sto­ria di ami­ci­zia tra due don­ne. Chi me lo fa fa­re, di­re­te voi? Ba­sta l’ac­cop­pia­ta «cuo­re/amo­re», un po’ co­me con i pu­glie­si di Lu­ca, per fa­re sol­di e con­ti­nua­re con il suc­ces­so po­po­la­re. Ma so­no una ra­gaz­za de­gli an­ni Ot­tan­ta: so­no co­rag­gio­sa, non ci sto a di­ven­ta­re un cli­ché. È un pat­to con le mie let­tri­ci.

( imi­tan­do l’ac­cen­to to­sca­no di Federica) Io ti guar­do ne­gli oc­chi e ti di­co: vie­ni con me, ti pren­do per ma­no, fi­da­ti di me...

( ri­den­do) scioc­co che sei! Che

A Por­de­no­ne­leg­ge do­ve­te ri­pe­te­re que­sto si­pa­riet­to, è gu­sto­sis­si­mo.

No dai, scher­zi a par­te. Se­con­do me il fat­to che og­gi a scri­ve­re di sen­ti­men­ti sia­mo so­prat­tut­to uo­mi­ni e don­ne di que­sta età (c’è an­che Fa­bio Vo­lo, per ca­pir­ci, ndr) è an­che per­ché la no­stra ge­ne­ra­zio­ne è sta­ta pri­vi­le­gia­ta: ado­le­scen­za ana­lo­gi­ca e ma­tu­ri­tà di­gi­ta­le. Sap­pia­mo usa­re be­ne le chat ma poi ci go­dia­mo la bel­lez­za di un in­con­tro.

Sì, ma la sai una co­sa? Quan­do va­do a sca­va­re nel vis­su­to del­le mie let­tri­ci, con le qua­li ho un rap­por­to mol­to stret­to, ve­do co­se dif­fi­ci­li. Don­ne trat­ta­te ma­le da­gli uo­mi­ni, don­ne la­scia­te ad aspet­ta­re, tran­quil­liz­za­te con un «pre­sto par­le­rò con mia mo­glie, pre­sto sta­re­mo in­sie­me e fa­re­mo fi­gli» che non ar­ri­va mai. E sì che so­no don­ne in­tel­li­gen­ti, col­te, bra­vis­si­me sul la­vo­ro. Ep­pu­re to­tal­men­te di­sar­ma­te sul pia­no sen­ti­men­ta­le.

Co­me se, in que­sti de­cen­ni, ci aves­se­ro edu­ca­te mol­to all’in­di­pen­den­za e... po­co all’amo­re?

Esat­ta­men­te. Ci è man­ca­to un lin­guag­gio. E sia­mo an­che sta­te edu­ca­te po­co a fa­re fi­gli. Spes­so mi chie­do per­ché tan­te don­ne del­la mia età non han­no di­scen­den­za. Cer­to, è una que­stio­ne eco­no­mi­ca. Cer­to, è una que­stio­ne di pau­ra. Ma cre­do che sia an­che per­ché ci è man­ca­to un ca­no­vac­cio pre­ci­so, un mo­del­lo in­te­gro. De­vo ri­cor­dar­vi che in­fan­zia ho avu­to io?

Io se­guo ami­che e let­tri­ci e ve­do che c’è po­ca di­me­sti­chez­za con la fa­mi­glia. Ve­do don­ne bel­lis­si­me an­che ol­tre i qua­ran­ta o i cin­quan­ta, col­go ado­le­scen­ze tar­di­ve che ci fan­no il­lu­de­re: ci con­vin­co­no che non fi­ni­rà mai, ma poi a un cer­to pun­to la na­tu­ra ci ri­cor­da che l’ul­ti­ma pa­ro­la spet­ta a lei.

Io mi so­no ac­cor­ta di quan­to fos­se dif­fi­ci­le la si­tua­zio­ne quan­do ho pub­bli­ca­to Di­men­ti­ca­re uno stron­zo. Il me­to­do de­tox in tre set­ti­ma­ne. Si è aper­to il va­so di Pan­do­ra. Non ci so­no le rot­tu­re che ave­va­no i no­stri ge­ni­to­ri, cioè amo­ri fi­ni­ti do­po an­ni di ma­tri­mo­nio, di sfi­de in­sie­me, di scom­mes­se, spes­so sba­glia­te ma vi­vad­dio scom­mes­se. Og­gi ve­do una spe­cie di spae­sa­men­to col­let­ti­vo. Che fac­cia­mo? Do­ve an­dia­mo? E ora co­me mi com­por­to con que­sto qui?

Per non par­la­re del lin­guag­gio e del­la cu­ra de­gli af­fet­ti. Fac­cio un esem­pio: quan­ti di noi og­gi im­pac­chet­ta­no con cu­ra un re­ga­lo? Di­cia­mo la ve­ri­tà: ci ri­du­cia­mo al 24 di­cem­bre al­le 18, an­dia­mo dai ci­ne­si, pren­dia­mo una co­sa che co­sta due eu­ro, la av­vol­gia­mo in una di quel­le bu­ste e que­sto sa­reb­be un re­ga­lo? È an­che da qui che si ve­de lo sta­to di sa­lu­te af­fet­ti­va di una ge­ne­ra­zio­ne, dai.

Mol­ti ado­le­scen­ti poi scri­vo­no tan­to e par­la­no po­co.

Nel mio Ci ve­dia­mo un gior­no di que­sti ho voluto rac­con­ta­re un’ami­ci­zia an­che per que­sto mo­ti­vo: cre­do che l’ami­ci­zia pos­sa sal­var­ci in un mon­do do­ve l’amo­re non ha più co­di­ci. Ma que­ste co­se, ai ra­gaz­zi, bi­so­gna in­se­gnar­le. In­se­gna­re lo­ro a par­la­re, a di­re «ti amo», a ri­co­no­sce­re un’emo­zio­ne.

Gior­ni fa ho in­con­tra­to al­cu­ni ado­le­scen­ti del li­ceo da me fre­quen­ta­to un tem­po. Par­la­va­no de­gli an­ni Ot­tan­ta co­me di un’era pre­i­sto­ri­ca. Uno mi ha det­to: «Sa, ho una zia con cui, no­no­stan­te la sua età ci si può par­la­re». Be­ne, que­sta zia ha qua­rant’an­ni! Ve­de­te, ne­gli ul­ti­mi de­cen­ni il mon­do è cam­bia­to al­la ra­di­ce, co­me se ci fos­se sta­to un big bang. Dun­que per lo­ro tu eri un re­per­to ar­cheo­lo­gi­co. Guar­da che se non la smet­ti ti imi­to ancora. rscor­ra­ne­se@cor­rie­re.it

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.