Via col ven­to non fi­ni­sce mai

La Lettura - - Il Dibattito Delle Idee - Di KARIN SLAUGHTER

Esat­ta­men­te ot­tant’an­ni fa, nel 1937, l’uni­co ro­man­zo dell’au­tri­ce di Atlan­ta (Geor­gia) vin­se il Pre­mio Pu­li­tzer. Og­gi una scrit­tri­ce di «cri­me no­vel» na­ta an­che lei in Geor­gia (71 an­ni do­po) e re­si­den­te an­che lei ad Atlan­ta rac­con­ta il rap­por­to vi­sce­ra­le che le­ga quel te­sto — che un son­dag­gio del 2014 tra i let­to­ri ame­ri­ca­ni di nar­ra­ti­va col­lo­ca­va al se­con­do po­sto do­po la Bib­bia — al­la sto­ria de­gli Sta­ti Uni­ti

Nel 1937 Mar­ga­ret Mit­chell, l’au­tri­ce di Via col ven­to, vin­se il Pre­mio Pu­li­tzer per la nar­ra­ti­va. An­che se l’adat­ta­men­to ci­ne­ma­to­gra­fi­co ha su­pe­ra­to di mol­to in po­po­la­ri­tà il ro­man­zo, i te­mi del Bil­dung­sro­man di Scar­lett O’Ha­ra, il suo per­cor­so da bam­bi­na vi­zia­ta a don­na po­ten­te, la sua ri­cer­ca dell’amo­re, i suoi com­pli­ca­ti rap­por­ti con la fa­mi­glia e la so­cie­tà so­no an­co­ra as­sai vi­vi nell’im­ma­gi­na­rio ame­ri­ca­no. Un son­dag­gio del 2014 fra i let­to­ri di nar­ra­ti­va col­lo­ca­va que­sto li­bro al se­con­do po­sto do­po la Bib­bia.

Per ca­pi­re per­ché, ot­tant’an­ni do­po, Via col ven­to sia an­co­ra con­si­de­ra­to una pie­tra mi­lia­re in am­bi­to cul­tu­ra­le, ba­sta vol­ge­re lo sguar­do al Sud de­gli Sta­ti Uni­ti. Nel­la con­tea di Clay­ton in Geor­gia, do­ve so­no cre­sciu­ta io, non si può ad esem­pio gi­ra­re per una stra­da o un viot­to­lo sen­za ri­pen­sa­re a Via col ven­to. Tut­te le non­ne del po­sto, com­pre­sa la mia, ave­va­no da rac­con­ta­re una sto­ria sul­le vol­te in cui la gio­va­ne Mar­ga­ret Mit­chell ar­ri­va­va in vi­si­ta. «Ave­va pa­ren­ti qui», di­ce­va mia non­na. «Mar­ga­ret Mit­chell era una di noi».

Non ho mai in­con­tra­to Mit­chell e non pre­ten­do di co­no­sce­re i suoi pen­sie­ri in­ti­mi, ma da quel che ho let­to di lei non cre­do pro­prio che si sa­reb­be con­si­de­ra­ta una di noi. Da ra­gaz­za, Mit­chell leg­ge­va li­bri di av­ven­tu­re «per ra­gaz­zi» e scri­ve­va sto­rie ap­pas­sio­na­te ed emo­zio­nan­ti che te­ne­va nei qua­der­ni di scuo­la. All’uni­ver­si­tà col­le­zio­na­va ma­te­ria­le ero­ti­co e por­no­gra­fi­co, e man­ten­ne que­sto in­te­res­se per tut­ta la vi­ta. Spo­sò un uo­mo vio­len­to e al­co­liz­za­to, poi di­vor­ziò e si ri­spo­sò con John Mar­sh, il mi­glio­re ami­co del pri­mo ma­ri­to. Scan­da­liz­zò la so­cie­tà per­be­ne di Atlan­ta per­ché non as­sun­se mai il co­gno­me di Mar­sh. In un pe­rio­do in cui ci si aspet­ta­va che le don­ne as­su­mes­se­ro i ruo­li di mo­gli e ma­dri, Mit­chell pre­se un la­vo­ro al gior­na­le lo­ca­le, do­ve fu cri­ti­ca­ta dai let­to­ri per­ché scri­ve­va di «don­ne for­ti che non cor­ri­spon­de­va­no agli stan­dard ac­cet­ta­ti del­la fem­mi­ni­li­tà».

Di si­cu­ro que­sti aspet­ti avreb­be­ro esclu­so che Mar­ga­ret Mit­chell po­tes­se es­se­re con­si­de­ra­ta da mia non­na una di noi. Ma la sua no­to­rie­tà, il ri­co­no­sci­men­to in­ter­na­zio­na­le e il gran­de suc­ces­so di Via col ven­to, sia nel­le li­bre­rie che al ci­ne­ma, spin­ge­va­no mia non­na a igno­ra­re tut­te le pro­ve con­tra­rie e ad ac­co­glie­re Mit­chell nel­la no­stra tri­bù.

Noi es­se­ri uma­ni ten­dia­mo a igno­ra­re i di­fet­ti dei no­stri eroi e a esa­ge­ra­re le ma­ga­gne dei no­stri ne­mi­ci. Vo­glia­mo che i no­stri ido­li sia­no per­so­ne buo­ne, e se non è co­sì, ci ac­con­ten­tia­mo che lo sia­no al­me­no un po­co. E nel Sud Scar­lett O’Ha­ra è il ti­po di eroi­na che va ol­tre la bon­tà, si av­vi­ci­na al­la per­fe­zio­ne. In mol­te pic­co­le cit­tà è più ve­ne­ra­ta del­la Ma­don­na. Si ve­de la sua im­ma­gi­ne sul­le con­fe­zio­ni di car­ta igie­ni­ca, in ci­ma al­le tor­te nu­zia­li, ap­pe­sa al­le fi­ne­stre e raf­fi­gu­ra­ta sui mu­ri, stret­ta a Rhett Bu­tler men­tre Atlan­ta bru­cia in lon­ta­nan­za.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.