Ognu­no per l’al­tro è un tu

La Lettura - - Libri Poesia - Di DA­NIE­LE PIC­CI­NI

Di­ce la pe­ru­gi­na An­na Ma­ria Fa­rab­bi di es­se­re an­da­ta ad Arquata del Tron­to do­po il si­sma del 2016, a por­ta­re la poe­sia ai bam­bi­ni: «A Arquata, tra le ma­ce­rie, du­ran­te le scos­se del ter­re­mo­to, i mor­ti e i sassi si muo­ve­va­no più dei vi­vi». È una del­le pro­se che pun­teg­gia­no la par­te ini­zia­le del li­bro di poe­sia La ca­sa de­gli sce­mi (Lie­toCol­le).

Nel luo­go del tre­mo­re, del­lo scia­me si­smi­co, l’au­tri­ce di­ce di aver ri­ce­vu­to un dia­rio, scrit­to da un mae­stro am­bu­lan­te, anar­chi­co, che at­tra­ver­sò da di­se­re­da­to la Pri­ma guer­ra mon­dia­le. Do­po aver­lo re­sti­tui­to e vi­sto di­strug­ge­re, l’au­tri­ce de­ci­de: «Lo re­cu­pe­ro at­tra­ver­so il mio can­to. Con ri­spet­to, nel mio rit­mo».

Na­sce co­sì den­tro la poe­sia del­la Fa­rab­bi la vo­ce di que­sto per­so­nag­gio umi- le e re­ni­ten­te — ba­rel­lie­re, rin­chiu­so co­me paz­zo, poi di­ser­to­re e di­sper­so — che ri­fiu­ta il «plo­to­ne car­ni­vo­ro del­la guer­ra» e sco­pre nel­la pro­pria nu­di­tà la ra­di­ce del­la fra­tel­lan­za: «Ognu­no per l’al­tro è un tu». Il cen­tro di que­sta scrit­tu­ra dia­ri­sti­ca esplo­sa e rein­ven­ta­ta, di que­sta pa­ro­la re­spi­ra­ta e fran­ta, è pro­prio la po­ver­tà, la spo­lia­zio­ne: «[…] Scri­vo/ con una ma­ti­ta li­be­ra e or­fa­na/ co­me è la poe­sia sem­pre». Ul­ti­mo fra gli ul­ti­mi, il per­so­nag­gio tran­si­ta at­tra­ver­so l’or­ro­re, si ri­bel­la.

A gui­da­re la ma­no del­la Fa­rab­bi è lo spi­ri­to ami­co di Al­do Ca­pi­ti­ni, il suo «tu» co­ra­le. E il pen­sie­ro, fis­so, che la poe­sia è nel vuo­to di sé: ri­na­sce e na­sce quan­do sem­bra far­si ter­ra e nul­la.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.