SU­BLI­ME PRE­SEN­ZA

An­ni fa, una com­pa­gnia pe­tro­li­fe­ra sen­ten­zia­va: ‘met­ti un Ti­gre nel mo­to­re’. Og­gi la dob­bia­mo ospi­ta­re nel ‘cuo­re’, la ti­gre. Ani­ma­le che as­som­ma bel­lez­za, po­ten­za, sa­cra­li­tà. L’India, que­sto, lo ha ca­pi­to.

Latitudes - - ALL' ORIGINE DELL'ECO - Te­sto e fo­to di Lu­ca Bra­ca­li www.lu­ca­bra­ca­li.it

Si tro­va nei so­gni dei bam­bi­ni e sta rac­chiu­sa nel­la fan­ta­sia di gran­di scrit­to­ri. Si te­me ma si ama, in­cu­te ter­ro­re ma ci af­fa­sci­na. Da Emi­lio Sal­ga­ri a Ang Lee, con la sua Vi­ta di Pi, ce l’han­no fat­ta co­no­sce­re da vi­ci­no, mo­stran­do­ce­la nel suo la­to ag­gres­si­vo ma an­che in quel­lo più dol­ce, fa­cen­do­ci sco­pri­re la sua se­du­cen­te bel­lez­za. Sua mae­stà la ti­gre non ha bi­so­gno di mol­te pre­sen­ta­zio­ni: è il più grande in as­so­lu­to fra i fe­li­ni, con un pe­so che può sfio­ra­re i 300 chi­li edè il più fe­ro­ce,da­ta la sua po­si­zio­ne di pre­da­to­re che si col­lo­ca in ci­ma al­la ca­te­na ali­men­ta­re. Nul­la in na­tu­ra rap­pre­sen­ta per lei un pe­ri­co­lo o una mi­nac­cia. A par­te l’uo­mo. Con­tra­ria­men­te a quan­to si pen­si, a mol­ti luo­ghi co­mu­ni, la ti­gre non vi­ve nel­la sa­va­na afri­ca­na fra leo­ni e leo­par­di, ma il suo ha­bi­tat na­tu­ra­le so­no le fo­re­ste asia­ti­che, la giun­gla in par­ti­co­lar mo­do, dall’In­do­ne­sia al Ne­pal, dal­la Ma­lay­sia al Ban­gla­de­sh, dal Bu­than al­la Thai­lan­dia, dal­la Si­be­ria all’India. E’ una cac­cia­tri­ce for­mi­da­bi­le ma è piut­to­sto elu­si­va, dif­fi­ci­le da av­vi­sta­re, ma non cer­to im­pos­si­bi­le.

Per so­prat­tut­to­nel­la­quel­che co­no­scer­la­to­glie man­to­sua in­di­scu­ti­bi­leil stria­to re­spi­ro,per più po­ter­lae da la da vi­ci­no, bel­lez­za­pa­triau­no fo­to­gra­fa­re sguar­do­per re­sa da ec­cel­len­za­due dei suoi re­sta par­chi si­cu­ra­men­te­più co­no­sciu­ti l’India, fra in le 53 ri­ser­ve del­la ti­gre. Ran­tham­bo­re, nel Ra­ja­sthan, a 180 chi­lo­me­tri da Jai­pur, è il tem­pio del­la ti­gre per an­to­no­ma­sia, un luo­go me­ra­vi­glio­so già per la sua sto­ria,a cui de­ve la pro­pria fa­ma. L’area di Ran­tham­bo­re ha una su­per­fi­cie di 1.350 chi­lo­me­tri qua­dra­tiin cui vi­vo­no, fra leo­par­di, cer­vi, tas­si, man­gu­ste e cin­ghia­li, ben 65 ti­gri di cui 20cir­ca so­no an­co­ra cuc­cio­li, ol­tre al­le ul­ti­me 4 ap­pe­na ar­ri­va­te, av­vi­sta­te a fi­ne giu­gno, e na­te po­co me­no di due me­si pri­ma. Un tem­po lon­ta­no, di­ver­si se­co­li fa, l’area di Ran­tham­bo­re era abi­ta­ta an­che dai leo­ni ma la len­ta tra­sfor­ma­zio­ne di que­sto ha­bi­tat, non più adat­to al­la lo­ro so­prav­vi­ven­za,ha fat­to sì che i leo­ni si spo­stas­se­ro a Gir (ve­di La­ti­tu­des Li­fe nr. 63) la­scian­do spa­zio al­la ti­gre del Ben­ga­la, che è co­sì mi­gra­ta ver­so nord.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.