INDIA

Latitudes - - ALL' ORIGINE DELL'ECO -

Ma ne vi­vo­no co­mun­que più in cat­ti­vi­tà ne­gli Sta­ti Uni­ti che li­be­re in tut­to il pia­ne­ta. Se Ran­tham­bo­re rap­pre­sen­ta la sto­ria e il fa­sci­no del­la ti­gre ma non è poi co­sì scon­ta­to ve­der­la no­no­stan­te i ri­pe­tu­ti ap­po­sta­men­ti, esi­ste un al­tro san­tua­rio do­ve l’av­vi­sta­men­to, pur non es­sen­do mai ga­ran­ti­to, è si­cu­ra­men­te più fa­ci­le. E’ il par­co na­zio­na­le di Ban­d­ha­v­ga­rh, ex-ri­ser­va di cac­cia del­la fa­mi­glia rea­le di Rewa con­ver­ti­to dal 1968 in un’area na­tu­ra­le pro­tet­ta di 400 chi­lo­me­tri qua­dra­ti e ric­ca di bio­di­ver­si­tà do­ve, fra scia­cal­li, vol­pi, ie­ne, leo­par­di ed ele­fan­ti, re­gna­no at­tual­men­te una ses­san­ti­na di ti­gri. Del­le tre aree vi­si­ta­bi­li in que­sto ca­so è la nu­me­ro 2 a fa­re la dif­fe­ren­za, ric­ca di poz­ze d’ac­qua, una doz­zi­na in to­ta­le(an­che se so­lo la me­tà rag­giun­gi­bi­li in jeep), do­ve le ti­gri ado­ra­no pas­sa­re il pro­prio tem­po sia per ab­be­ve­rar­si e la­var­si ma an­che per la­scia­re gio­ca­re i pro­pri cuc­cio­li, te­nen­do­li sem­pre sot­to il lo­ro se­ve­ro sguar­do. Istin­to, tat­ti­ca e in­tel­li­gen­za fan­no di que­sto fe­li­no un cac­cia­to­re for­mi­da­bi­le ma non in­fal­li­bi­le vi­sto che a una ti­gre in me­dia so­no ne­ces­sa­ri 25 at­tac­chi per cat­tu­ra­re una pre­da il che ri­chie­de, sem­pre in me­dia, una set­ti­ma­na di tem­po. La ti­gre, che può cor­re­re al mas­si­mo a 65 km. ora­rie per cir­ca 80/100 me­tri, per cac­cia­re i cer­vi e non spre­ca­re in­va­no le sue ener­gie, usa una tat­ti­ca spe­cia­le. Si ro­to­la nel­le uri­ne dei cer­vi per ma­sche­ra­re co­sì il pro­prio odo­re con il lo­ro. Poi ini­zia la fa­se di ap­po­sta­men­to e i cer­vi, sem­pre in­ten­ti a fiu­ta­re, per­ce­pi­sco­no

l’odo­re nel­le vi­ci­nan­ze di un al­tro cer­vo. E’ que­stio­ne di at­ti­mi e la ti­gre in po­chi se­con­di sfer­ra il suo at­tac­co piom­ban­do ad­dos­so al­la pre­da con una ve­lo­ci­tà pa­ri a 150 km ora­ri e una for­za di im­pat­to pa­ri a 180 chi­li. Con­fic­ca i ca­ni­ni nel­la giu­gu­la­re del­la pre­da e con i baf­fi per­ce­pi­sce at­tra­ver­so le vi­bra­zio­ni del cor­po se è an­co­ra vi­va o me­no. Poi,gra­zie al­la sua lin­gua mol­to ru­vi­da, to­glie la pel­lic­cia del cer­vo, che non può di­ge­ri­re, e con­su­ma so­la­men­te la car­ne. In­fi­ne, per evi­ta­re di es­se­re fiu­ta­ta da al­tri cer­vi, pos­si­bi­li fu­tu­re pre­de, la ti­gre con­clu­de il suo pa­sto con un ba­gno in ac­qua, ri­pu­len­do­si del san­gue e de­gli odo­ri del­la pre­da ap­pe­na di­vo­ra­ta, nel­le due ore suc­ces­si­ve. Do­po un di­giu­no pro­lun­ga­to una ti­gre adul­ta può in­ge­ri­re fi­no a 30 kg. di car­ne, al­tri­men­ti non ne con­su­ma più di 10-12 chi­li al­la vol­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.