«Do­ve­va­no sal­var­la»

Noe­mi uc­ci­sa a pie­tra­te dal fi­dan­za­to e se­pol­ta La fa­mi­glia del­la ragazza de­nun­ciò al­tre vio­len­ze

Leggo (Milano) - - DA PRIMA PAGINA - Ste­fa­nia Ci­ga­ri­ni

Uc­ci­sa a col­pi di pie­tra lo stes­so gior­no in cui è scomparsa da ca­sa, il 3 set­tem­bre, a Spec­chia n pro­vin­cia di Lec­ce. I die­ci gior­ni tra­scor­si da al­lo­ra so­no sta­ti zep­pi di spe­ran­za, do­lo­re, ap­pel­li dei fa­mi­lia­ri. E men­zo­gne, tan­te. Quel­le del fi­dan­za­ti­no-omi­ci­da e del pa­dre di lui, ora en­tram­bi in­da­ga­ti. Di Noe­mi Du­ri­ni, 16 an­ni, fi­no a ie­ri,

ri­ma­ne­va­no so­lo un post tra­gi­ca­men­te pro­fe­ti­co - Non è amo­re se ti fa ma­le - e le sue ul­ti­me im­ma­gi­ni da vi­va, re­gi­stra­te da una te­le­ca­me­ra di sor­ve­glian­za al­le 5 del mat­ti­no in via San Ni­co­la, a po­chi me­tri da ca­sa. Lei che sa­le sul­la 500 Fiat con­dot­ta dal fi­dan­za­to - un 17en­ne di Mon­te­sar­do di Ales­sa­no, un pae­se vi­ci­no che so­lo ie­ri ha con­fes­sa­to l’omi­ci­dio, do­po aver ne­ga­to a lun­go, ed ha con­dot­to gli in­ve­sti­ga­to­ri sul luo­go dell’oc­cul­ta­men­to: un cu­mu­lo di pie­tre in un uli­ve­to a San Giu­sep­pe di Ca­stri­gna­no del Ca­po, una tren­ti­na di chi­lo­me­tri da Spec­chia. Le mac­chie di san­gue an­co­ra ben vi­si­bi­li, lì in­tor­no. Il ra­gaz­zo è ac­cu­sa­to di omi­ci­dio vo­lon­ta­rio, il pa­dre - di 41 an­ni - di con­cor­so in omi­ci­dio, per­ché avreb­be aiu­ta­to il fi­glio ad oc­cul­ta­re il cor­po o a con­fon­de­re le ac­que. Ora i ca­ra­bi­nie­ri del Ris stan­no pas­san­do al se­tac­cio la ca­sa e le per­ti­nen­ze del­la gio­va­ne as­sas­si­no, men­tre un’al­tra ca­sa, quel­la del­la vit­ti­ma, è pre­si­dia­ta dai mi­li­ta­ri e dai pa­ren­ti. Un ar­gi­ne di af­fet­to a un do­lo­re im­men­so e tan­ta rab­bia: «Bi­so­gna­va in­ter­ve­ni­re pri­ma, al­lon­ta­nar­lo pri­ma, bi­so­gna­va rin­chiu­der­lo in

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.