«Cre­do nel­la so­rel­lan­za»

Ge­ri­ni in “No­ve lu­ne e mez­za” dell’ami­ca An­dreoz­zi: «Al­lear­si fa be­ne»

Leggo (Milano) - - SPETTACOLI - Mi­che­la Gre­co Claudia Ge­ri­ni

RO­MA – L’af­fol­la­to set ischi­ta­no del nuo­vo film di Ga­brie­le Muc­ci­no, do­ve l’ab­bia­mo rag­giun­ta al te­le­fo­no, sta te­nen­do mol­to im­pe­gna­ta Claudia Ge­ri­ni, che in que­ste set­ti­ma­ne sem­bra do­ta­ta del do­no dell’ubi­qui­tà. Men­tre gi­ra A ca­sa tut­ti be­ne ac­can­to – tra gli al­tri – a Ste­fa­no Ac­cor­si, Pier­fran­ce­sco Fa­vi­no, Carolina Cre­scen­ti­ni, Ste­fa­nia San­drel­li e Va­le­ria So­la­ri­no, l’at­tri­ce ro­ma­na è al ci­ne­ma con Am­mo­re e ma­la­vi­ta dei Ma­net­ti Bros. e, da og­gi, con No­ve lu­ne e mez­za, di Mi­che­la An­dreoz­zi, men­tre su Net­flix la si può ve­de­re nel­la se­rie Su­bur­ra nei pan­ni di un re­vi­so­re dei con­ti in Va­ti­ca­no spo­sa­ta a un pa­laz­zi­na­ro. Nel­la com­me­dia del­la sua col­le­ga at­tri­ce, pe­rò, for­se met­te un pez­zet­to di cuo­re in più, vi­sto che è l’esor­dio al­la re­gia di una don­na a cui è le­ga­ta da una for­te ami­ci­zia, e che par­la pro­prio di scel­te fem­mi­ni­li e di “so­rel­lan­za”. Nel film Ge­ri­ni è Li­via, una don­na che non vuo­le fi­gli e si go­de la vi­ta e la car­rie­ra di vio­lon­cel­li­sta, men­tre An­dreoz­zi è Tina che, al con­tra­rio, è spo­sa­ta (con Lil­lo) e non rie­sce a ri­ma­ne­re in­cin­ta pur de­si­de­ran­do­lo tan­to. Con la com­pli­ci­tà dell’ami­co gi­ne­co­lo­go (in­ter­pre­ta­to da Ste­fa­no Fre­si) tro­ve­ran­no una so­lu­zio­ne... in no­me del­la so­li­da­rie­tà fem­mi­ni­le.

Lei e Mi­che­la An­dreoz­zi sie­te mol­to ami­che, quan­to con­ta per lei la “so­rel­lan­za”?

«Ci sen­tia­mo dav­ve­ro so­rel­le, nel­la vi­ta e nel la­vo­ro. Lei ha con­tri­bui­to al­la scrit­tu­ra del mio spet­ta­co­lo tea­tra­le “Sto­rie di Claudia” e io so­no fe­li­ce di es­se­re al suo fian­co per il suo de­but­to al­la re­gia. La so­rel­lan­za, nel sen­so di so­li­da­rie­tà fem­mi­ni­le, può es­se- re una chia­ve che apre mol­te por­te: se le don­ne im­pa­ras­se­ro ad al­lear­si tra lo­ro mol­te co­se an­dreb­be­ro me­glio».

Nel film una so­rel­la “pre­sta” l’ute­ro all’al­tra. Lei co­sa pen­sa del­la pra­ti­ca dell’ute­ro in af­fit­to?

«Per­so­nal­men­te sa­rei in­ca­pa­ce di stac­car­mi da una crea­tu­ra che ha vis­su­to den­tro di me, ma se una don­na è con­sa­pe­vo­le e si sen­te pronta ha tut­to il di­rit­to di sce­glie­re. Quan­do pe­rò si su­pe­ra il con­fi­ne del­lo sfrut­ta­men­to del cor­po, ma­ga­ri per de­na­ro, è una co­sa da con­dan­na­re. È co­mun­que bel­lo che una com­me­dia af­fron­ti te­mi co­sì for­ti».

E dei fi­gli fat­ti in età ma­tu­ra co­sa pen­sa?

«Che va be­ne, ma de­ve es­ser­ci un li­mi­te e di­pen­de an­che da quan­te ener­gie ha la don­na. 53 an­ni, ad esem­pio, mi sem­bra­no tan­ti. Me­no di tut­to, pe­rò, mi pia­ce chi la­scia che la sua rea­liz­za­zio­ne co­me don­na pas­si so­lo per la ma­ter­ni­tà».

UTE­RO IN AF­FIT­TO

«Non po­trei mai stac­car­mi da una mia crea­tu­ra ma se una don­na è pronta de­ve po­ter sce­glie­re»

SCE­NA Claudia Ge­ri­ni in una sce­na di “No­ve lu­ne e mez­za”, in­sie­me al­la re­gi­sta Mi­che­la An­dreoz­zi, a Lil­lo e a Ste­fa­no Fre­si. Il film sa­rà nel­le sa­le a par­ti­re da og­gi A fian­co (fo­to Leonardo Puc­ci­ni) Gior­gio Pa­sot­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.