FUORI DAL MONDO

L’Ita­lia non se­gna: 0-0 e la Sve­zia va a Rus­sia 2018. Nien­te Mon­dia­le do­po 60 an­ni!

Leggo (Milano) - - DA PRIMA PAGINA - De Fran­ce­schi e Zor­zo

Una di­sfat­ta sto­ri­ca, che ha un precedente so­lo nel 1958: nien­te Mon­dia­le di Rus­sia per l’Ita­lia di Ventura, che non ce l’ha fat­ta a re­cu­pe­ra­re il gol su­bi­to dal­la Sve­zia nell’an­da­ta. Co­sì lo 0-0 di San Si­ro è sta­to fa­ta­le. Una scon­fit­ta che va ol­tre lo sport, co­me ha det­to Buffon in lacrime: «Ab­bia­mo fal­li­to e an­che a li­vel­lo so­cia­le era im­por­tan­te pas­sa­re». Il Ct: «Chiedo scusa agli Italiani». Ma non si di­met­te. Bu­fe­ra sui ver­ti­ci del­la Figc.

MILANO - L’Apo­ca­lis­se azzurra si ma­te­ria­liz­za al­le 22,40. Il 13 no­vem­bre 2017 en­tra nel­la sto­ria co­me la da­ta più ne­ra del cal­cio azzurro. L’Ita­lia è fuori dal mon­dia­le, do­po 60 an­ni. La ca­ta­stro­fe su cui iro­niz­za­va so­lo po­che set­ti­ma­ne fa Ventura si ab­bat­te sul­lo stes­so ct che ri­me­dia una del­le fi­gu­rac­ce più epi­che del­la sto­ria pal­lo­na­ra. Non ras­se­gna le di­mis­sio­ni al­la fi­ne, chie­de scusa agli italiani: «Non per l’im­pe­gno, che c’è sta­to, ma per il ri­sul­ta­to» e fa ca­pi­re che la sua sto­ria azzurra è ar­ri­va­ta al ca­po­li­nea. In 180 mi­nu­ti gli az­zur­ri non rie­sco­no a fa­re un gol al­la Sve­zia più scar­sa de­gli ul­ti­mi de­cen­ni e co­sì de­ci­de l’au­to­re­te di De Ros­si nel mat­ch d ‘an­da­ta. Il mon­dia­le di Rus­sia lo ve­dre­mo in tv e for­se è giu­sto co­sì. La con­fu­sio­ne tat­ti­ca e men­ta­le di Ventura ha fi­ni­to per can­cel­la­re tut­to e tut­ti. Fan­no qua­si com­pas­sio­ne i 73mi­la di San Si­ro che fi­no al­la fi­ne can­ta­no e in­ci­ta­no. Fi­ni­sce con le lacrime in cam­po di Buffon: «Non so­no di­spia­ciu­to per me ma per L’in­te­ro mo­vi­men­to. Un ab­brac­cio a tut­ti, la­scio a Don­na­rum­ma, Pe­rin e tut­ti gli al­tri», di­ce il ca­pi­ta­no che dà l’addio al la na­zio­na­le nel­la sua not­te più cu­pa. E con gli al­tri vec­chi co­me Bar­za­gli e pro­ba­bil­men­te Chiel­li­ni. «Tut­ti i ve­te­ra­ni», an­nun­cia lo stes­so Gi­gi.

Il pri­mo tem­po sci­vo­la via con una na­zio­na­le che ci pro­va ma che si di­mo­stra sem­pre spun­ta­ta. Le oc­ca­sio­ni più gros­se ca­pi­ta­no sui pie­di di Can­dre­va e Im­mo­bi­le, la cui con­clu­sio­ne vie­ne sal­va­ta qua­si sul­la li­nea da­gli sve­de­si. Jor­gi­n­ho smi­sta pal­lo­ni, Flo­ren­zi spin­ge ma è trop­po po­co, co­sì lo spic­chio gial­lo nel ter­zo anel­lo di San si­ro di bri­vi­di ne ha più per il fred­do che per i pe­ri­co­li in cam­po. Gli az­zur­ri pos­so­no po­le­miz­za­re per un ri­go­re non con­ces­so in av­vio a Pa­ro­lo, ma poi La­hoz chiu­de un oc­chio pu­re un pa­io di vol­te nel­la no­stra area.

La ri­pre­sa ini­zia con una oc­ca­sio­ne di Flo­ren­zi poi è un azzurro spen­to. Co­sì do­po un’ora di gio­co il ct cam­bia in­se­ren­do Be­lot­ti ed El Shaa­rawy. Mos­sa for­se tar­di­va. Il più lim­pi­do ta­len­to ita­lia­no dal no­me In­si­gne re­sta sot­to le co­per­te in pan­chi­na per 95 mi­nu­ti: en­tra Ber­nar­de­schi. Tut­to inu­ti­le, il nul­la to­ta­le. Il cal­cio ita­lia­no ri­par­te dal­le ma­ce­rie del­la not­te di San Si­ro. E se c’è una co­sa po­si­ti­va di una si­mi­le di­sfat­ta è la ne­ces­si­tà di ri­par­ti­re da ze­ro.

LAR­GO AI GIOVANI

Di­spia­ciu­to per tut­to il mo­vi­men­to. Ora io e gli al­tri ve­te­ra­ni la­scia­mo ai giovani

VENTURA, È FINITA: «CHIEDO SCUSA AGLI ITALIANI». BUFFON IN LACRIME DÀ L’ADDIO ALL’AZZURRO. FIGC, CRISI APERTA

LACRIME DI ADDIO Gian­lui­gi Buffon in lacrime: ie­ri è sta­ta la sua ul­ti­ma par­ti­ta in Na­zio­na­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.