Un mi­cro­chip per evi­ta­re i crol­li di al­be­ri

Un pi­no se­co­la­re è ve­nu­to giù nel pa­laz­zo del­la Ma­ri­na Il Cam­pi­do­glio cor­re ai ri­pa­ri: sen­so­ri per evi­ta­re i crol­li

Leggo (Roma) - - Da Prima Pagina - So­fia Uni­ca

Tre gran­di pi­ni ca­du­ti in tre gior­ni e due fe­ri­ti. È stra­ge di al­be­ri a Ro­ma, l'ul­ti­mo è crol­la­to ie­ri nel par­cheg­gio di Pa­laz­zo Ma­ri­na, a ri­dos­so del Lun­go­te­ve­re del­le Na­vi: il gros­so al­be­ro - ca­du­to nel mo­men­to di mas­si­mo af­flus­so del per­so­na­le nel pa­laz­zo - ha schiac­cia­to una mac­chi­na par­cheg­gia­ta, for­tu­na­ta­men­te vuo­ta. Nes­sun dan­no al­le per­so­ne, ma tan­ta pau­ra per chi si tro­va­va a pas­sa­re di lì. E ora il Cam­pi­do­glio si af­fi­da an­che ad un mi­cro­chip per mo­ni­to­ra­re le pian­te mi­nac­cia­te e a ri­schio crol­lo.

Ba­sta fa­re una pas­seg­gia­ta in cit­tà per ac­cor­ger­si che la mag­gior par­te de­gli al­be­ri non so­no po­ta­ti da tem­po e ri­schia­no di es­se­re un serio pe­ri­co­lo per i cit­ta­di­ni co­stret­ti, in al­cu­ne zo­ne, a ve­re gim­ca­ne tra ra­mi e fo­glie che in­va­do­no i mar­cia­pie­di, quan­do non crol­la­no a cau­sa del ven­to e del­la piog­gia. E sa­reb­be pro­prio la lun­ga sic­ci­tà e l'ar­ri­vo di nu­bi­fra­gi vio­len­ti a far sì che le ra­di­ci non ten­ga­no più il ter­re­no pro­vo­can­do lo sra­di­ca­men­to. Il set­to­re del­la ma­nu­ten­zio­ne del ver­de pub­bli­co era sta­to pe­san­te­men­te in­fil­tra­to da Ma­fia Ca­pi­ta­le. Ora i ban­di stan­no ri­par­ten­do, «ne stia­mo ag­giu­di­can­do al­cu­ni - ha det­to la sin­da­ca Vir­gi­nia Rag­gi - per an­da­re a col­ma­re evi­den­te­men­te una ca­ren­za di con­trol­li che og­gi pe­sa. È evi­den­te che è un la­vo­ro im­ma­ne. L'ini­zio c'è sta­to e pro­se­gui­rà. Noi ci sia­mo at­ti­va­ti, ma c'è an­co­ra tan­to da fa­re».

Sot­to l'am­mi­ni­stra­zio­ne M5s è co­min­cia­to il mo­ni­to­rag­gio di 82mi­la es­sen­ze sul­le 320mi­la pre­sen­ti a Ro­ma, tra pi­ni, pla­ta­ni, lec­ci e altri ge­ne­ri di «pri­ma gran­dez­za» (pa­ri o su­pe­rio­ri ai 20 me­tri) che com­pren­de, ove ne­ces­sa­rio, an­che la po­ta­tu­ra. Non solo, ogni pian­ta vie­ne mo­ni­to­ra­ta at­tra­ver­so uno stru­men­to che si chia­ma “VTA”, ov­ve­ro Vi­sual Tree As­si­stan­ce, che rac­co­glie da­ti sul­lo sta­to del fu­sto, del­le ra­di­ci e del­le fo­glie. In più, «so­no sta­ti as­sun­ti 30 giar­di­nie­ri al Ser­vi­zio Giar­di­ni do­po 10 anni, in ag­giun­ta ai 170 in ser­vi­zio - spie­ga­no dall'as­ses­so­ra­to all'Am­bien­te - ol­tre ai 50 ma­nu­ten­to­ri ci­vi­ci già ope­ra­ti­vi».

Ma i cit­ta­di­ni so­no pre­oc­cu­pa­ti e a lan­cia­re uno dei tanti al­lar­mi so­no i re­si­den­ti a Tra­ste­ve­re: «In via Dan­do­lo - spie­ga il pre­si­den­te dell'as­so­cia­zio­ne Ri­na­sci­ta via Dan­do­lo, An­ge­lo An­gius - so­no ca­du­ti bel due pla­ta­no ad alto fu­sto nel gi­ro di un me­se. Ce ne è uno inol­tre to­tal­men­te sec­co che il Ser­vi­zio Giar­di­ni ave­va già mo­ni­to­ra­to un an­no fa con­tras­se­gnan­do­lo con una X ros­sa che si­gni­fi­ca: da ab­bat­te­re. Nes­su­no però, ri­pe­to, da un an­no a questa par­te, si è fat­to più vi­vo e qui vi­via­mo con la pau­ra che que­sto gran­de al­be­ro pos­sa ca­der­ci ad­dos­so da un mo­men­to all'al­tro. Ad ago­sto ab­bia­mo pre­sen­ta­to an­che un espo­sto de­nun­cia al Co­mu­ne». Dall'as­ses­so­ra­to all'Am­bien­te ras­si­cu­ra­no e fan­no sa­pe­re che «par­ti­ran­no in set­ti­ma­na gli in­ter­ven­ti in I Mu­ni­ci­pio e non solo».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.